AZIENDE

Colletta alimentare: Banco BPM collabora con Fondazione Banco Alimentare

- # # # # #

banco alimentare

Banco BPM in collaborazione con Fondazione Banco Alimentare Onlus ha organizzato lo scorso giovedì 11 ottobre un’attività di raccolta degli alimenti presso 31 sedi in tutta Italia. L’iniziativa ha coinvolto tutti i dipendenti di Banco BPM. Per un giorno, le sedi coinvolte, pur continuando ad erogare il servizio ai clienti, sono state trasformate in punti raccolta dei prodotti alimentari.

Partendo dalle sedi di Piazza Meda a Milano e di Piazza Nogara a Verona, coinvolgendo Bergamo, Lodi, Monza, Legnano, Novara, Torino, Alessandria, Bologna, Modena, Reggio Emilia, Genova, Chiavari, Livorno, Lucca, Pisa, Roma, Napoli, Foggia, Catania e Palermo, la giornata della Colletta Alimentare è riuscita a unire tutto il Paese in un grande momento di solidarietà.
I dipendenti hanno contribuito donando viveri non deperibili: alimenti per l’infanzia, omogeneizzati, legumi, pelati e sughi in lattina, tonno e carne in scatola, latte a lunga conservazione, biscotti, riso e pasta per un totale di 6 tonnellate che saranno destinate alle associazioni del territorio convenzionate con Banco Alimentare, organizzazione no-profit che dal 1989 recupera in Italia ogni giorno alimenti ancora integri e non scaduti per distribuirli a oltre 8.000 strutture caritative che aiutano più di 1.500.000 di persone indigenti del nostro Paese.

La giornata della colletta alimentare si inquadra nelle iniziative di Volontariamo, un progetto di volontariato d’impresa nato negli anni passati che è ormai diventato un modo consolidato di interpretare il legame con il territorio promuovendo, in diverse forme, la solidarietà verso le persone che maggiormente ne hanno bisogno. Grazie a Volontariamo Banco BPM mette a disposizione dei dipendenti circa 500 giornate lavorative per attività di volontariato in collaborazione con diverse organizzazioni no-profit attive su tutto il territorio nazionale.

“Anche quest’anno Banco BPM ha promosso la raccolta di alimenti insieme al Banco Alimentare”, ha dichiarato Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM. “Raccogliendo l’eredità delle banche da cui nasce, Banco BPM ha consolidato lo storico impegno nei confronti di chi ha maggiormente bisogno, reinterpretando in questo modo il legame con i territori, generando valore e sostegno in favore del tessuto economico-sociale in cui è presente”.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Banco BPM e Banco Alimentare insieme nella giornata della Colletta Alimentare

- # # #

La colletta alimentare

Banco BPM in collaborazione con Fondazione Banco Alimentare Onlus ha avviato lo scorso 28 settembre un’attività di raccolta degli alimenti presso 30 sedi in tutta Italia.

L’iniziativa ha coinvolto tutti i dipendenti di Banco BPM,. Cresce la Banca, crescono anche le iniziative legate al territorio e al mondo del volontariato. Per un giorno le filiali coinvolte, pur continuando ad erogare il servizio ai clienti, sono state trasformate in punti raccolta dei prodotti alimentari.

Partendo dalla sede di Piazza Meda a Milano e di Piazza Nogara a Verona, coinvolgendo Bergamo, Lodi, Monza, Legnano, Novara, Torino, Alessandria, Bologna, Modena, Reggio Emilia, Genova, Chiavari, Livorno, Lucca, Pisa, Roma, Napoli, Foggia, Catania e Palermo, la giornata della Colletta Alimentare è riuscita a unire tutto il Paese in un grande momento di solidarietà.

I colleghi hanno contribuito donando viveri non deperibili: alimenti per l’infanzia, omogeneizzati, legumi, pelati e sughi in lattina, tonno e carne in scatola, latte a lunga conservazione, biscotti, riso e pasta per un totale di 788 scatole (circa 10 kg. l’una) che saranno destinate alle associazioni del territorio convenzionate con Banco Alimentare, organizzazione no-profit che dal 1989 recupera in Italia alimenti ancora integri e non scaduti per distribuirli a oltre 8.000 strutture caritative che aiutano più di 1.500.000 di persone indigenti del nostro Paese.

La giornata della colletta alimentare si inquadra nelle iniziative di Volontariamo, il progetto di volontariato d’impresa che da maggio vede coinvolti i dipendenti di Banco BPM, che hanno messo a disposizione circa 500 giornate lavorative per attività di volontariato in collaborazione con diverse organizzazioni no-profit attive su tutto il territorio nazionale, in cui la Banca è presente.

“Questa iniziativa realizzata insieme al Banco Alimentare è una concreta testimonianza della sensibilità e generosità dei colleghi di Banco BPM a favore delle persone del territorio e di come la collaborazione tra soggetti, oltre a generare valore, rappresenti una pratica di buon esempio che alimenta una nuova modalità di esprimere sostegno al tessuto economico, sociale e civile di riferimento”, ha dichiarato Salvatore Poloni, Condirettore Generale di Banco BPM.

“Siamo molto felici di essere nuovamente insieme a Banco BPM che si conferma essere un partner sensibile e coinvolto nella nostra mission. Questa Colletta Alimentare rappresenta un ulteriore passo in avanti nella collaborazione con Banco BPM e che mi auguro possa ripetersi anche negli anni a venire. Un doveroso ringraziamento va ai dipendenti della banca che hanno deciso di donare in questa giornata alimenti per le persone povere del nostro paese. Un grazie anche al team “volontariamo” di Banco BPM che ha consentito la realizzazione ed il successo della colletta”, ha spiegato Andrea Giussani Presidente di Fondazione Banco Alimentare Onlus.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Banco BPM e Sport Management, una giornata all’insegna di sport, salute e prevenzione

- # # # # #

Banco BPM e Sport Management

Un grande evento per celebrare la partnership tra Banco BPM e Sport Management e per sensibilizzare l’attenzione sulle tematiche sociali in ambito sportivo. Si è svolto ieri mattina presso la Sala delle Colonne di via San Paolo 12 a Milano l’evento “Sport, Salute e Prevenzione”. Moderato per il secondo anno consecutivo dal Direttore di Premium Sport, Alberto Brandi, ha visto l’intervento dell’Amministratore Delegato di Banco BPM Giuseppe Castagna, dell’Assessore allo Sport della Regione Lombardia Antonio Rossi e del Presidente di Sport Management Sergio Tosi. Presente per l’occasione la squadra di pallanuoto della BPM Sport Management, accompagnata da coach Gu Baldineti e dal Capitano Andrea Razzi. Oltre ai Mastini, hanno preso parte all’evento anche Federico Bocchia, atleta di punta del Team Nuoto SM, Caterina Ottone e Irene Cisternino, rappresentanti della squadra sincro di SM Lombardia, e Omar Aschero, rappresentante del team Triathlon SM.
Oltre allo sport agonistico esiste da sempre una più specifica attività della Società Sport Management incentrata sullo sviluppo di progetti sportivi in ambito sociale: si tratta della Sezione Sport&Education che, diretta dal Dott. Maurizio Castagna, intende lo sport come un’opportunità di miglioramento delle condizioni di salute, benessere e come terapia sia fisiologica che psicologica. L’evento di oggi è stato l’occasione per presentare i progetti innovativi di Sport Management realizzati con impegno e passione dalla Sezione Sport&Education negli ambiti Sport, Salute e Prevenzione. Alcune di queste iniziative sono delle novità assolute in termini di collaborazione tra i tecnici Sport Management, sempre più formati in tal senso, e le strutture d’eccellenza sanitarie del territorio. Il fiore all’occhiello dei tre programmi Sport Management è il progetto “Androfit”, che riguarda la prevenzione al maschile delle malattie in ambito ormonale e dell’apparato genitale.
Il Dr. Mario Mancini, andrologo, endocrinologo, promotore scientifico all’ospedale San Paolo di Milano e Presidente di AndrofitOnlus, ha esposto nel dettaglio il progetto nato per sostenere l’attività del Centro di Andrologia Pediatrica e dell’Adolescenza dell’Ospedale San Paolo a Milano. Nell’impianto natatorio comunale di Sesto San Giovanni, piscina “Olimpia”, Sport Management, in collaborazione con l’allenatrice FINP Alice Fedeli, ha avviato il primo Corso di Scuola Nuoto per disabili, propedeutico all’attività sportiva, anche a livello agonistico.
La novità assoluta è che nel progetto saranno coinvolti, dopo aver partecipato al “Corso di Assistente Motorio ai Disabili”, i tecnici e istruttori Sport Management. Verrà sviluppato, prossimamente, un progetto di pallanuoto integrata. Sempre con la sua divisione Sport&Education, Sport Management, in collaborazione con i responsabili sanitari dell’Ospedale Poma di Mantova e grazie al supporto dell’amministrazione del Comune di Mantova, ha elaborato una nuova strategia di intervento che può accompagnare tutto il percorso clinico del paziente. I collaboratori tecnici dell’impianto sportivo pilota, il Centro Natatorio “E. Dugoni” di Mantova gestito dal Capo Area SM Mattia Torquati, potranno interagire attivamente con la parte clinica per abbattere i tempi di degenza e l’uso di farmaci.

articoli correlati