BRAND STRATEGY

Sogni D’oro: Al via la campagna digital. La creatività è di Proximity BBDO, Pianifica Havas

- # # # # # #

Sogni D'Oro campagna digital

Coccole dalla natura è la nuova campagna digital di Sognid’oro pianificata sul canale Facebook del brand. Il video di lancio ha ottenuto oltre 3 Milioni di visualizzazioni in meno di tre settimane.

Sognid’oro, Coccole dalla natura, ha visto il lancio di un video-evento realizzato in Piazza 5 Giornate a Milano, dove è stato posizionato da Sognid’oro un vero e proprio “Bottone delle Coccole” al centro della piazza. Premendo il bottone i passanti hanno scatenato una vera e propria esplosione di coccole, vivendo momenti divertenti ed entusiasmanti in compagnia di Sognid’Oro: cascate di fiori profumati, tisane fumanti e comodi pouf per vivere un momento di benessere totalmente inaspettato, attirando l’attenzione di passanti e curiosi fino ad arrivare a diverse testate giornalistiche.

Il Bottone delle Coccole è diventato inoltre protagonista di un concorso attivato sul sito che ha registrato più di 90.000 giocate per tentare attraverso una meccanica istant win la vincita del vero e proprio “Bottone delle Coccole”.

Il concorso prevede l’estrazione di 50 Cofanetti Sognid’oro con all’interno una selezione di tisane Sognid’Oro e il “Bottone delle Coccole”: un vero e proprio pulsante attraverso il quale inviare una richiesta di coccole ad una serie di persone scelte dall’utilizzatore del bottone.
La campagna dedicata al “Bottone delle Coccole” ha coinvolto oltre 6 milioni di utenti, fino a raggiungere Alessia Marcuzzi e il suo blog La Pinella attraverso diversi contenuti esclusivi ed ampia visibilità del brand attraverso articoli e post sui canali social.
L’idea creativa è di Proximity BBDO, Basement è la casa di produzione del video di lancio. La pianificazione è a cura di Havas Media Group.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Forgetting Auschwitz, remembering Auschwitz. Un progetto a cura di Havas Milan

- # # # # # # # # #

Auschwitz

Ogni anno il giorno della memoria è un’occasione preziosa per ricordare e riflettere sugli orrori dell’Olocausto. Quest’anno l’Associazione Figli della Shoah e la Fondazione Cdec (Centro di documentazione ebraica contemporanea) hanno deciso di celebrarlo raccontando la storia di uno degli ultimi sopravvissuti di Auschwitz ancora in vita: Nedo Fiano.

Il paradosso della storia di Nedo è che, dopo aver dedicato la vita al ricordo e al racconto della Shoah, ha iniziato lui stesso a dimenticare: da qualche tempo infatti la sua memoria non funziona più. Ma se è possibile che si cancelli la memoria di una persona, non possiamo permettere che venga cancellata la memoria dell’intera umanità.

Per questo motivo Associazione Figli della Shoah, Fondazione Cdec e Havas Milan hanno creato il progetto “Forgetting Auschwitz, remembering Auschwitz.”

Il progetto è lanciato con un video ambientato in un “tattoo shop” in cui sono state invitate alcune persone con la scusa di girare un documentario sul mondo dei tatuaggi. Una volta entrate però, si sono trovate di fronte a qualcosa che non immaginavano. Il tatuatore infatti ha impostato sulla loro pelle la prova di un tatuaggio insolito: la cifra A5405, il numero assegnato a Nedo come prigioniero ad Auschwitz.

 

 

Le loro reazioni, riflessioni e la loro commozione davanti alla storia di Nedo, sono racchiusi nel video, condiviso sul web, che si chiude con l’invito a mantenere viva la sua memoria, prendendosi carico in prima persona della sua testimonianza in un sito a lui dedicato: www.A5405.com

Sul sito ci sono i video di centinaia di persone che interpretano e leggono i ricordi di Nedo in prima persona, come se li avessero vissuti sulla loro pelle e come se fossero i loro stessi ricordi: persone che hanno fatto propria la memoria di Nedo.

Tra i “testimoni” anche una serie di volti noti, come Gad Lerner, Moni Ovadia, Ludovico Einaudi, Elda Ferri e Roberto Faenza che hanno deciso di aderire al progetto.

Il sito è un vero e proprio archivio dei ricordi di Nedo, fatto di pillole di memoria estratte dai suoi video e libri, che raccontano la sua esperienza nel campo di concentramento, dall’arrivo delle leggi razziali, alla liberazione. Anche gli utenti possono decidere di custodire i ricordi di Nedo, leggendoli e registrandoli sul sito con la propria voce: un modo per diventare Nedo e mantenere viva la sua testimonianza. A5405 non è solo l’indirizzo del sito ma anche l’hashtag ufficiale del progetto (#A5405) che raccoglie tutte le condivisioni e i contributi degli utenti.

CREDITS
Partner: Associazione Figli della Shoah e Fondazione Cdec
(Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea)

Creative Agency: Havas Milan
Selmi Bali Barissever e Lorenzo Crespi, Creative Directors
Chiara Monticelli, Copywriter Senior
Salvatore Zanfrisco, Art Director Senior
Francesco Sguinzi, Art Director Junior
Rosita Rafanelli, Account Director
Alessandra Meghnagi, Account Executive
Sara Poltronieri, Producer
Clara Barcucci, Translator

Digital Agency: Arnold Worldwide
Fabrizio Piccolini e Stefano Zanoni, Digital Creative Directors
Marco Angelini Digital, Art Director
Daniele Silvestri Digital, Project Manager
Emanuele Grilli, Web Developer

Pr Agency: Havas Pr
Marianna Lovagnini

Production Company: Indiana Production
(Tattoo shop video) Marco Cohen, Executive producer
Tobia Passigato, Director
Gaia Benatoff, Account
Alga Pastorelli, Post production Manager
Alessandro Mascheroni, Production Director
Giacomo Frittelli, Director of Photography
Mattia Molteni, Assistant Director
Davide Ceccato, Assistant Operator

Tattoo Shop: Puro Tattoo Studio
Marco C.Matarese

Animation: Lsd

Illustration: Salvatore Zanfrisco

Music e Soundtrack: Quiet Please, Ferdinando Arnò

Speaker: Sergio Leone

Digital production: Uprising™ www.weareuprising.com

Production Company: Basement
(Website video content) Francesco Crespi & Vittorio Bonaffini, Basement co-founder
Andrea Munafò, Videomaker e Editor
Valeria Spilotro, Producer
Roberta Gusso, Assistente di Produzione

articoli correlati