AZIENDE

Filmmaster, una cerimonia per celebrare la prima Champions vinta dal Barcellona, 25 anni fa

- # # # #

Filmmaster Events Barcellona

Sono passati 25 anni, da quando il “Dream Team” del Barcellona, allenato da Johan Cruyff, alzò la prima Coppa dei Campioni della sua storia al cielo di Wembley, battendo la Sampdoria di Gianluca Vialli e Roberto Mancini. Filmmaster Events ha ideato e prodotto una cerimonia che ha ricordato la nascita della leggenda del Barça e che si è svolta nella splendida cornice del Camp Nou. Uno spettacolo che guarda al presente e al futuro senza dimenticare il passato, perchè il Barcellona di oggi è anche frutto del progetto creato da Cruyff.

Un omaggio non solo alla magnificenza del Barcellona e del suo grande allenatore, ma anche una celebrazione della cultura, dei costumi, della musica del periodo fino ad arrivare all’essenza della storia catalana e a quello che è oggi la città. Di fronte alle tribune centrali sono stati installati due grandi schermi, dove immagini, musiche e video hanno catapultato gli spettatori negli anni ’90. Un viaggio agli albori del mito del Barcellona, un fantastico e nostalgico percorso a ritroso nel tempo, per arrivare a Wembley 1992, dove tutto è cominciato. La cerimonia ha reso omaggio e onore alla fantasia e alla geometria del calcio totale di Cruyff e ai suoi interpreti che per l’occasione sono scesi nuovamente in campo.

Per Filmmaster Events si tratta della terza cerimonia sportiva internazionale nel mondo del calcio in meno di un mese. Dopo il successo dell’inaugurazione del Khalifa Stadium a Doha, il primo stadio pronto per i Mondiali 2022 in Qatar, la società italiana è reduce dal grande opening della finale di Champions League a Cardiff e adesso è la volta di Barcellona per celebrare una squadra che è stata ed è tra le più forti e spettacolari al mondo.

articoli correlati

MEDIA

Clear Channel vince anche l’arredo urbano di Barcellona

- # # # # #

barcellona

Dopo la recente vittoria di Madrid, dove si è aggiudicata la gestione dell’arredo urbano per i prossimi 12 anni, Clear Channel rafforza la sua posizione in Spagna conquistando anche la gara indetta dal Parlamento Catalano per la gestione delle pensiline bus in 509 comuni della Catalogna. Il nuovo contratto, di durata decennale, comprende il miglioramento e la modernizzazione di circa 1.500 pensiline bus per un totale di 2.000 spazi pubblicitari. Il contratto prevede in aggiunta la manutenzione degli arredi, servizi di pubblica utilità, schermi informativi per gli utenti, banchine bus, bacheche comunali, bagni pubblici, colonne pubblicitarie e FSU. Questi servizi sono finanziati dai ricavi provenienti dalla pubblicità generata dai 3,000 poster e dai 20 schermi digitali inclusi nella gara. Inoltre, il Consiglio Comunale di Barcellona riceverà un’imposta annuale aggiuntiva paria 15,5 milioni di euro.

Il nuovo contratto, la cui durata potrebbe arrivare a 4 anni, comprende la manutenzione dei vari impianti di arredo urbano, oltre all’investimento annuale di 1 milione di euro destinato a eventuali ammodernamenti. In particolare, la vittoria della gara di Clear Channel include anch  miglioramento e aggiornamento dell’immagine istituzionale di tutte le pensiline (molte di esse dovranno essere ridisegnate e ridipinte); l’installazione di codici NFC/QR; miglioramento dell’incident website relativo alla rete di trasporto; e implementazione di 50 sistemi Wi-Fi nelle pensiline ogni anno.

Inoltre dovranno entrare a far parte del progetto, nella misura almeno del 10%, persone con difficoltà di inserimento nel mondo del lavoro.

 

 

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

REPLAY e Barcellona, un’asta per Make-A-Wish a sostegno della beneficenza per l’infanzia

- # # # # #

Il Barcellona e REPLAY insieme per beneficienza

Il Barcellona e REPLAY scendono in campo insieme per “Suit Up to Help Grant Wishes”, un’asta a favore di Make-A-Wish, associazione internazionale di beneficenza per l’infanzia.
All’asta capi e accessori unici indossati da star mondiali dello sport e giocatori del Barcellona, fra cui Leo Messi, Neymar e tanti altri.
L’iniziativa, che si svolgerà dall’1 al 17 giugno, esaudirà i desideri di bambini di tutto il mondo in gravi condizioni di salute. Fra gli articoli all’asta, capi casual e formali creati appositamente per i calciatori del Barcellona da REPLAY, partner ufficiale della squadra. I partecipanti potranno acquistare completi, jeans e altri capi in denim.
Il Barcellona ha un rapporto di lunga data con Make-A-Wish e tramite la propria fondazione ha già esaudito oltre 200 desideri. L’iniziativa intende premiare l’impegno dell’associazione nel realizzare i desideri dei bambini malati e regalare loro un’esperienza memorabile.
“Realizzare i sogni dei bambini più sfortunati” spiega Jordi Cardoner, Primo Vice Presidente del Barcellona, “è una delle attività più lodevoli e più importanti della Fondazione FC Barcelona. Grazie all’impegno di Replay, abbiamo la possibilità di collaborare ancora con Make-A-Wish International e di fare del Barça la squadra di tutti i bambini del mondo”.
“Fin dall’inizio, abbiamo sempre riconosciuto il valore del rapporto con il Barcellona”, aggiunge il CEO di REPLAY Matteo Sinigaglia. “L’opportunità di contribuire a un’iniziativa di grande sensibilità come quella di Make-A-Wish ci riempie d’orgoglio. È un onore aiutare dei bambini malati a realizzare i loro desideri”.

Attiva in quasi 50 Paesi a livello mondiale, Make-A-Wish esaudisce i desideri di bambini con malattie mortali, facendo entrare un raggio di luce nella loro vita. Dal 1980, Make-A-Wish ha realizzato più di 350.000 desideri, regalando a tanti bambini gravemente malati e alle loro famiglie un momento di gioia, di forza e di speranza proprio quando ne avevano più bisogno.

“È un’esperienza che può avere un impatto profondo e duraturo non solo sul bambino che ha espresso il desiderio, ma anche su volontari, donatori, sponsor, medici e su tutta la collettività”, sottolinea Jon Stettner, Presidente e CEO di Make-A-Wish International. “Ma nulla di tutto ciò sarebbe possibile senza il sostegno di organizzazioni e privati come il Barcellona e REPLAY e la loro rete globale di fan appassionati. Non vediamo l’ora di coinvolgere nell’iniziativa i tifosi vecchi e nuovi del Barcellona. Con “Suit Up to Help Grant Wishes”, ognuno di loro potrà cambiare la vita a un bambino malato.”

articoli correlati

AGENZIE

ClickPoint fa team building a Barcellona

- # # # # #

Clickpoint Spagna_TeamBuilding

Nell’era digitale e dell’always connect non è certamente un problema lavorare in città o in Paesi diversi. Talvolta però è utile anche un incontro fisico: scambiare opinioni o discutere del proprio lavoro, senza la mediazione di una webcam o di una connessione telefonica continua a essere quaòcosa di difficilmente sostituibile. Partendo da questo presupposto, Clickpoint lo scorso 11 dicembre ha riunito il suo team italiano e quello spagnolo a Barcellona, per un’attività di team building. Fortemente convinta che uno degli asset intangibili più rilevanti per un’azienda è il capitale umano, Clickpoint ha pensato proprio di raggruppare le sue persone a Barcellona, dove  nel 2013 l’agenzia ha aperto una sede in cui lavorano oggi 14 persone (da settembre è operativo anche l’ufficio commerciale di Madrid).

L’incontro di Barcellona  è diventato così un’occasione per confrontarsi, per fare il punto sui mercati internazionali (il team catalano si occupa di Spagna, Francia e Latam) e, anche, per svagarsi in attesa della festa serale con i colleghi spagnoli. Accantonato il lavoro, sabato 12 dicembre il team ha dedicato la giornata al turismo culturale e alla conoscenza della città: un’immersione nelle opere di Gaudì con Sagrada Familia e Park Guell. In serata, i festeggiamenti sono continuati con una cena al Port Olympic.

“Da due anni siamo presenti sul mercato spagnolo”, ha ricordato Roberto Siano, Ceo & Founder di Clickpoint. “I due team lavorano costantemente insieme, anche se a distanza. Certo le tecnologie consentono a tutti noi di vedersi e sentirsi da qualunque luogo, però ogni tanto poter condividere opinioni e vivere esperienze comuni è fondamentale. Così quest’anno, per approfondire ancora di più il legame e azzerare le distanze geografiche, abbiamo pensato di “sfruttare” il periodo di fine anno che tradizionalmente si presta anche ai festeggiamenti, per dar vita a un evento di team building, dal sapore ludico e professionale. È nata così l’idea di dedicare un intero fine settimana alle persone che sono e rappresentano Clickpoint”

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il Retail Center of Excellence di Avanade apre a Barcellona

- # # # # # # #

Avanade annuncia l’apertura del Retail Center of Excellence di Barcellona, pensato per aiutare i retailer europei a trasformare le proprie attività di business in ambito digitale. Sviluppato in collaborazione con Sitecore e Microsoft, il Retail Center of Excellence coniuga l’innovazione e l’esperienza in ambito digitale di Avanade e la sua soluzione Connected Retail con la piattaforma Microsoft Dynamics AX for Retail, le competenze nell’ambito Digital Customer con la piattaforma Sitecore Experience e Microsoft Dynamics CRM consentirà alle aziende operanti nel settore retail di offrire esperienze di interazione digitale altamente personalizzate, sia per i clienti online che nei punti vendita.

Secondo i dati della ricerca Seamless Retail Research 2015 di Accenture, migliorando l’esperienza dei consumatori attraverso l’utilizzo di device e di strumenti di connettività (inclusa l’esperienza di acquisto nei punti vendita) è possibile attrarre un maggior numero di clienti negli store, concludere più vendite on line e off line e arricchire l’ecosistema del brand, senza però rinunciare ad offrire valore aggiunto ai propri clienti. Creare esperienze “omni-channel” non è più solo una possibilità da valutare, ma uno strumento essenziale per offrire un’esperienza di vendita efficace e interconnessa.

 

Nel Retail Center of Excellence, infattisi esplorano le potenzialità derivanti dal mutamento del ruolo di negozi, showroom e centri di distribuzione fisici nell’esperienza del cliente. “Il nostro Retail Center of Excellence riunisce importanti esperti in ambito digitale e commerciale, strumenti e best practice con ampie capacità di trasformazione”, conclude Juan Gutierrez Botella, nuovo center lead di Avanade. “L’obiettivo è quello di aiutare i nostri clienti a creare nuove esperienze digitali, applicazioni per i punti vendita e una infrastruttura in grado di ispirare e reinventare il business retail del futuro. Le uniche persone che avranno dei rimpianti saranno i retailer che non saranno stati in grado di ottenere il prima possibile tutti i vantaggi offerti dal Retail Center of Excellence”.

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Filmmaster Events realizza l’evento di lancio europeo di Ford Transit

- # # # # #

Per la presentazione Europea dei nuovi modelli Ford Transit, Filmmaster Events crea un format originale nato per esaltare al meglio le caratteristiche della nuova gamma Ford Transit composta da quattro furgoni ognuno con una caratteristica diversa.  L’evento si è svolto a Barcellona dal 3 febbraio al 21 marzo 2014. Un evento diviso in tre momenti principali: Discover, Experience, Drive e indirizzato ai dealer e ai fleet di tutti i mercati europei per un totale di 2.600 ospiti. La presentazione ai dealer è stata anticipata dalla presentazione in esclusiva a 700 media europei che hanno potuto vivere in anteprima l’evento dedicato ai mercati.

Presso El Prat de Llobregat in un hangar commerciale alle  porte di Barcellona, è stata ricreata una vera e propria strada: la Transit Road popolata di gente e negozi. Il concept si basava sul far vedere la nuova linea di veicoli commerciali nel proprio habitat naturale, in una strada dove erano stati riprodotti negozi e situazioni tipiche di un ambiente cittadino e dove i 4 modelli della nuova Ford Transit Range potevano far vedere i propri plus.

La dinamica dell’evento puntava sull’effetto sorpresa. Gli ospiti vengono invitati a entrare nell’hangar completamente customizzato all’interno di un’area allestita come un vero e proprio Transit Centre. Qui, gli ospiti partecipano alla presentazione live dei nuovi prodotti della gamma con l’intervento da parte del management dei vari mercati Ford. Alla fine della presentazione avviene il reveal. Dopo la convention, infatti, gli ospiti vengono accompagnati davanti a un sipario che, aprendosi, svela la sorpresa. Un imponente allestimento, una ricostruzione vera e propria di una strada cittadina con tanto di incrocio, veicoli, negozi, giardino e piazzetta. Una strada, per di più, popolata da “abitanti”: comparse con il ruolo di negozianti, lavoratori, turisti, ecc. Lungo la strada otto negozi, ognuno dei quali mostra e mette in luce una delle caratteristiche e delle innovazioni dei quattro mezzi della gamma. Dalla driving school dedicata ai sistemi di sicurezza, alla fuel station che spiega la convenienza dei consumi e le emissioni di CO2, all’art gallery che colleziona testimonianze artistiche dell’eleganza delle linee e dei numerosi premi vinti, al negozio d’arredamento per raccontare il comfort degli interni del Transit. E ancora una mediateque, un garage, un cantiere e un Transit Cafè.

I messaggi chiave all’interno dei diversi negozi raggiungono gli ospiti attraverso diverse tipologie di esperienze interattive: video editati e creati ad hoc, pannelli informativi, materiale cartaceo e audioguide (il tutto sviluppato nelle diverse lingue di appartenenza dei paesi ospiti). Un mondo customizzato Transit dove oltre agli shop, la strada vive attraverso billboard animati in cui i contenuti Ford Transit sono proiettati in loop. I van, vere celebrità dell’evento, sono parcheggiati sulla strada per essere visionati dagli ospiti e prendono vita a turno con quattro perfomance ballate, anch’esse studiate per mettere in luce le caratteristiche in un modo del tutto originale. I performer, diretti dal famoso coreografo Laccio, raccontano spezzoni di vita lavorativa “reale” ed interagiscono con i mezzi per metterne in luce tecnologie, funzionalità e dettagli.

Raggiunto il climax delle sorprese, l’Experience si chiude in modo spettacolare: inaspettatamente, un blackout interrompe la tranquillità della strada e crea l’atmosfera per la performance finale. Tutti i ballerini e le comparse della città dopo un buio totale creato con effetti speciali si ritrovano al centro della scena per salutare gli ospiti con un’esibizione corale conclusiva “illuminata” dai Transit stessi. Al termine dell’Experience gli ospiti vengono accompagnati a fare il Test Drive nelle vicinanze di Barcellona.

Filmmaster Events ha curato l’intero evento, dall’ideazione al coordinamento di creatività, regia, produzione video, realizzazione grafica, effetti audio/luci, allestimenti scenici, dinamica, palinsesto. Filmmaster Events si occupata di gestire anche tutta la movimentazione degli ospiti: dagli spostamenti aerei ai pernottamenti in loco quando necessari.

Credits
Creative Director: Andrea Baccuini
Creative Coordinator: Federica Goffy
Art Director: Marco Morelli
Business Manager: Andrea Francisi
Project Leader: Anna Montorsi
Project Manager: Flavia Muratori
Logistic Manager: Federica Pastore
Logistic Coordinator: Laura Imberti
Director: Romain Sabella
Set Design: Giòforma

articoli correlati

BRAND STRATEGY

La nuova Puma evoPOWER protagonista di un incredibile evento interattivo a Barcellona

- # # # # # # #

PUMA ha svelato il nuovo scarpino evoPOWER durante un evento interattivo nella città catalana che ha dato l’inizio ufficiale alla nuova campagna 2014  “Nature of Believing”. I tre top player PUMA Mario Balotelli, Cesc Fàbregas e Marco Reus si sono cimentati in prove di abilità sul wall evoPOWER, il simulatore di calcio che utilizza la tecnologia Hawk Eye, che ha valutato in tempo reale la potenza e la precisione dei tiri dei giocatori.

L’evento è stato presentato dalla leggenda del football e testimonial PUMA Thierry Henry, che ha guidato i giocatori tra le sfide e dato preziosi consigli ai tre campioni su come sfruttare al meglio le caratteristiche innovative della evoPOWER.

La scarpa da calcio, gli accessori e l’abbigliamento della nuova collezione PUMA evoPOWER saranno disponibili nei migliori Store e online a partire dal 1 febbraio.

articoli correlati

AZIENDE

Clickpoint annuncia l’apertura della nuova sede spagnola a Barcellona

- # # # #

Dopo un 2012 chiuso in maniera molto positiva, con grossi investimenti nei settori del performance marketing, dell’e-mail marketing e della lead generation, Clickpoint annuncia l’apertura della nuova sede spagnola a Barcellona.
L’iniziativa, in totale controtendenza rispetto all’andamento del mercato, è frutto della capacità dell’azienda di distinguersi nel panorama della comunicazione digitale, ottenendo la stima di partner e clienti e raggiungendo risultati sempre positivi. Da qui la volontà di consolidare ed espandere il proprio business anche a livello internazionale, con una presenza sempre più importante sul mercato spagnolo. Nell’attuale contesto economico del resto l’unico modo per non rimanere “indietro” è posizionarsi come promotori del cambiamento e della crescita. Questo è l’approccio con cui Clickpoint ha da sempre affrontato il proprio lavoro e le sfide poste da una realtà in continua evoluzione, spesso anticipando le tendenze del settore. Non a caso, ad esempio, Clickpoint è stato il primo operatore italiano a offrire servizi di performance marketing basati su tecnologia proprietaria, in grado di garantire i migliori standard qualitativi del mercato.
Tale approccio e l’utilizzo di tali tecnologie caratterizzeranno anche il lavoro internazionale di Clickpoint, intrapreso con grande fiducia e finalizzato al raggiungimento di risultati simili, se non superiori a quelli ottenuti nel nostro Paese. “Il mondo digitale spagnolo – spiega il Managing Director di Clickpoint Roberto Siano – ha spesso dimostrato una notevole attenzione e apertura verso le più innovative forme di comunicazione. Riteniamo dunque che tale mercato rappresenti un “ambiente naturale” molto favorevole per Clickpoint. Questa è una delle premesse che ci hanno spinti a compiere un grosso investimento e a porci importanti obiettivi sia in termini di business sia di posizionamento a livello internazionale”.

articoli correlati