BRAND STRATEGY

Mickalene Thomas firma ‘Better days’ per il nuovo art bar Absolut

- # # # # # #

Absolut Art Bureau, la divisione di Absolut dedicata alle iniziative legate al mondo dell’arte al livello internazionale, presenta una nuova collaborazione artistica su vasta scala che sarà allestita nel corso della nuova Edizione di Art Basel a Basilea.  L’autrice del nuovo art bar è l’artista di Brooklyn Mickalene Thomas che con l’installazione BETTER DAYS convertirà la Galleria d’Arte Volkshausdi Basilea, in una coinvolgente esperienza artistica.

 

BETTER DAYS proporrà un fitto programma di eventi serali, curato da Mickalene Thomas, tra cui scenografiche DJ-set live performance. Il bar offrirà agli ospiti l’opportunità di gustare cocktail a base di ABSOLUT creati ad-hoc insieme all’artista. “Siamo entusiasti del progetto sviluppato da Mickalene Thomas. Con Better Days ha realizzato un concept incredibile e ambizioso: dalle proposte musicali che celebrano i mitici anni ’70, ai cocktail in accompagnamento all’allestimento, sarà davvero un’esperienza unica e indimenticabile.” Jonas Tahlin, VP Marketing The Absolut Company

 

La Galleria d’arte di Volkshaus diventa un tipico appartamento Seventies, preparato per ospitare un favoloso e psichedelico party. L’ispirazione proviene dalla madre dell’artista e dalla sua abitudine di offrire agli amici divertenti feste in casa sul finire degli anni ’70. Better Days ricostruisce in modo particolarmente fedele l’estetica domestica di quel periodo: dalla carta da parati che riproduce i classici rivestimenti in legno, fino a divani personalizzati e rivestiti da uno speciale tessuto che riporta la firma dell’artista. Ogni sera, Thomas farà da perfetta padrona di casa introducendo ai visitatori-amici le performance di acclamati DJ, come DJ YSL, Derrick Adams, Simon de Pury, i quali a loro volta ci cimenteranno in un tributo alle selezioni musicali che la madre dell’artista era solita proporre. Oltre a diversi concerti jazz di musicisti locali, anche l’incredibile esibizione di Solange Knowles, artista di fama internazionale, amica di Thomas, con cui ha collaborato negli ultimi lavori creativi.

 

Absolut Art Bureau è Presenting Partner delle Art Basel Conversations, il programma di dibattiti organizzato nel corso dei diversi Art Basel a Basilea, Miami Beach e Hong Kong. Le conversazioni vedono la presenza di artisti ed esperti provenienti da ogni campo artistico, così come di gruppi di collezionisti, direttori di musei, architetti, curatori, critici, galleristi ed editori, tutti riuniti per discutere importanti temi sullo stato dall’Arte. Uno degli obiettivi principali di ABSOLUT ART BUREAU è quello di promuovere un discorso artistico e di offrire una piazza di visibilità alle nuove idee nel campo delle arti di tutto il mondo. Tutte queste discussioni, in formati video di alta qualità, saranno accessibili a livello globale attraverso una piattaforma digitale www.absolutartbureau.com.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

“Condividi una Coca-Cola”, le lattine personalizzate in tv con McCann Worldgroup

- # # # # # # #

Conclusa con successo la fase teasing della campagna “Condividi una Coca Cola”, il colosso americano torna in tv con un inno alla condivisione firmato da McCann Worldgroup. Condivisione e amicizia sono alla base del nuovo spot che ha per protagonisti due amici, Lorenzo e Matteo che hanno, da sempre, diviso tutto.

Inizia così la seconda fase con lo spot televisivo on air dal 2 giugno. La storia punta sulla condivisione in modo divertente e ironico, i due ragazzi parlano del loro legame e delle loro avventure estive, incoraggiando tutti a condividere una Coca-Cola con il proprio migliore amico. La creatività dei due spot televisivi,  dei radiocomunicati, la campagna stampa, affissione, le attività di comunicazione sul web e sui social media, sono state realizzate da McCann Worldgroup. La pianificazione è curata da Starcom Italia. Oltre alla tv, sono previsti spot radiofonici, una pianificazione su stampa e affissioni e verrà realizzata un’estesa campagna di comunicazione all’interno dei punti vendita, che coinvolgerà oltre 12mila punti della grande distribuzione e 37mila bar.

Con il progetto “Condividi una Coca-Cola”, il celebre logo sulle bottiglie e lattine di Coca-Cola, Coca-Cola light e Coca-Cola Zero sarà sostituito, fino ad agosto, dai 150 nomi propri più diffusi in Italia (da Alessandra a Valentina, da Andrea a Stefano), ma non solo…. protagonisti anche i nomi generici (“mamma”, “amico”, “il prof”, “la squadra”) e i modi di dire più comuni e popolari tra il pubblico di giovani consumatori (come: “Lo Zio”, “Il Socio” ,“Il Fenomeno” , “La VIP”, “La Stilosa”, “Il Genio”).

A supporto del progetto è stata ideata un’importante campagna integrata di marketing, che ha visto un notevole investimento pubblicitario e il coinvolgimento di molteplici canali.

La fase “teasing” della campagna, che si è da poco conclusa, mirava a coinvolgere, attraverso un’articolata attività di Brand PR, un ampio spettro di influencer a vario titolo (vip, giornalisti, blogger, etc). I risultati sono stati straordinari con più di 20 milioni di impressions (tra Twitter, Facebook e Instagram) e tre video teaser dedicati al progetto postati sul canale YouTube di Coca-Cola.

Grazie a questa campagna, i giovani potranno trascorrere un’estate all’insegna dell’amicizia e della condivisione, divertendosi a cercare sulle confezioni i nomi di parenti e amici: le lattine e le bottiglie diventeranno regali unici e collezionabili, il pretesto per socializzare e attaccar bottone in spiaggia come in città, ma anche icone da esibire o oggetti da regalare per condividere una Coca-Cola in allegria.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

FutureBrand festeggia i 140 anni dell’acqua Mattoni con un progetto di branding strategico

- # # # # # # #

Per festeggiare i primi 140 anni del brand, l’acqua Mattoni si presenta con un look rinnovato e un progetto di branding strategico firmato da FutureBrand. Una bottiglia in edizione limitata che riprende lo stile della prima etichetta del 1873,  l’anno in cui  il Signor Mattoni comprò la fonte Kyselka presso Carlsbad in Repubblica Ceca, frequentata tra gli altri dallo zar Pietro il Grande, dal musicista Johan Sebastian Bach e da Giacomo Casanova, e vi costruì un centro termale e fondò la società. Mattoni e FutureBrand, partner ormai da diversi anni per una serie di progetti di branding strategico e packaging design, hanno lavorato insieme per creare il design della bottiglia dei 140 anni, venduta in edizione limitata per festeggiare la ricorrenza.

 

Sull’etichetta campeggia l’aquila, simbolo indiscusso di naturalità e purezza. L’aquila resta protagonista anche dell’etichetta del 140°, mentre il lettering del logo Mattoni è stato rinnovato con l’inserimento di nuove “grazie” dal sapore contemporaneo e da alcuni elementi presi dallo script del marchio precedente. Le forme caratteristiche dell’immagine Mattoni sono state mantenute e, anzi, drammatizzate per trasmettere il senso di una tradizione che poggia su valori autentici. Spiega Chiara Sozzi Pomati, Deputy Executive Creative Director di FutureBrand, che ha guidato il team di progetto: “Oltre al restyling e all’attualizzazione del logo, abbiamo creato anche un sigillo composto dal nuovo logo e dall’icona dell’aquila, un sistema pratico per brandizzare tutti i materiali previsti per la comunicazione di questo evento e celebrare in maniera personale e dinamica il 140° anniversario della marca”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Levissima torna in radio con Lowe Pirella Fronzoni per tutta la famiglia

- # # # # # #

Sarà on air sino al 2 giugno il nuovo spot firmato da Lowe Pirella Fronzoni per l’acqua Levissima per comunicare la nuova promozione frutto dell’accordo con Mondoparchi. Il brand ha scelto l’ironia nei due soggetti radio che sono costruiti sotto forma di dialoghi ritmati e spiritosi.

 

Lo spot evoca l’ambientazione di un supermercato, dove i protagonisti si informano sulla nuova offerta Levissima che si differenzia da tutte le altre. “È vero che con l’acquisto di un chilo di cipolle si può vincere un biglietto per il festival del film strappalacrime, o che con l’acquisto di formaggio di montagna si ha in regalo una gita in sella a uno stambecco?”, chiede un signore. Ovviamente no, ma, come informa la ragazza coinvolta nel dialogo, Levissima propone una vera offerta, imperdibile: regalando a tutti i consumatori che acquistino una confezione da 6 bottiglie 1,5L naturale o frizzante, o di 2L naturale un biglietto Mondoparchi One Day, Levissima è, come recita il claim, “la scelta che ti premia”. Un tono carico di umorismo e leggerezza quello che meglio descrive, nel lavoro dall’agenzia Lowe Pirella Fronzoni, la promozione dell’acqua lieve per eccellenza, per strappare un sorriso a tutta la famiglia.

 

Il voucher, che si trova stampato direttamente sulla confezione, è valido per l’ingresso gratuito per bambini di età fino a 13 anni (non compiuti) all’interno di una delle 1.500 strutture affiliate a Mondoparchi. Un’opportunità unica per scoprire le meraviglie dei più spettacolari parchi faunistici, naturalistici e botanici d’Italia e dei più incantevoli acquari, o per lanciarsi in meravigliose avventure immersi nell’ambiente, all’insegna dell’attività fisica.

 

CREDITS

AGENZIA Lowe Pirella Fronzoni
COPY Michele Bellini
DIRETTORE CREATIVO Daniele Dionisi
DIRETTORE CREATIVO ESECUTIVO Laura Sordi
PRODUZIONE Catsound

articoli correlati

MEDIA

‘Street Food Heroes’, il travel cooking show targato Lovely su Italia2

- # # # # # # #

Debutterà domenica 26 maggio alle 22.15 su Mediaset Italia 2 ‘Street Food Heroes’, il primo programma dedicato al “cibo di strada” firmato Lovely. La prima produzione televisiva della società fondata da Valentina Gardani è un travel cooking show inedito, che ha come protagonisti tre intenditori del cibo popolare: il critico enogastronomico Mauro Rosati, la foodblogger texana Laurel Evans e lo chef dall’animo rock Francesco Fichera.

 

La loro missione è trovare gli Street Food Heroes italiani, ovvero i migliori street chef o cuochi da strada. Per farlo, percorreranno tutta l’Italia, a partire dalla prima puntata del 26 maggio con tappa a Napoli. Al termine delle sfide in tv verrà realizzata la Street Food Heroes Guide, che conterrà le ricette presentate in ogni puntata e altre scritte o suggerite dal pubblico attraverso le pagine dei social network del programma. La guida avrà due formati: quello cartaceo e quello multimediale, sotto forma di APP navigabile.
“Street Food Heroes” è prodotto da Lovely srl in collaborazione con il centro media Mediaclub in partnership con Ceres. “Crediamo fortemente in questo nuovo format che parte da un’idea molto semplice: far conoscere il migliore street food del nostro paese in maniera “rock” e innovativa» – commenta la produttrice di Lovely srl Valentina Gardani, che aggiunge: «Street Food Heroes rappresenta anche l’esempio perfetto di branded content e, per questa operazione, non potevamo trovare partner migliore di Ceres, brand d’eccellenza dall’anima urban e autentica”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il Giro d’Italia arriva in Alto Adige. Birra FORST ci sarà

- # # # #

La 96esima edizione del Giro d’Italia  passerà con due tappe in Alto Adige. Birra FORST sostiene il locale comitato organizzatore. Infatti, per placare la sete dei tifosi che seguono la carovana rosa, lungo il percorso verranno installate postazioni per la spillatura della birra.

Saranno 340 i chilometri che gli atleti dovranno percorrere nelle due tappe altoatesine, per un totale di 7.494 metri di altezza. Cima Coppi quest’anno sarà il Passo Stelvio, dove l’ascesa dei girini terminerà ai 2.757 metri di altitudine, il punto più alto del Giro d’Italia. Venerdì 24 maggio la 19esima tappa si concluderà in Val Martello, mentre il giorno successivo la carovana rosa partirà da Silandro per raggiungere le Tre Cime di Lavaredo. Chi vorrà arrivare in rosa a Milano dovrà prima superare le due tappe altoatesine.

L’investimento per portare il Giro anche nel 2013 in Alto Adige si aggira su una cifra vicina ai 280.000 euro, 120.000 dei quali sostenuti dalla Provincia. Una ulteriore parte della somma verrà sorretta invece da imprese private, così anche Birra FORST contribuirà alla ottimale riuscita delle due tappe altoatesine. “Abbiamo subito confermato il nostro supporto quando il comitato organizzatore ci ha inoltrato la domanda di sponsorizzazione”, dichiara Margherita Fuchs von Mannstein, Amministratore della Spezialbier-Brauerei FORST.

“Ci aspettiamo un buon riscontro mediatico: sono infatti le 22 troupe televisive accreditate che garantiranno 325 ore di dirette televisive da tutto il mondo. Lo scorso anno la tappa che ha toccato il Passo Stelvio è stata vista in media da 3,7 milioni di telespettatori”, spiega il Presidente del comitato organizzatore delle due tappe altoatesine, Matthias Tschenett. Numeri importanti e ora si attende lo spettacolo sulle strade. Quello, di certo, non mancherà nemmeno questa volta.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Al via da Torino il roadshow ‘Emozioni in tour’ di Sanbittèr con due nuovi gusti

- # # # # #

Parte da Torino il tour all’insegna dell’aperitivo italiano con una grande novità, Sanbittèr Emozioni di Spezie alla Cannella e al Peperoncino. Due nuovi gusti che saranno presentai in ventidue delle più famose piazze del Bel Paese. Saranno organizzate per tutti gli abitanti nuove occasioni di convivialità ispirate alle due anime delle nuove proposte Sanbittèr nel mondo degli aperitivi: Sanbittèr Emozioni di Spezie alla Cannella e al Peperoncino, i cocktail analcolici trendy e dal gusto deciso, e Sanbittèr Emozioni di Frutta Pompelmo e Passion Fruit, primi della famiglia “Emozioni”, un prodotto unico e innovativo che ha già conseguito il riconoscimento di “Prodotto dell’Anno”.

La Piazzetta Intervallo prenderà vita nel primo pomeriggio, dove sarà allestito un doppio set a rappresentare le due anime di Emozioni, e dove lo staff Sanbittèr coinvolgerà i bar che si affacciano sulla piazza e gruppi di amici, abitanti e passanti offrendo loro l’occasione di vivere l’atmosfera del vero aperitivo italiano.

Il tour vivrà anche sulla pagina Facebook di Sanbittèr, che sarà animata da foto e video delle tappe: i partecipanti potranno “taggarsi”, commentare le immagini che hanno come protagonisti loro e gli amici, vedere le foto degli altri appuntamenti del tour.

Per scoprire le prossime tappe del tour basta visitare il sito Sanbittèr (www.sanbitter.it) la pagina ufficiale di Sanbittèr su Facebook (www.facebook.com/sanbitter)

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

‘The Seat’: la caccia al tesoro di Heineken per i biglietti della finale della Champions League

- # # # #

Una vera e propria caccia al tesoro tra Roma e Milano per aggiudicarsi gli ultimi biglietti per la UEFA Champions League. È l’operazione The Seat targata Heineken, sponsor ufficiale della Uefa Champions League. Una lotta contro il tempo per aggiudicarsi uno degli ultimi ambitissimi biglietti per la finale del 25 maggio a Londra.

 

A pochi giorni dal fischio d’inizio, con un Wembley Stadium che da tempo dichiara il tutto esaurito, Heineken ha nascosto, per le vie di Roma e Milano, 20 seggiolini rossi che richiamano le sedute dello stadio londinese, nascondendo sotto ciascuno di essi un biglietto per il tanto atteso big match. Dai caffè di Piazza Navona a Roma, al castello Sforzesco e al Parco Sempione a Milano, fino alla panchina dove il campione del mondo Massimo Oddo si concede ad un’intervista dopo gli allenamenti, i seggiolini erano nascosti nei luoghi più disparati.

 

Obiettivo dei partecipanti alla sfida era trovare un seggiolino in un’ora di tempo. Un’impresa che ha richiesto velocità, immaginazione e tanta intraprendenza.  Un solo tifoso è riuscito a trovare il “tesoro”, tra i gradini gremiti di turisti a Trinità dei Monti.

 
CREDITS
Direttore Creativo esecutivo: Bruno Bertelli
Direttore Creativo esecutivo: Cristiana Boccassini
Art director: Alessandro Candito
Copywriter: Paolo Bartalucci
Account Supervisor: Giada Salerno
Account Manager: Paula Santos
Agency Producer: Giulia Atzori- Nicole Lord
Casa Di Produzione: Bedeschi Film
Producer: Federico Salvi
Regista: Gigi Piola
Editor: Fabrizio Squeo

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Ogilvy & Mather Advertising e l’Italian way of life secondo S.Pellegrino

- # # # #

Prendete S.Pellegrino e Ogilvy & Mather Advertising, aggiungete Pierfrancesco Favino e mescolate il tutto a Shanghai: questi gli ingredienti della nuovaa campagna internazionale che racconta a tutto il mondo l’italianità secondo S. Pellegrino. Una storia che mette in scena gli aspetti più positivi del vivere all’italiana, primi fra tutti l’arte della tavola e il piacere dello stare insieme.

 

Pierfrancesco Favino interpreta un uomo d’affari insonne per il jet lag. Alle tre di notte fa una scorribanda nelle cucine deserte del grande albergo che lo ospita, improvvisando una deliziosa e accurata spaghettata notturna insieme ad altri due occasionali compagni d’avventura. Tutto nasce dall’ispirazione di S. Pellegrino, il marchio da sempre ambasciatore nel mondo di un’italianità ricca di valori e dal gusto per il bello della vita: Live in Italian.
La morale: pratica l’arte del cibo ogni volta che puoi. Il film propone una visione dell’arte di vivere all’italiana “finalmente contemporanea, piena di passione e stile, ma lontana da cliché e stereotipi, in perfetta sintonia con i valori del marchio S. Pellegrino” dice Giuseppe Mastromatteo, direttore creativo esecutivo di Ogilvy & Mather Advertising. “Pensiamo di avere scritto così un nuovo capitolo non solo del marchio S. Pellegrino, ma anche del modo di comunicare l’italianità nel mondo”.

 

La campagna internazionale è il risultato del lungo lavoro strategico e creativo dell’agenzia con il team di marketing e comunicazione della Sanpellegrino (la International Business Unit). Lo spot – con la regia di Antony Hoffman, creatività dei Client Creative Director Marco Geranzani (Copywriter) e Giordano Curreri (Art Director), direzione creativa esecutiva di Giuseppe Mastromatteo e Alessandro Sabini, strategia dell’Head of Planning Giovanni Lanzarotti – ha debuttato in Francia con il 30’’ il 30 aprile sulle principali reti televisive. In contemporanea sono online sul web i soggetti da 60’’ e 15’’, in linea con le nuove tendenze della comunicazione social. A seguire, da maggio a fine estate, partirà l’on air in Italia (web), UK (tv, vod e web) e USA (tv e web).

Credits
Executive Creative Director: Giuseppe Mastromatteo, Alessandro Sabini
Client Creative Director: Marco Geranzani (Copywriter), Giordano Curreri (Art Director)
Head of Planning: Giovanni Lanzarotti
Account Director: Laura Mora
Account Executive: Valentina Noè
TV Producer: Francesca D’Agostino
Casa di produzione: Indiana
Executive Producer: Marco Cohen
Producer: Marta Stella
Regia. Antony Hoffman
Musica originale: THEMUSICBANK.
Post produzione: Band
Montatore: Massimo Magnetti
Audio: Music Production

 

 

 

articoli correlati

AGENZIE

McCann Erickson nel team delle agenzie creative di Carlsberg

- # # # # #

McCann Erickson ha vinto un posto nel roster delle agenzie creative del Gruppo Carlsberg, quarto produttore di birra al mondo. In quanto agenzia della squadra creativa di Carlsberg, McCann Erickson lavorerà sui brief pubblicitari in Europa, Medio Oriente e Asia.

Gustavo Martinez (nella foto), Presidente di McCann Worldgroup Europa e Sud-est asiatico ha commentato così la vittoria: “Siamo orgogliosi di poter lavorare con un brand icona come Carlsberg. Non vediamo l’ora di poterli aiutare ad accrescere il business e la notorietà del brand.”

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Al via la campagna integrata a supporto del progetto “Condividi una Coca-Cola”

- # # # # # # # # #

La storia di Coca-Cola è ricca di momenti unici da ricordare e il prossimo 8 maggio – data del 127° anniversario – si appresta a diventare uno di questi. Per la prima volta, grazie al progetto “Condividi una Coca-Cola”, il celebre logo sarà sostituito dai nomi di battesimo, dai nomi generici e dai modi di dire più diffusi e popolari tra gli italiani, per un prodotto iper-personalizzato e tutto da condividere. Da maggio ad agosto 2013, infatti, sulle bottiglie e lattine di Coca-Cola, Coca-Cola light e Coca-Cola Zero, campeggeranno i 150 nomi propri più diffusi in Italia (da Alessandra a Valentina, da Andrea a Stefano). Protagonisti anche i nomi generici (“mamma”, “amico”, “il prof”, “la squadra”) e i modi di dire più comuni e popolari tra il pubblico di giovani consumatori (come: “Lo Zio”, “Il Socio” ,“Il Fenomeno” , “La VIP”, “La Stilosa”, “Il Genio”).

“Una svolta epocale”, afferma Fabrizio Nucifora, Direttore Marketing Coca-Cola Italia – “con la quale Coca-Cola vuole ringraziare chi da sempre ama il suo marchio e i suoi prodotti; perché sono proprio i suoi fan i veri protagonisti e artefici del successo dell’azienda. E per riuscire in questo intento, abbiamo scelto di realizzare un progetto fortemente innovativo che prende il via in un giorno importante: quello del nostro compleanno. L’idea si sviluppa attorno al concetto di condivisione: un valore forte che si tradurrà nel poter fare un regalo unico ad amici e amati, nell’invito a socializzare e nel creare nuove occasioni di conversazione”.

A supporto del progetto, una campagna integrata di marketing con componenti Digitali, PR, Above/Belove-The-Line, Shopper ed Esperienziali. Il progetto sarà supportato da un investimento pubblicitario superiore a quello operato negli anni scorsi e con il coinvolgimento di molteplici canali.

Fil rouge della campagna sarà l’invito di Coca-Cola alla “condivisione”. Protagonisti saranno i giovani, incoraggiati a condividere con amici e persone care il nuovo prodotto personalizzato, per vivere un momento unico Coca-Cola. Grazie a “Condividi una Coca-Cola” ci si potrà divertire a cercare sulle confezioni i nomi di parenti e amici: le lattine e le bottiglie diventeranno regali unici e collezionabili, il pretesto per socializzare e attaccar bottone in spiaggia come in città, ma anche icone da esibire o oggetti da regalare per condividere una Coca-Cola in allegria.

La campagna integrata di comunicazione si articolerà in più fasi. La prima – teasing – si è appena conclusa e mirava a coinvolgere, attraverso un’articolata attività di brand PR, un ampio spettro di influencer a vario titolo (vip, giornalisti, blogger, etc). I risultati sono stati straordinari con più di 20 milioni di impressions (tra Twitter, Facebook e Instagram). Inoltre, il primo video teaser dedicato al progetto e postato sul canale YouTube di Coca-Cola, in pochi giorni, ha già registrato oltre 130.000 visualizzazioni.

La seconda fase è quella dell’”amplificazione” del progetto, grazie alla realizzazione e pianificazione di due spot televisivi, fortemente emozionali, che giocheranno sul concetto della condivisione tra due amici (il primo, in onda da inizio giugno) e di come i teenager vivono le loro estati all’insegna di questo valore (il secondo, in onda da luglio). Firma gli spot l’agenzia McCann Milano. Sono inoltre previsti spot radiofonici.  Contestualmente partirà anche una pianificazione su stampa e affissioni e verrà realizzata un’estesa campagna di comunicazione all’interno dei punti vendita, che coinvolgerà oltre 12mila punti della grande distribuzione e 37mila bar.

Per incoraggiare alla “condivisione”, la campagna “Condividi una Coca-Cola” animerà i prossimi mesi di iniziative imperdibili, a cui tutti i suoi fan potranno partecipare per consolidare amicizie già esistenti ma anche per crearne di nuove. A supporto, iniziative di marketing esperenziale e campionamento del prodotto. In programma, ad esempio, un tour estivo che a giugno porterà dei chioschi by Coca-Cola nei principali luoghi di aggregazione del BelPaese per regalare ai propri fan la possibilità di personalizzare la lattina a loro piacimento. Infine ci sarà un tour estivo in collaborazione con Radio 105: 6 tappe per 36 giorni, che animeranno le spiagge e le coste italiane.

Online, invece, la “condivisione” viaggerà ad alte velocità sui binari dell’hashtag #condividiunacocacola. Secondo Fabrizio Nucifora: “Sempre più condividiamo le nostre esperienze usando le piattaforme digitali. Per questo la campagna ruoterà intorno a un hashtag simbolo di socialità e passioni condivise. Quest’estate vogliamo dare il nostro contributo perché il concetto di condivisione torni a essere trending topic”. Usando infatti #condividiunacocacola su social media come Twitter o Instagram  sarà possibile partecipare alla campagna condividendo il proprio “momento Coca-Cola” con i propri follower e, grazie all’hashtag, con l’intera community.

Sul sito www.condividiunacocacola.com dal 15 maggio sarà poi possibile personalizzare e condividere la propria lattina virtuale con i propri amici grazie a un’originale app oppure caricare foto e testi del proprio “momento Coca-Cola”. La campagna vivrà infine di contenuti esclusivi sulla pagina Facebook ufficiale Coca-Cola.

Con 350 milioni di bottiglie e lattine presenti sul mercato italiano da maggio ad agosto, “Condividi una Coca-Cola” è la prima e più imponente campagna di personalizzazione mai realizzata. Le innovative lattine e bottiglie saranno disponibili nei consueti punti di vendita e distribuzione di Coca-Cola a partire da maggio e saranno acquistabili al normale prezzo di vendita.

articoli correlati

AZIENDE

L’acqua Perrier compie 150 anni. Omaggio a una storica icona

- # # # # # # #

Perrier è oggi l’acqua minerale frizzante leader di mercato a livello globale. Un primato che deriva dal suo gusto esclusivo e dalla sua iconica bottiglia, simbolo di 150 anni di successi.  Famosa in tutto il mondo per le sue bollicine, l’acqua Perrier sgorga da oltre 120 milioni di anni dalla Source des Bouillens, una fonte naturale della pianura della Linguadoca nel sud della Francia. A generare le bollicine tipiche della Perrier, un processo 100% naturale: l’acqua piovana, infiltrandosi nel sottosuolo, incontra i gas vulcanici per poi sgorgare dalle fessure del terreno come se bollisse. Una caratteristica che, oltre a donare un gusto inconfondibile all’acqua, dà il nome alla fonte: “Les Bouillens” – “acque bollenti”, in francese. Un’oasi  di 8649 ettari, che si mantiene interamente incontaminata negli anni grazie a un’attenzione maniacale nel processo di raccolta dell’acqua e di mantenimento dell’ambiente circostante. Basti pensare che nei 2.471 ettari di terreno agricolo vicino alla sorgente, gli agricoltori locali coltivano prodotti biologici senza l’utilizzo di fertilizzanti artificiali o pesticidi.

 

La storia
La Perrier si è più volte intrecciata con episodi storici: dalla decisione di Annibale – 218 a.C. – di accamparsi in un posto che in seguito sarebbe stato chiamato “Les Bouillens”, dopo aver attraversato la Spagna con il suo esercito alla conquista di Roma, all’idea di Giulio Cesare – nel 58 a.C. – di costruire una vasca di pietra con degli edifici intorno alla sorgente, per realizzare il primo “centro termale” della storia. Sarà però, Napoleone III, nel 1863, a conferire alla Perrier il “titolo” di acqua minerale naturale, con un decreto che ne riconosce e certifica qualità e caratteristiche. È solo nel 1898 che l’acqua di “Les Bouillens” prende il nome di acqua Perrier, da Louis-Eugène Perrier, in quegli anni unico proprietario della fonte. Dottore, politico ed esperto delle proprietà termali dell’acqua, è stato lui a dedicarsi per la prima volta allo sviluppo di una bottiglia di vetro igienicamente sigillata e pensata per contenere e trasportare l’acqua.

Pochi anni dopo, Louis-Eugène Perrier crea una joint venture con St John Harmsworth, che nel 1903 ne diventa a sua volta unico proprietario. Sarà l’inglese a progettare la forma iconica della bottiglia Perrier, trovando l’ispirazione mentre praticava degli esercizi indiani, che eseguiva per mantenersi in forma. Anche con Harmsworth, la Perrier entra ancora una volta in fatti storici: nel 1905 diventa l’acqua bevuta dai coloni inglesi in India e dalla nobiltà britannica a Buckingham Palace. Un scelta della nobiltà inglese che fa guadagnare a Harmsworth il titolo di “Purveyor by Appointment to his Majesty the King of England”. Nel 1908, in occasione della mostra franco-britannico a Londra, l’acqua Perrier vince il Grand Prix des EauxMinéralesVente de l’Année, un premio assegnato come acqua più venduta dell’anno. L’escalation della Perrier non si ferma quì. Dal 1948 al 1973 la produzione passa da 30 a 150 milioni di bottiglie. La fabbrica, ora conosciuta col nome di “cattedrale”, inizialmente di 6.000 metri quadri, supera 26.000 metri quadri. Nel 1954, lo stabilimento Vergèze diventa un luogo completamente integrato, tanto che tutto viene fabbricato in loco.

 

L’acquisizione da parte di Nestlé
Ma a rappresentare una data storica è il 1992 anno in cui Perrier viene rilevata da Nestlé, formando la Nestlé Waters SA gruppo, ora leader mondiale nella bottiglia d’acqua con circa 70 marchi, tra cui non solo Perrier, Vittel, Contrex, S. Pellegrino, ma anche Nestlé Pure Life, Nestlé Aquarel. Perrier utilizza uno strumento appositamente progettato per il gruppo Nestlé, che analizza l’intero ciclo di vita del prodotto finale e fornisce un criterio multiplo di valutazione ambientale: il Global Footprint ambiente (GEF ISO 14044 strumento accreditato). Come risultato, l’analisi viene sempre eseguita prima dello sviluppo di ogni nuovo prodotto o cambiamenti di imballaggio al fine di garantire il loro eco-equilibrio. Non un caso isolato. Sul versante ambientale infatti, Perrier ha sviluppato iniziative per sensibilizzare l’opinione pubblica circa l’uso ecologico delle acque. In particolare, Perrier supporta Progetto WET, un programma internazionale di formazione per gli insegnanti, che ha riunito 400.000 educatori e diversi milioni di bambini negli ultimi 20 anni per educare le nuove generazioni sulla necessità vitale di preservare le risorse idriche.

 

La pubblicità
Sono innumerevoli le immagini di spot Perrier entrate nell’immaginario comune. Buona parte del merito spetta a Gustave Leven e Jean Davray, quest’ultimo responsabile della pubblicità del marchio Perrier. Un tandem che ha dato luogo ad alcune delle saghe pubblicitarie più interessanti di questo secolo: da quelle mitiche realizzate tra la fine degli anni ’70 e i primi ’80 dall’artista francese Bernard Villemot, a quelle concepite dall’estro creativo di Andy Warhol, figura predominante del movimento della Pop Art.

Nel  2009 Perrier fa il giro del mondo grazie a una saga pubblicitaria, capace di enfatizzare le caratteristiche uniche del brand tramite l’ideazione di una vera e propria fiction, dove la Perrier è l’ultima soluzione di ristoro estremo su un pianeta surriscaldato a tal punto da far sciogliere ogni cosa tutto intorno. Un’altra iniziativa che eleva ancora una volta la gamma di prodotti Perrier a status di opere d’arte da gustare, la Dita Von Tees Limited Edition, modella statunitense ed emblema del burlesque riconosciuta in tutto il mondo.

 

“Mixology by Perrier”
Perrier sa come far parlar di sé nel mondo dei bar e dei ristoranti. Il suo gusto unico, le inconfondibili bolle e la sensazione di freschezza, fanno di Perrier l’ingrediente essenziale nel mondo della creazione dei sapori. Oggi Perrier rappresenta un drink analcolico da bere al naturale o come parte di ingegnosi cocktail, da gustare nei locali più alla moda, nei migliori ristoranti e nei club più esclusivi al mondo. Basti citare l’elegante Bar di Murano di Parigi, l’esotico e trendy Mahiki di Londra, il Goldbar di New York, frequentato da molte celebrità, lo Sky Bar di San Paolo e il Lound bar di Seoul, per citarne solo alcuni.

Una cultura del bere di qualità, dalla quale nasce “Mixology by Perrier”: dei mixati analcolici o leggermente alcolici che seducono e conquistano i locali più cool ed esclusivi del mondo. Creatore è Laurent Greco, Patron della “Liquid Chef” di Parigi, guru della mixologia d’avanguardia e conosciuto per il suo ingegno e la sua professionalità, messi a servizio di Perrier, la più celebre ed esclusiva fra le acque minerali internazionali.

 

Perrier e il tennis
A partire dal 1928, la Perrier ha legato la propria immagine a quella del mondo del tennis, diventandone un vero e proprio emblema. Sono numerose le sue apparizione al Roland Garros, noto anche come l’Open di Francia: dalla sedia dell’arbitro (1989), alla panchina dei giocatori (1994), per arrivare alla sala stampa  in occasione della prima Promo-Presse Perrier, il concorso attraverso il quale si decidono i vincitori dei singoli match e dell’intera manifestazione. Nel 2011, Perrier diventa partner ufficiale del The Legends Trophy, il torneo che riunisce alcune delle più grandi figure della storia del tennis mondiale. A guidare la manifestazione alcuni messaggi chiave, che Perrier condivide in toto: eccitazione, piacere, generosità e creatività.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Gatorade lancia la special edition Sport The Street firmata da Pao

- # # # # # # #

Gatorade hascelto la creatività e la maestria di un artista d’eccezione, Pao, per la limited edition Sport the Street, pensata per i più giovani. A ogni gusto è associata in maniera originale e con lo stile giovane e ironico di Pao l’anima urban di uno sport da strada: lo street soccer, il basket giocato nel canestro sotto casa e lo skate sempre attaccato ai piedi.

35 anni, milanese, inizia il suo percorso da street artist nel 2000, intervenendo sul contesto urbano e reinterpretandolo con lo stile creativo, leggero e giocoso che ancora oggi lo contraddistingue. Oltre ai famosi paracarri trasformati in pinguini, sono ormai diventati celebri i suoi delfini-dissuasori di sosta, le margherite- pali della luce e i bagni pubblici in formato lattine Campbell’s. Dal 2005 ha fondato Paopao Studio e nel 2007 i suoi lavori sono stati esposti al Padiglione d’Arte Contemporanea di Milano. E’ proprio per il suo stile giovane ed essenziale e per la sua visione del mondo ironica e arguta che Gatorade ha scelto di coinvolgerlo per la creatività della special edition dedicata ai teenager.

Dal 15 aprile al 23 luglio 2013, per chi acquista una bottiglia di Gatorade Sport the Street da 500ml, in palio 10 borsoni personalizzati al giorno e la possibilità di aggiudicarsi, con l’estrazione finale, un incredibile murales personalizzato proprio da Pao nel luogo e con il soggetto scelti dal vincitore. Un’occasione unica per avere la propria opera di street art, creata dalle mani di uno dei più famosi writer del momento. Il concorso è gestito e promosso da Wave Design & Communication.

Nel mese di maggio, Gatorade a bordo di una FIAT 500 completamente brandizzata incontrerà i giovani teenager di Milano, Roma e Catania per presentare il mondo Sport the Street e la sua anima urbana, con inaspettate performance di freestyle e divertenti gadget.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Red Bull: The Red Italian Edition premia il design italiano

- # # # # # #

Durante la serata conclusiva del Red Bull Design Workshop, organizzata in collaborazione con Zero, è stata premiata la squadra di giovani designer del POLI.design, capitanata da Zaven, che ha creato il bicchiere che più rispecchia lo spirito di Red Bull – The Red Italian Edition, il nuovo energy drink dal colore rosso brillante e dal sapore unico pensato esclusivamente per l’Italia.

La premiazione è avvenuta durante un aperitivo presso lo Swiss Corner, nel cuore della capitale del design al termine del Salone del Mobile, durante il quale sono stati presentati i progetti dei quattro designer Paolo Cappello, Zaven, Giorgio Biscaro e Sovrappensiero. I prototipi dei quattro bicchieri presentati in occasione dello Zero Design Festival sono stati esposti in apposite teche, così da poterli ammirare in tutta la loro diversità e unicità. La vittoria è andata al team guidato da Enrica Cavarzan e Marco Zavagno –  conosciuti appunto come Zaven, studio nato nel 2006 con base a Venezia – che hanno saputo interpretare in modo inusuale e innovativo l’aperitivo con Red Bull – The Red Italian Edition.

Il bicchiere “Tab” di Zaven, ispirato alla forma della linguetta della lattina, ha saputo coniugare forza comunicativa e coerenza tra contenuto e contenitore e ha ottenuto i favori di una giuria di esperti, composta da Katrin Cosseta di Interni, il designer Odoardo Fioravanti, Stefano Temporin, art director di Zero, e Red Bull. L’efficacia grafica del logo interagisce con il colore rosso dell’energy drink  e crea un gioco visivo che trasmette la particolare energia del prodotto.

Hanno partecipato al progetto “Tab” di Zaven: Gracia Chamochumbi, Napawadee Rodjanathum, Mario Paino Domingos del POLI.design – Consorzio del Politecnico di Milano.

Le immagini dei quattro bicchieri e i dettagli su ogni singolo progetto sono disponibili sul sito  www.redbull.it/reditalian nella sezione Design Workshop.

articoli correlati