BRAND STRATEGY

Nuovo logo per BCG: 16.000 dipendenti in 50 paesi. In Italia il 2018 cresce a doppia cifra

- # # # #

BCG

Questa mattina, presso la sede milanese, The Boston Consulting Group, meglio nota ormai con l’acronimo BCG, ha presentato alla stampa italiana il nuovo logo. “BCG sta entrando in una nuova fase. E non è una dichiarazione di intenti, ma una constatazione della realtà e della condizione in cui ci troviamo come azienda in questo momento”, spiega Massimo Portincaso, Partner & Managing Director e responsabile della strategia globale di marketing di BCG. “Strategicamente, il nuovo logo identifica non solo BCG come società di consulenza manageriale, ma sottolinea tutte le diverse componenti di BCG, 16.000 dipendenti attivi in 50 paesi”.

Nella nuova identità, definito insieme a Paul Pierson, uno dei più apprezzati creativi di New York, viene eliminato l’articolo ‘The’ dal nome e introdotta una nuova grafica con l’obiettivo di rendere l’identità di BCG più semplice. “È un’identità che cresce nel tempo”, commenta Portincaso, “e riflette anche lo scenario competitivo entro cui agiamo. Siamo sì in competizione con le altre imprese di consulenza strategica, ma ci muoviamo in un mercato globale, confrontandoci con realtà come Amazon, Apple e Google”.

“Non credo nella democrazia aziendale in questi casi”, aggiunge Portincaso. “Per la definizione del logo abbiamo fatto ricorso naturalmente agli strumenti di indagine disponibili, dai focus group agli studi strategici di posizionamento, ma l’unica persona con cui mi sono confrontato all’interno del Gruppo è stato il CEO”.

BCG è cresciuta significativamente in questi anni: oggi è presente in tutto il mondo con un fatturato globale nel 2017 di 6,3 miliardi di dollari, in aumento dell’11% rispetto all’anno precedente. Una crescita robusta anche in Italia dove, grazie al contributo di circa 500 professionisti e 38 tra Partner e Senior Partner negli uffici di Milano e Roma, ha chiuso il 2017 con un fatturato superiore ai 140 milioni di euro.

“Per l’anno in corso confermiamo la crescita a doppia cifra”, ha  concluso il manager che ha smentito eventuali acquisizioni nell’ambito della comunicazione, che metterebbero BCG in concorrenza con gruppi quali WPP e Publicis. “La nostra attività, anche in ambito digitale, è più a livello strategico: siamo presenti con attività che vanno dal digital venture al turnaround, dall’A.I. agli studi dell’Henderson Institute, ma preferiamo far crescere i business piuttosto che acquisirli sul mercato”.

 

 

articoli correlati

AZIENDE

BCG promuove il talento. Nasce l’Associazione “The Future Makers”

- # # # #

BCG - The Boston Consulting Group

Alla fine di maggio, 100 tra i migliori studenti provenienti dalle più prestigiose università italiane avevano partecipato a “The Future Makers”, un progetto di sviluppo del talento promosso da The Boston Consulting Group (BCG). Quegli stessi studenti sono i fondatori dell’Associazione “The Future Makers”, nata il 3 agosto nella sede di BCG.

In occasione dei suoi trent’anni in Italia BCG, società leader della consulenza strategica, ha scelto di offrire il proprio contributo, il proprio “Give back” al Paese, offrendo a 100 talenti provenienti da tutta Italia – selezionati fra i 1.300 circa che avevano presentato domanda di ammissione – l’opportunità di seguire un percorso attraverso il quale rafforzare la propria leadership e la capacità di interpretare e navigare il mondo.

L’impegno di BCG non si è esaurito nell’attività che, dal 29 al 31 maggio, aveva permesso a 100 studenti di confrontarsi sui macrotrend globali con, tra gli altri, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, l’Amministratore Delegato di Eni Claudio Descalzi, l’Amministratore Delegato di Eataly Andrea Guerra, il Presidente della Comunità di San Patrignano Antonio Tinelli, il Direttore artistico di Radio deejay Linus.

A partire dal 3 agosto, infatti, con la costituzione dell’Associazione, gli studenti hanno iniziato una nuova fase del loro percorso, in cui lavoreranno per favorire la discussione sui temi della leadership e del talento nelle università e nelle aziende, e sulla valorizzazione dei più giovani nel mondo del lavoro.

Il compito dell’Associazione sarà quello di promuovere eventi con gli opinion leader della business community italiana e internazionale, organizzare workshop di approfondimento, elaborare studi e strategie per far crescere i suoi associati e far emergere i leader di domani.

“È una straordinaria opportunità per dimostrare il nostro talento, ma anche per fare qualcosa che sia a disposizione di tutta la comunità”, ha dichiarato Silvia Tesone, studentessa di Ingegneria gestionale presso l’Università La Sapienza, che è stata eletta alla presidenza dell’Associazione. “Crediamo che questa Associazione possa essere il mezzo per crescere assieme”.

Accanto a lei, nel Consiglio direttivo, sono stati nominati Lorenzo Bezzi (Università di Bologna), Giulia Catarozzolo (Università Bocconi), Vittorio Dini (Università di Firenze), Gianmarco Gioia (Università Milano Bicocca), Fabrizio Timo (Università di Torino), Gioia Ferrario (HR Director BCG), Davide Ghisolfi (Finance Director BCG), Nicola Garelli (Principal BCG).

Per Giuseppe Falco, Amministratore Delegato di BCG Italia, Grecia e Turchia, “La costituzione dell’Associazione “The Future Makers” rappresenta la conferma dell’impegno di The Boston Consulting Group per offrire le migliori opportunità di sviluppo, dialogo, crescita e confronto agli studenti che abbiamo selezionato e che continueremo a selezionare in tutta Italia. Siamo orgogliosi di poter offrire questo contributo alle future generazioni di leader a cui è demandata la sfida di guidare aziende e istituzioni. L’eccellenza della selezione e l’attenzione ai temi della Diversity saranno i due elementi che ci guideranno nella preparazione della prossima edizione di “The Future Makers” prevista per maggio 2017″.

articoli correlati