BRAND STRATEGY

BPER Banca affida a O-One la realizzazione del nuovo contest di video-storytelling di Teen!Space

- # # # # # # #

BPER - O-One

Teen!Space – progetto di BPER Banca dedicato al mondo dei teenager – lancia il digital contest #TuCheMiConosci, aperto a tutti i ragazzi dai 13 ai 18 anni. L’obiettivo del progetto è far emergere il talento dei ragazzi attraverso la realizzazione di una breve video-intervista in cui uno o entrambi i genitori sono chiamati a raccontare le passioni del figlio.

 

L’hashtag del contest #TuCheMiConosci racchiude il concept creativo ideato da O-One, digital unit di Industree Communication Hub: il talento dei ragazzi visto con gli occhi degli adulti e il rapporto tra gli adolescenti e i loro genitori, tematica spesso protagonista nel social storytelling dei giovani youtuber.

 

Le partecipazioni al contest sono aperte fino al 28 Febbraio 2019, ma solo i dieci video migliori, selezionati da una giuria composta dai contributors di Teen!Space, accederanno alla fase finale. I video scelti saranno condivisi sia su teenspace.it sia sul canale Youtube del progetto per poter essere votati da tutti.

 

Terminato il periodo di voto, una giuria di esperti videomaker valuterà i lavori per premiare i primi tre, sulla base di alcuni criteri quali la coerenza con la tematica del concorso, l’originalità, la creatività e la spontaneità. Il primo premio in palio è una Gift Card di Volagratis, il secondo un buono Amazon mentre il terzo una Gift Card di Netflix.

 

O-One ha curato tutte le attività di progettazione e sviluppo web, la creatività digital e il piano strategico di social advertising.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Banca di Bologna rilancia la collaborazione per Readí con MagillaGuerrilla

- # # # #

magillaguerrilla

Banca di Bologna ha affidato anche nel 2018 la strategia digital a MagillaGuerrilla, una collaborazione già avviata lo scorso anno con l’ideazione e il lancio di Readí, il canale digitale di una banca fortemente radicata sul territorio che ha scelto di avvicinarsi ad un target più giovane e tecnologico.

Il lancio del nuovo Canale Diretto Digitale è stato supportato dalla realizzazione della prima piattaforma di gamification per una banca del territorio, con l’obiettivo di conquistare nuovi prospect e fidelizzare clienti e soci. Il concorso, giunto alla sua seconda edizione e ancora più interattivo, permette agli utenti di scoprire il territorio bolognese e i servizi offerti dalla Banca, mentre si accumulano punti e si partecipa all’estrazione di numerosi premi.

Inoltre, attraverso analisi di mercato e benchmark con i competitor, MagillaGuerrilla supporta attivamente e strategicamente la Banca nella definizione delle offerte commerciali e di prodotti completamente digitali, del piano di comunicazione e marketing e nella gestione di tutti i canali digitali.

“La stretta collaborazione con Banca di Bologna ci fornisce stimoli continui, con l’obiettivo di rispondere sempre tempestivamente alle esigenze di marketing offrendo soluzioni digitali che incontrino al meglio gli obiettivi commerciali della Banca”, ha spiegato Francesco Ghigliotti, uno dei soci fondatori di MagillaGuerrilla. “La strategia attuata a partire dallo scorso anno ci ha permesso di intercettare prospect e raccogliere più di 1500 lead”.

“Readí Reale e Digitale è l’iniziativa che ha concretizzato e ampliato l’attività multicanale di Banca di Bologna. Sulla base di ampie ricerche di customer satisfaction e di dati di analytics, è stata impostata una strategia di integrazione tra più momenti e servizi aziendali, per unire mondo fisico e mondo virtuale: mercato retail, sviluppo prodotti, marketing, canali diretti, contact center”, ha dichiarato Luigi Raffa, Responsabile del Servizio Marketing e Comunicazione di Banca di Bologna. “Le interazioni con il pubblico sono cresciute del 38% attraverso il canale digitale e si sono ulteriormente sviluppate nei social media prescelti, attorno ai piani editoriali e alle attività di engagement proposte”

articoli correlati

COMMERCE

Report Comscore Online Banking in Europa: anche la banca sta migrando verso il mobile

- # # # # # # # #

online banking

Il Report comScore Online Banking in Europa relativo all’inizio del 2018 mostra che il 70% della Digital Population EU5 ha utilizzato un sito o un’App di Banking a Marzo 2018. L’evidenza è frutto di dati multi-piattaforma da cinque Paesi europei (Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito) per evidenziare come i trend online influenzino il settore bancario, facendo emergere differenze cruciali nelle abitudini comportamentali dei consumatori.

L’adozione dell’online banking è relativamente alta in Europa ma c’è ancora spazio per crescere; i consumatori digitali in Spagna sono quelli che con maggiore probabilità visitano un sito o un app di banking: 85% della popolazione digitale maggiorenne vi ha fatto accesso a marzo 2018. La Germania ha una delle penetrazioni più basse, al 61%, ma ha il mercato più ampio in valori assoluti, con 33 milioni di visitatori di siti o app di online banking a marzo 2018. Inoltre, la stagionalità dell’utilizzo dell’online banking varia a seconda del Paese: il picco di attività cade nel mese di Gennaio in Francia, Germania e Regno Unito. In Spagna il picco corrisponde a Maggio, mentre in Italia a Ottobre.

“Il settore bancario si sta trasformando rapidamente, spinto da cambiamenti nel panorama competititvo, tecnologico (basti pensare al fintech), e nei comportamenti dei consumatori” afferma Guido Fambach, senior vice presidente, EMEA in comScore. “Il Report “Online banking in Europa” 2018 fornisce un’ampia overview sull’attuale stato del settore del banking onlinee, non meno importante, include dati di grande valore per gli addetti al marketing sugli heavy user dei servizi di online banking,.”

Il report mostra che la penetrazione del mobile banking è stata la più alta in Spagna e in Italia: a marzo 2018, il 48% dei consumatori digitali hanno effettuato accesso a servizi banking esclusivamente tramite smartphone o tablet.
Gli heavy users rappresentano il 20% dell’audience dell’online banking, ma il 71% del tempo totale speso sui siti. La probabilità di trovarli varia in base alla categoria del sito e alla nazione. In Francia, ad esempio, gli heavy user hanno una probabilità pari a 2,3 volte in più di essere trovati su siti di auto che su social media. In Germania c’è una probabilità 2.6 volte maggiore di trovarli su siti di retail, mentre In Italia 3 volte su siti di regali, in Spagna 2.5 volte su siti di noleggio auto e UK 2.6 volte su siti di corrieri.

Per chiudere, l’analisi del device utilizzato mostra una maggioranza “mista”, attiva sia sul mobile che sul desktop: in tutte le nazioni almeno un terzo dell’audience è multiplatform. Inoltre, oltre un terzo dell’audience è mobile-only, fatta eccezione per la Germania.

 

articoli correlati

AZIENDE

UniCredit lancia buddybank, la nuova banca conversazionale dedicata ai possessori di iPhone

- # # # # #

buddybank

La fase di pre-lancio è stata un successo: sono già 15.000 le persone in wainting list per aprire un conto con buddybank, la nuova banca mobile di UniCredit dedicata esclusivamente ai possessori di iPhone.

Lanciata ufficialmente a Milano lunedì 29 gennaio, si presenta sul mercato come primo modello di banca digitale e conversazionale in grado di offrire ai propri clienti un servizio di Concierge, disponibile 24/7, per esigenze finanziarie e lifestyle.

Con questa operazione il Gruppo bancario, da tempo impegnato nell’evoluzione dei propri canali distributivi, compie un altro passo verso lo sviluppo di soluzioni innovative in grando di rivoluzionare la customer experience.

“Buddybank nasce come servizio destinato esclusivamente ai possessori di iPhone. Abbiamo scelto di essere verticali, ma in realtà ci troviamo a interfacciarci con un target anagraficamente eterogeneo: persone che vivono il digitale in maniera positiva e che lo utilizzano per aumentare la propria qualità della vita”, ha spiegato Angelo D’Alessandro, Founder di buddybank (nella foto). “Comunicare con buddybank è semplicissimo. Nessun numero e niente codici da comporre, basta premere la grande “B” al centro dell’applicazione per entrare in chat con il nostro team di Concierge che potrà supportarci anche nelle nostre piccole esigenze quotidiane: prenotare un ristorante, organizzare un weekend speciale, ricordarci un anniversario. Tutto questo grazie al supporto di Quintessentially, partner di eccellenza nel settore presente in 60 Paesi. La nostra missione è quella di trasformare un’app bancaria in un’esperienza nuova, da vivere tutti i giorni. Oggi tutti parlano di big data, noi invece preferiamo parlare di love data, dal momento che, grazie alle informazioni che ci forniranno i nostri clienti al momento della sottoscrizione di un conto, buddybank sarà un vero e proprio compagno di vita, capace di assisterli in ogni momento, in Italia, come all’estero”.

Buddybank si va sicuramente a inserire come un accelleratore di innovazione all’interno dell’offerta UniCredit. Il piano di comunicazione ha già preso il via con una serie di attività teaser, una maxi affissione, operazioni di street marketing (a cura di Jungle), anche se al centro della strategia ci sono i media digitali su cui si concentreranno gli sforzi di comunicazione dei prossimi mesi. La creatività è di M&C Saatchi, già partner di UniCredit per le attività retail, che ha studiato una videostrategy ad hoc. Il planning online e offline è seguito da Mediacom. Il planning delle attività performance è curato dall’agenzia Tsw.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

“Una grande banca tutta per te”: Leo Burnett firma la nuova campagna di Crédit Agricole

- # # # #

Crédit Agricole

Crédit Agricole si presenta al pubblico italiano con una nuova campagna di comunicazione integrata e con il nuovo pay off “Una grande banca, tutta per te”. È il racconto della capacità di Crédit Agricole di essere allo stesso tempo una banca di prossimità fortemente legata al territorio, con i marchi CA Cariparma, CA FriulAdria, CA Carispezia e una grande e solida realtà internazionale, presente in 50 Paesi con 52 milioni di clienti.

In Italia Crédit Agricole rappresenta la scelta di 3,5 milioni di clienti che si affidano alle società del Gruppo per soddisfare le proprie esigenze: Agos, leader nel credito al consumo; FCA Bank, protagonista nei finanziamenti automobilistici; Amundi, leader europeo nell’asset management; CACIB, player globale nel Corporate & Investment Banking; CA Indosuez, marchio internazionale nel Wealth Management e tutte le altre società che operano nel leasing e nel factoring, nell’Asset servicing e nel mondo assicurativo.

È quindi il momento giusto per Crédit Agricole di presentarsi al pubblico nazionale, con il racconto semplice e chiaro di una grande banca globale che vuole rafforzare il legame con famiglie, imprese e territori in una prospettiva di maggiore accessibilità e sostenibilità, anche in vista della possibile futura integrazione di tre Casse di Risparmio del Centro Italia: Cesena, Rimini e San Miniato. E il pay off “Una grande banca, tutta per te” racchiude tutto questo.

La nuova strategia di comunicazione è stata pensata e realizzata ascoltando nel corso di oltre un anno – con il supporto di Doxa – il mercato e i clienti che oggi hanno sempre più bisogno di certezze, che cercano aziende affidabili e concrete.

La nuova campagna pubblicitaria porta la firma di Leo Burnett e propone un nuovo approccio nella comunicazione bancaria. Lo spot – girato tra Milano, Parigi e Hong Kong, nell’arco di due settimane – racconta dunque come la banca nota per il legame al territorio, sia uno dei più grandi gruppi bancari al mondo. Lo spot mostra attraverso il viaggio di un cliente dalla filiale sotto casa all’altro capo del mondo, come la certezza di avere al fianco una banca dalle spalle larghe ci faccia affrontare la vita con più tranquillità e spirito leggero.

 

 

Ideato dall’agenzia guidata creativamente da Francesco Bozza e Alessandro Antonini e prodotto da Think Cattleya, lo spot è stato diretto da Rodrigo Saavedra, che prima di mettersi dietro alla macchina da presa e vincere i suoi primi leoni a Cannes da regista, è stato un pluripremiato direttore creativo. Le riprese hanno impegnato più di un centinaio di persone tra comparse e troupe. La musica è un brano degli anni ’50 interpretato dal virtuoso del fischio Muzzy Marcellino.

La campagna sarà in onda sui principali canali televisivi e avrà anche una pianificazione digital, stampa e outdoor a cura di Havas, oltre che una presenza social. La comunicazione si completa sui mezzi digitali e nelle filiali del Gruppo Bancario, in cui si concretizza l’identità e la relazione.

CREDITS

Crédit Agricole
Responsabile Comunicazione: Francesca Dellegrazie
Responsabile Relazioni Esterne e Sponsorizzazioni: Elisabetta Usuelli

Leo Burnett
Ecd: Francesco Bozza, Alessandro Antonini
Acd: Francesco Simonetti, Diego Mendozza
Cw: Francesco Simonetti
Art: Diego Mendozza
Brand Leader: Bruno Borsetto
Account Director: Ernestina Sangiorgio
Account Manager: Maria Caterina Gardoni
Producer Coordinator: Federica Manera

Casa Di Produzione: Think Cattleya
Regia: Rodrigo Saavedra
Dop: Javier Julia
Executive Producer: Danielle Joujou
Producer: Arianna Messina
Post Produzione Video: EDI Effetti Digitali Italiani
Post Audio: 23 HB
Editor: Massimo Magnetti
Attore Protagonista: Markus Clark Batz
Spk: Benedetta degli Innocenti
Brano: Heap Big Chief (R. Strahl)
Versione: originale di Muzzy Marcellino

Centro Media: Havas
Client director: Rossella Moriggia
Tatiana Porro, Simona Terragni

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Massimo e Ennio Doris per la prima volta insieme nel nuovo spot di Banca Mediolanum e Apple Pay

- # # # # # # #

Ennio e Massimo Doris

I protagonisti del nuovo spot di Banca Mediolanum, on air da domenica 9 luglio, saranno Ennio Doris e Massimo Doris per la prima volta insieme. Il filmato, ambientato dapprima in un ristorante e successivamente all’interno di un taxi, prevede il divertissement che si innesca tra i due banchieri, padre e figlio, i quali seppur rappresentino due generazioni a confronto, scelgono entrambi Apple Pay, il nuovo modo di pagare facile, sicuro e riservato oltre che comodo e veloce. Per far scattare l’incontro ironico tra i due e per trovare quelle espressioni che rendano efficace e contemporaneamente leggero lo spot si è scelto un regista di successo della commedia italiana, Giovanni Veronesi, il quale ha abilmente cucito insieme gli sguardi in un tone of voice divertito. Questa straordinaria occasione ha comportato il ritorno in pubblicità di Ennio Doris.

“Oggi si traccia un solco nella storia della tecnologia, la cui fruizione diviene così semplice da cambiare tutte le nostre abitudini” afferma Ennio Doris, presidente di Banca Mediolanum. “Basta il proprio iPhone, nient’altro. Sono orgoglioso che Banca Mediolanum possa offrire Apple Pay e il mio ritorno in pubblicità insieme a Massimo vuole sottolineare l’importanza di questo momento topico e vuole dare il via a questa nuova era, in cui la tecnologia rende di immediato utilizzo i servizi per tutti i nostri clienti”. Massimo Doris, amministratore delegato di Banca Mediolanum: “Apple Pay è un servizio alla portata di tutti. Non c’è bisogno di essere nativi digitali per utilizzare questa innovativa e rivoluzionaria modalità di pagamento. Per questo, mio padre e io, abbiamo voluto essere entrambi protagonisti di questo spot. Ricordiamo il 2006 come il momento in cui il cellulare diviene smartphone e allo stesso modo ricorderemo il 2017 come l’anno in cui Apple Pay rivoluziona i sistemi di pagamento in Italia”.

Il flight televisivo sarà in onda dal 9 al 29 luglio con oltre 7.000 spot nel formato da 30” pianificati sulle reti Mediaset, Rai, Sky, Mediaset Premium, Discovery, Cielo e Canali 8 e 9. In affiancamento allo spot tv, dal 10 al 28 luglio sarà on air anche una campagna radiofonica che vedrà il coinvolgimento di emittenti nazionali con audience elevata e con un target profilato, quali Rtl 102.5, RDS, Radio 24, Radio Deejay, Radio 105, Virgin e RMC. A completamento del media mix è stata pianificata la presenza di annunci pubblicitari sui principali quotidiani e periodici nazionali nel formato pagina intera su 18 differenti testate e su internet attraverso la pubblicazione di banner e annunci in posizioni dominanti sui principali portali di news ed informazione e sui social media Facebook e YouTube. Dal 16 al 30 luglio è prevista infine una campagna di affissioni che vedrà l’installazione di alcuni grandi formati nelle città di Milano e Roma.

articoli correlati

AGENZIE

Unipol Banca affida a O-One la sua presenza sul digitale

- # # # # #

Unipol

Unipol Banca ha scelto O-One, digital unit di Industree Communication Hub, come partner per la strategia e la progettazione della nuova presenza online della società. Quest’ultima rispecchia fedelmente la nuova strategia commerciale del gruppo, con la convergenza tra My Unipol Banca e Unipol Banca che si concretizza in un sito comune ed esprime la trasformazione da banca online a sistema integrato di prodotti e servizi digitali a disposizione di tutti i clienti della banca, il tutto arricchito da importanti sconti e promozioni riservate ai clienti. Oltre al supporto strategico e alla progettazione logica e funzionale, O-One ha curato il restyling del logo e la creatività della nuova area della banca online, rafforzando il family feeling tra i due brand per comunicare con efficacia le due identità, che convergono a livello istituzionale ma si riposizionano a livello commerciale secondo i nuovi intendimenti strategici.

articoli correlati

AZIENDE

Wise, la nuova piattaforma di consulenza lanciata da Widiba, con il primo mutuo 100% digitale

- # # # # #

Nasce Wase di widiba

Widiba lancia Wise la piattaforma di consulenza che definisce un nuovo benchmark sul fronte della relazione. Il nome nasce dalla radice dell’acronimo Widiba (WIse DIalog BAnk). Sarà la prima banca europea con professionisti certificati secondo uno standard di qualità internazionale da un ente terzo, accreditato e indipendente.

La banca si propone, infatti, di elevare l’attività dei propri consulenti finanziari a consulenti patrimoniali, offrendo loro dei percorsi certificati per approfondire nei clienti la conoscenza dei propri bisogni e dei propri investimenti. Il consulente Widiba, sarà certificato come pianificatore economico-finanziario-patrimoniale personale, in virtù della combinazione tra le sue capacità dimostrate, la piattaforma di “intelligence” a supporto, unica nel suo genere, e il processo di consulenza a sua disposizione: il tutto col fine ultimo di creare valore per il cliente.

La piattaforma robo for advisor, infatti, conuiuga tecnologia e innovazione ai massimi livelli e si pone  al servizio dell’intero ciclo di lavoro del consulente. La logica di robo for advisor aiuta il consulente in tutte le dimensioni del suo rapporto: dalla profilazione del cliente alla costruzione dei portafogli, dall’esecuzione automatica degli ordini al monitoraggio costante nel tempo. Un’unica piattaforma integrata con tutti gli strumenti gestionali, disponibile anche in mobilità, con un’interfaccia semplice e aggiornata in tempo reale. Ciò consentirà ai 628 consulenti finanziari, presenti sul tutto il territorio nazionale, di conoscere il cliente in maniera ancor più profonda, non solo da punto di vista finanziario, per supportarlo nel life planning e monitorare i risultati nel tempo.

Una consulenza di Widiba fondata su quattro basi solide.
Life intelligence: il processo esclusivo di Widiba per conoscere i bisogni e gli obiettivi del cliente, e potergli quindi offrire un piano sostenibile e personalizzato. Un approccio innovativo che parte da un profiling, anche predittivo mediante l’utilizzo di fenotipi e big data, che restituisce al cliente un report approfondito con allocazione della ricchezza per bisogni. In più, il percorso integra l’analisi immobiliare e gli asset finanziari presso terzi, per avere sotto controllo il perimetro complessivo.
Global Advice: il robot personale a disposizione del consulente per la composizione dei portafogli. Consente di elaborare soluzioni di asset allocation automatizzate e sempre personalizzabili, e di effettuare analisi e simulazioni real time di portafoglio in termini di rischio, rendimento e aderenza agli obiettivi. Execution Hub: lo strumento automatizzato per gestire gli ordini con la massima efficienza operativa, con la firma grafometrica e totalmente paperless.
Analytics & Domotics: tanti nuovi strumenti integrati di controllo e monitoraggio per una gestione a tutto tondo di ogni singolo cliente e dell’intero portafoglio del consulente, per avere sempre il quadro della situazione real time gestendo il quotidiano e pianificando il futuro.

Dopo aver introdotto per prima nel sistema la completa digitalizzazione del processo di apertura del conto e della portabilità, Widiba completa ora l’offerta dei servizi bancari con il lancio del primo mutuo in Italia 100% digitale e completamente paperless, dalla richiesta con firma digitale fino all’invio online dell’intera documentazione al notaio. , Il mutuo digitale. disponibile a tasso variabile o fisso, con una durata massima di 30 anni e un importo finanziabile fino a 1.000.000 di Euro, anche per l’acquisto della seconda casa e la surroga, è a zero spese, con pricing al top del mercato. Con 5 giorni per la conferma e 30 giorni per l’erogazione, i più rapidi sul mercato, e con  il costante supporto di un “tutor” specializzato, l’intero percorso, dalla preventivazione al pagamento delle rate, è caratterizzato da un’interfaccia semplice e veloce con un linguaggio naturale e intuitivo. Per i clienti che sottoscrivono il mutuo Widiba, è inoltre disponibile un servizio di analisi immobiliare sempre aggiornato utile per tenere sempre sotto controllo nel tempo l’immobile, il prezzo di mercato, il grado di liquidabilità, la volatilità del prezzo e le attività e passività che genera. Anche grazie ai mutui, Widiba allarga il perimetro della consulenza finanziaria e, a 24 mesi dalla sua nascita, diventa ancora più completa e competitiva.

 

articoli correlati

ENTERTAINMENT

Arte e innovazione: l’artista pop Tomoko Nagao incontra BNP Paribas Cardif

- # # # # #

Arte e innovazione, la partnership tra Tomoko Nagao e BNP Paribas Cardif

BNP Paribas Cardif avvia la collaborazione con Tomoko Nagao, la più importante esponente MicroPop e SuperFlat in Italia, considerata dalla critica “l’ultima frontiera della Pop Art internazionale”. L’artista di origini giapponesi, che da oltre 20 anni risiede in Italia, ha realizzato per l’azienda una riedizione della sua famosa opera “La Nascita di Venere” – rilettura in chiave contemporanea del quadro di Botticelli – per celebrare la visione della Compagnia e dei suoi valori con un particolare focus sul tema innovazione. Innovazione, approccio propositivo e sostenibile verso il mondo che cambia e capacità di rendere globale un’esperienza e un vissuto locale: sono questi i valori che accomunano Tomoko e BNP Paribas Cardif, e che hanno guidato la Compagnia nella scelta dell’artista.
L’opera di Tomoko Nagao verrà collocata all’interno dell’Innovation Lab, lo spazio dedicato all’innovazione in cui il laboratorio interno di R&D della Compagnia incontrerà start up e dipendenti con idee innovative per dare vita a nuovi progetti. All’interno dell’Innovation Lab verrà costruita anche una vera e propria customer journey espositiva, suddivisa per aree tematiche, con device e moodboard che traducono attraverso il formato visivo la parte ispirazionale, i concept e le idee associati ai prodotti più innovativi realizzati della Compagnia.
Nella rielaborazione che Tomoko ha fatto per BNP Paribas Cardif, la Venere non poggia su una conchiglia, ma su una PSP, e fluttua tra fiori e rondini (simbolo di BNP Paribas) realizzati dai figli dei dipendenti che hanno finalizzato l’opera insieme all’artista, durante l’iniziativa “Bimbi in Ufficio – Innovare per crescere” dello scorso 10 giugno. L’opera è assolutamente contemporanea anche per la tecnica utilizzata: la vectorial art per la creazione del soggetto e l’uso dello stencil per la personalizzazione dell’opera per Cardif, due espressioni del linguaggio della street-art e della riproducibilità tecnica dell’arte.
“L’innovazione per BNP Paribas Cardif è un valore imprescindibile, per cui siamo sempre stati aperti alla contaminazione e a nuovi stimoli, anche quando vengono da altri mondi molto lontani dal nostro – spiega Isabella Fumagalli, Amministratore Delegato di BNP Paribas Cardif in Italia – Per questo abbiamo scelto di collaborare con Tomoko, artista che viene da un Paese con una cultura diversa e che realizza opere lontane dal paradigma artistico occidentale, ma alla quale ci lega la volontà di reinventarci costantemente, di cercare nuove soluzioni, di dare risposte concrete ad un mondo in continuo mutamento, cercando di cambiarlo in meglio. Siamo certi che quest’opera ispirerà nuove idee.”

articoli correlati

BRAND STRATEGY

IBL Banca si ispira a UEFA Euro 2016 per la campagna dedicata al prestito RataBassotta

- # # # # #

IBL Banca si ispira agli Europei per la nuova campagna sulla RataBassotta

Il Gruppo Bancario IBL Banca presenta la nuova campagna pubblicitaria per il prestito RataBassotta in pianificazione sui canali off line e online. La campagna multisoggetto si ispira all’evento sportivo del momento, gli Europei di Calcio, e porta in scena il bassotto – testimonial di prodotto di IBL Banca – tifoso del “sogno italiano”, circondato da sostenitori delle varie squadre, componendo un insolito quadretto che vuole mettere insieme, in simpatica armonia, caratteri e personalità diverse.

Il concept creativo è inoltre declinato in soggetti dedicati alle singole partite in cui, nella prima fase, scenderà in campo l’Italia: Belgio-Italia, Italia-Svezia, Italia-Irlanda. La campagna vede protagonisti cani di razze diverse, che indossano i colori della propria squadra e, con un pizzico di ironia, si caratterizzano per piglio e segni distintivi. In particolare il bassotto di IBL Banca, con sciarpa e cappello tricolore, piccolo, agile e leggero, sta dalla parte del sogno italiano.

Il mood della campagna è allegro e giocoso e tende a sdrammatizzare gli aspetti emotivamente più forti che spesso sono associati alle sfide sportive. Il claim, semplice e diretto, “Ratabassotta, il prestito che sostiene il sogno italiano” ben si lega all’idea di finanziamento che permette di realizzare i propri desideri. La campagna è stata realizzata dall’agenzia Hi! MullenLowe, Direttore Creativo: Emilio Haimann, Copywriter: Giancarlo Broggi, Art director: Matteo Capsoni – Michele Bedeschi. Sarà on air per le prossime due settimane e prevede una pianificazione capillare con la copertura dei canali tradizionali off line e web.

“Calcio e sogno sono due parole o meglio due passioni molto italiane. Abbiamo pensato ad una campagna ironica, semplice e diretta, per far sorridere e catturare l’attenzione di un pubblico ampio, dai tifosi che sognano ai sognatori che tifano! Il tema del sogno, inteso come traguardo da raggiungere o progetto da realizzare, è strettamente legato al nostro prodotto core, il prestito RataBassotta, e vicino alla nostra clientela di riferimento, essenzialmente le famiglie. Per questa campagna, abbiamo previsto una copertura capillare dei canali tradizionali off line e web e stiamo programmando specifiche attività sui nostri canali social”, ha spiegato Simone Lancioni, Responsabile Marketing e Advertising IBL Banca.

articoli correlati

AZIENDE

La nuova Widiba: “e se il motore di ricerca più rivoluzionario di sempre fosse una banca?”

- # # # # #

Widiba dà il via al suo nuovo corso

Qual è la prima che facciamo dopo aver comprato un gioco? È, ovviamente, giocarci. Nonostante spesso ci siano di mezzo delle istruzioni da seguire, e il gioco non sia dei più semplici ad un primo impatto. “Il gioco del Risiko è composto da due cose: dalle istruzioni e dalla strategia” spiega, raccontando il nuovo corso di Widiba (online bank del gruppo Montepaschi) in una conferenza tenutasi allo spazio Bou Tek questa mattina a Milano, Andrea Cardamone, CEO della banca digitale. “Se le prime servono per comprendere al meglio le regole del gioco, la seconda è fondamentale per vincere. Ripensando al nuovo corso che abbiamo voluto dare alla nostra banca, e guardando ai siti tutti gli altri player del settore, ci siamo preoccupati di cosa fosse necessario fare per portare la nostra banca nel futuro. E a quel punto ci siamo domandati: e se togliessimo le istruzioni?”. Parole che, a una prima lettura, potrebbero non essere chiarissime, ma che una volta data un’occhiata al nuovo sito si rivelano in tutta la loro forza: Widiba è diventato ormai un motore di ricerca, che “ha sostituito tutte le risposte che i siti bancari danno con una semplice domanda: cosa vuoi fare?”.

Un risultato, questo, che è stato raggiunto smontando i livelli di complessità della piattaforma, recuperando il DNA digitale (e non) del consumatore che non deve più apprendere processi complessi per ottenere un risultato semplice. Il nuovo motore di ricerca è un progetto tutto italiano, sviluppato interamente nei laboratori Widiba con tecnologia open source. Tre i principi ispiratori di questa evoluzione. Innanzitutto lo studio dei comportamenti dei consumatori all’interno degli ambienti digitali non bancari, e del loro modo di interagire e di cercare risposte ai propri bisogni quotidiani. In secondo luogo, la convergenza sempre maggiore verso modelli digitali, diretti e multicanale, che vede i player, in maniera trasversale, creare nuovi paradigmi linguistici e di user experience diversi e differenzianti. Infine, l’introduzione della nuova normativa sulla portabilità dei conti correnti che rende più dinamica la competizione tra i peers e il passaggio a un nuovo istituto di credito da parte di un utente. Queste trasformazioni, già oggi, ma soprattutto nei prossimi anni, vedranno in maniera ancora più forte rispetto al passato uno spostamento della competenza informativa e dispositiva dallo specialista dello sportello al cliente finale con una complessità per quest’ultimo: reimparare ogni volta un linguaggio, capire dove trovare le informazioni e come fare disposizioni.
È per questo motivo che Widiba ha pensato di cancellare le distanze tra il cliente e quello che sta cercando attraverso un’interfaccia semplice e familiare. L’utente viene guidato naturalmente a rispondere alla domanda “Cosa vuoi fare” e può usare le sue parole, quelle di tutti i giorni, per cercare o eseguire un’operazione. L’intuizione è stata quella di creare un nuovo linguaggio utilizzando tre semplici segni: “?” per farsi una domanda, “:” per accedere alle informazioni e un “#” per fare disposizioni. Non si tratta quindi solo di un motore di ricerca, ma della banca nel suo insieme. L’utente all’interno trova tutto quello che ha fatto e anche quello che vuole fare.

articoli correlati

AZIENDE

buddybank: UniCredit svela la banca “amica”, tutta su smartphone

- # # # #

buddybank

Presentata poco fa a Milano buddybank, la nuova banca “molecolare” di UniCredit, disegnata esclusivamente per smartphone, che punta a diventare compagna di vita dei propri clienti per le operazioni di tutti i giorni, dalla prenotazione di un ristorante allo spostamento via taxi. Non per nulla “buddy” in inglese significa “amico”, e indica a persona che chiami quando non vuoi annoiarti e con la quale condividi le esperienze più divertenti.

buddybank offrirà tre prodotti finanziari classici – conto corrente, carta di credito/debito e prestiti personali – e un servizio di concierge paragonabile a quello dei grandi alberghi e disponibile via chat e via telefono 24 ore al giorno 7 giorni su 7. Grazie a tecnologie innovative – sviluppate internamente e in partnership – il cliente sarà riconosciuto in pochi secondi dall’operatore senza dover premere tasti o rispondere a domande di sicurezza e potrà aprire un conto corrente in pochi minuti, ottenere finanziamenti istantanei e contestualizzati, fare trading seguendo i movimenti dei top trader, o risparmiare con un obiettivo . E tanto altro.

Focalizzandosi su un solo canale, lo smartphone, l’esperienza di buddybank sarà originale, semplice e, grazie ad un unico punto di accesso e alle partnership con le startup e le aziende più innovative, permetterà al cliente di usufruire di tutti i servizi finanziari e di life-style con altissimi standard di sicurezza utilizzando una sola user e password.
“buddybank è uno dei pilastri del piano di digitalizzazione e innovazione di UniCredit”, ha spiegato Angelo D’Alessandro, ideatore e responsabile dell’iniziativa. “Apriremo in Italia con il quartier generale a Milano e, grazie alla natura molecolare della banca adattabile alle esigenze dei diversi mercati, stiamo valutando aperture negli Stati Uniti, Europa e Africa”.

buddybank, che sarà attiva dal primo gennaio 2017, è controllata al 100% da UniCredit Spa. Con un investimento iniziale di 50 milioni di euro, la startup ha un target di 1 milione di clienti in Italia in 5 anni, e il break-even previsto al terzo anno con 300.000 clienti.

articoli correlati

AZIENDE

CheBanca!, al via la nuova operazione cinematografica in collaborazione con Infinity

- # # # # #

CheBanca in collaborazione con Infinity

CheBanca!, la Human Digital Bank del Gruppo Mediobanca, lancia oggi una nuova operazione a premi con Infinity, l’innovativo servizio di video on demand in streaming. L’offerta spazia dalle anteprime del grande cinema ai grandi classici della produzione mondiale; dai cofanetti completi delle serie tv più famose ai cartoni animati più divertenti.
Per tutti coloro che, tra il 1 febbraio e il 31 marzo apriranno un Conto Corrente – il conto a zero spese se operi online – o un Conto Yellow – il conto che offre interessi trimestrali e l’accesso al dossier titoli – o accrediteranno sul proprio contodell’istituto lo stipendio o la pensione, CheBanca! riconoscerà un Infinity Pass valido per 12 mesi di visione. Con l’Infinity Pass è possibile guardare migliaia di contenuti in super HD su ogni device (TV, PC, Tablet, Smartphone, game console e molto altro). La piattaforma consente inoltre di effettuare il download di contenuti su PC, smartphone e tablet per guardarli in qualsiasi momento, anche in assenza di connessione internet.
L’iniziativa sarà pubblicizzata sulle digital properties CheBanca!, sul sito di Infinity, alle Customer Base CheBanca! e Infinity e attraverso una campagna digital dedicata che genererà traffico sul sito dedicato. La pianificazione della campagna prevede attività di Search Engine Marketing, Social Marketing, Display Advertising sui principali siti di news/portali e attività di Programmatic Buying.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Una nuova idea di banca nella tre giorni de “L’Italia dal vivo”, firmata da The Next Event

- # # # # #

Una kermesse di tre giorni per presentare un nuovo concept di filiale, già in corso di realizzazione, che nel giro di tre anni trasformerà le mille filiali principali del Gruppo Intesa Sanpaolo in tutta Italia. È quanto ha realizzato The Next Event, l’agenzia creativa di Next Group, per il gruppo bancario guidato da Carlo Messina tra il 27 e il 29 ottobre scorso.
La presentazione, avvenuta presso la filiale di piazza Cordusio a Milano, ha voluto raccontare dal vivo, sul campo, la trasformazione del concetto di banca voluta da Intesa Sanpaolo. Un cambiamento che testimonia e promuove un nuovo modo di essere e di relazionarsi col territorio.
Come spiegato da Vittorio Meloni, Responsabile Direzione Relazioni Esterne di Intesa Sanpaolo, durante la conferenza stampa che ha inaugurato la tre giorni, “la frequenza di visita in filiale sta diminuendo. Il contatto face to face mantiene però la sua rilevanza, soprattutto per attività di consulenza. Il futuro della filiale è legato al saper diventare un canale di engagement con i clienti. Sulla base di questo nuovo approccio al ruolo della banca, l’idea che abbiamo sviluppato è quella di trasformare lo spazio a disposizione, per far sì che diventi luogo di incontro e di scambio”.
“Intesa Sanpaolo ci ha offerto l’opportunità di mettere da subito in atto questo nuovo concept, che vede le sue filiali capaci di trasformarsi in spazi per eventi e di ospitare attività anche di carattere culturale e legate al terzo settore. A partire dalla presentazione di questo nuovo modello, che è coincisa con l’inaugurazione della sede di Piazza Cordusio”, ha raccontato Gianluca Prina, Client Director e Responsabile del progetto.
“È stato un grande impegno per i contenuti e la necessità di integrarci in un luogo così speciale come Piazza Cordusio, ma anche una bella esperienza per l’accoglienza e la disponibilità delle persone della filiale. Soprattutto, abbiamo visto come questa nuova idea di banca possa generare degli eventi originali quanto utili”, è la conclusione di Pierluigi Durat, Creative Director dell’agenzia.
Dopo la conferenza stampa, la tavola rotonda “Fare impresa oggi: credito, lavoro, talento” ha dato la parola a imprenditori e professionisti, che al termine hanno avuto la possibilità di vivere una “Notte al museo”, una serata dedicata al patrimonio artistico e culturale italiano che ha mostrato in anteprima il Bacio di Francesco Hayez del 1861. Opera che farà parte della mostra “Hayez”, la più completa retrospettiva sull’artista, ospitata da Gallerie d’Italia a partire dal 7 novembre.
I due giorni successivi hanno visto succedersi workshop e tavole rotonde. “Il lavoro incontra le donne”, prodotto in collaborazione con workHer, ha rappresentato per 80 partecipanti un’occasione utile e concreta per confrontarsi e ricevere consulenza. Nel corso di “Vividigitale”, banca, clienti ed esperti digital hanno dibattuto sulla cultura digitale come fattore di crescita. “Il mondo delle start up”, infine, ha permesso, insieme a 40 giovani espressioni dell’economia dell’innovazione, di fare il punto sul sistema delle start up in Italia.

Credits: The Next Event
Direzione Progetto: Gianluca Prina
Direzione creativa e contenuti: Pierluigi Durat
Direzione Produzione: Valentina Bigicchi

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Online il nuovo sito di Banca MPS, pensato per l’utilizzo da mobile

- # # # # #

Contenuti facilmente accessibili e attenzione alla navigazione da mobile, grazie alla nuova struttura logica e grafica. È questo il principio che ha guidato il rinnovamento del portale www.mps.it, il sito di Banca Mps che raccoglie sia l’anima commerciale che la parte istituzionale dell’ istituto senese.

Orientato alla nuova user experience, che negli ultimi anni è profondamente cambiata con l’avvento di smartphone e tablet, ed analizzando i comportamenti e le abitudini degli utenti, il nuovo portale di Mps è stato completamente riprogettato, in accordo con i più recenti studi di interazione uomo-macchina. Tutte le informazioni di carattere commerciale ed istituzionale sono state organizzate per permettere agli utenti di trovare il contenuto desiderato con pochissimi click.

L’accesso alla sezione Internet Banking ed alle funzioni interattive di servizio, le più utilizzate dagli utenti, sono ora ben in evidenza in un’area clienti totalmente rinnovata. Attraverso l’utilizzo di algoritmi proprietari e landing page dinamiche il nuovo sito è in grado di trasformarsi secondo i desideri e le abitudini del cliente ed il device utilizzato per connettersi, ma anche in base ai prodotti o alle comunicazioni che di volta in volta la Banca vorrà evidenziare, presentandoli nella home page.

Il nuovo sito, più vicino alle esigenze dell’utente ed in grado di offrire un’esperienza unica e diversa per ogni visitatore, rispecchia i valori di Banca Monte dei Paschi di Siena che da sempre fa della vicinanza ai propri clienti ed al territorio in cui opera la propria filosofia ed elemento fortemente caratterizzante. In quest’ottica sono state potenziate le funzionalità di geolocalizzazione e assistenza, per identificare rapidamente la filiale più vicina ed i numeri di contatto. Nella sezione media&news, inoltre, viene data ampia visibilità alle iniziative promosse dalla Banca, con particolare attenzione agli eventi territoriali, con contributi di immagini e video.

Ad un mese esatto dal lancio, il nuovo portale ha già visto il miglioramento di tutti gli indici di analisi web: traffico generato da utenti mobile, tempo di permanenza medio e numero di pagine visitate sono notevolmente aumentati, mentre il bounce-rate, l’indicatore che evidenzia il numero di utenti che abbandonano il sito entro i 30” secondi perché non interessante o difficilmente accessibile, è sensibilmente diminuito.

articoli correlati