AZIENDE

Blasting News e IAS insieme per garantire qualità e brand safety agli inserzionisti

- # #

Blasting News

Blasting News ha stretto una partnership con IAS, specializzata sulle misurazioni e gli analytics che permette all’industry dell’advertising di impostare un’ulteriore linea di difesa contro i content di bassa qualità o la pubblicità distorta all’interno della vastissima portata di contenuti oggi esistenti.

Gli articoli di Blasting News sono realizzati da collaboratori freelance delocalizzati, i cosiddetti Blaster, e vengono poi sottoposti a un’accurata verifica da parte di un team qualificato di professionisti senior e analizzati da algoritmi tecnologici. La tecnologia di brand safety di IAS esamina i contenuti di Blasting News in tempo reale, identificando il livello di rischio che potrebbe comportare per un marchio, classificandolo in quattro categorie: molto basso, basso, medio e alto. Blasting News ha integrato questa tecnologia su tutti i contenuti prodotti: oltre 30.000 articoli ogni mese che sono controllati meticolosamente per garantire la massima sicurezza per gli advertiser.

Si tratta di un’implementazione particolarmente rilevante anche per la divisione italiana, guidata dal Country Manager Filippo Arroni, che conta oltre 15 milioni di utenti unici, un magazzino video pre-roll da 40 milioni di video view mensili e oltre 500.000 Blaster attivi. L’area italiana si è prefissata un importante obiettivo per il 2017: un incremento notevole del fatturato rispetto al 2016 grazie ai progetti di Native Branded Content, alla nuova struttura locale, al consolidamento del business in programmatic e alla crescita delle campagne in reservation. La partnership favorirà ulteriormente il raggiungimento di grandi risultati anche in quest’area geografica.

“Ogni volta che IAS ci segnala che un articolo è classificato a medio o alto rischio, blocchiamo ogni forma di pubblicità. Siamo consapevoli del fatto che le grandi news sono molto interessanti a livello informativo per i nostri lettori, ma allo stesso tempo poco sicure per alcuni marchi. Un esempio può essere quando viene riportata una storia riguardante un terremoto: dal punto di vista giornalistico si vuole garantire una copertura totale dell’evento, ma con ogni probabilità nessun brand vuole essere associato a un terremoto. Ecco perché continueremo a pubblicare questo tipo di notizie, ma non mostreremo alcuna pubblicità accanto ad esse, se i marchi non lo desiderano”, ha spiegato Andrea Manfredi, CEO di Blasting News.

Grazie a questa partnership, Blasting News utilizzerà i dati IAS per produrre campagne sicure per i brand e inventory di qualità, soddisfacendo appieno le aspettative degli advertiser.

“Preservare la sicurezza dei marchi in un mondo programmatic è per noi la priorità assoluta. Continueremo, quindi, a sottoporre la nostra piattaforma e gli algoritmi a stress-test per essere certi che i brand possano fare la loro pubblicità in un ambiente assolutamente sicuro”, ha concluso Andrea Manfredi.

“Siamo molto entusiasti di questa partnership con Blasting News che ha l’obiettivo di monitorare la brand safety del loro repertorio di news. Questa collaborazione garantisce ai clienti di Blasting News la sicurezza che la reputazione del loro brand è protetta in linea con le loro impostazioni di livello di rischio”, ha spiegato Paul Astbury, Business Development Director, Publisher Solutions, Integral Ad Science.

articoli correlati

MEDIA

Giornalisti di tutta Europa unitevi: nasce il marketplace dei contenuti Blasting360

- # # # # # #

Blasting360

Blasting News a febbraio 2016 è stato selezionato da Google Digital News Initiative (DNI) per aver presentato un progetto rivolto all’industria dei publisher, giudicato uno dei più innovativi a livello europeo, in grado di aprire nuovi orizzonti per il giornalismo digitale, attraverso l’innovazione e la tecnologia. Oggi, a poco più di un anno di distanza, il progetto in procinto di partire a livello operativo ha preso il nome di Blasting360 e rappresenta il primo Marketplace Europeo di contenuti multimediali per connettere giornalisti ed editori in tutta Europa.

Andrea Manfredi, founder & CEO di Blasting News, annuncerà il lancio ufficiale del Marketplace durante una conferenza stampa che si terrà a Milano martedì 6 giugno alle ore 12:45 nella terrazza del prestigioso Hotel The Viu Milan, presso il ristorante dello chef stellato Giancarlo Morelli. Nel corso dell’evento, interverrà anche Tom Corbett, Head of European Division International News Media Association. “Ci tengo a ringraziare nuovamente Google DNI da cui abbiamo ricevuto dei fondi che hanno reso possibile lo sviluppo di questo progetto. L’obiettivo di Blasting360 è di offrire una prospettiva europea completamente nuova al giornalismo digitale, promuovendo la pubblica opinione in tutta Europa, facendo leva sulla tecnologia innovativa che Blasting News ha sviluppato in questi anni” afferma Andrea Manfredi, Founder & CEO di Blasting News.
Blasting360 darà la possibilità a tutti i publisher europei, sia nazionali che locali, di ricevere o di richiedere contenuti ad hoc originali prodotti da un network qualificato di giornalisti, freelance e opinion leader 2.0.

I publisher avranno finalmente a disposizione una piattaforma che permetterà di accedere a contenuti multimediali, mainstream e locali, facilmente, in tempo reale e a un prezzo competitivo. Gli editori potranno scegliere liberamente i contenuti che meglio risponderanno alle loro esigenze, sia selezionandoli attraverso una mappa dinamica di “Hot Trends” di news globali, regolata da un algoritmo proprietario, creando così il proprio feed di notizie su misura; sia commissionandoli direttamente a giornalisti specifici in base alle esigenze (lingua, paese)

articoli correlati

MEDIA

Andrea Manfredi (Blasting News) a IAB Forum: “Il mercato del digitale è Programmatic e Native”

- # # # #

Andrea Manfredi, Founder CEO Blasting News, a IAB Forum 2015: “Al momento, la criticità emergente è rappresentata dagli AdBlocker. Servono nuove modalità che consentano ai brand di comunicare comunque con le loro audience di riferimento. Una delle soluzioni possibili è il Native Advertising”.

Prosegue qui…

articoli correlati