MEDIA 4 GOOD

Dokita Onlus lancia la campagna “Tutti Uguali”: raccolta fondi per i bambini disabili del Camerun

- # # # # #

dokita onlus

Nel mondo, più di 100 milioni di bambini sono disabili e rappresentano uno dei gruppi più emarginati ed esclusi di molte società. Ogni giorno sono costretti a fare i conti con la discriminazione e con la mancanza di politiche e leggi adeguate, che nega loro il diritto all’assistenza sanitaria, all’istruzione e in alcuni casi perfino alla sopravvivenza. La disabilità li rende fragili e vulnerabili, esponendoli quattro volte in più, rispetto ai loro coetanei, al rischio di subire maltrattamenti fisici e psicologici.

 

In particolare, in Camerun, oltre il 23% dei bambini di età compresa tra i 2 e i 9 anni è affetto da almeno un tipo di disabilità causata, per il 65% di loro, da malattie infettive non ancora debellate come la polio, la malaria, la lebbra o il morbillo. Per garantire ai bambini disabili del Camerun cure mediche e fisioterapiche, istruzione, nutrizione, protezione ed inclusione sociale, Dokita Onlus lancia la Campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “Tutti Uguali”, che si può sostenere dal 6 al 21 gennaio 2019 con un sms o chiamata al numero solidale 45582.

 

Essere un bambino disabile in Camerun significa, nella maggior parte dei casi, non avere la possibilità di accedere ai servizi medici, non poter frequentare la scuola e non poter ricevere un’adeguata nutrizione. Sono bambini “invisibili”, condannati ad un futuro di emarginazione e abbandono, soprattutto perché spesso sono proprio le famiglie ad allontanarli, sia per mancanza di risorse economiche, sia a causa di retaggi culturali.

 

Eppure nel sud del Camerun ci sono tre posti speciali dove, con cura e dedizione, si lavora tutti i giorni affinché i bambini siano davvero “tutti uguali”, nonostante la disabilità e l’estrema povertà. Sono i Centri gestiti da Dokita Onlus, che da oltre trent’anni è presente in Camerun per garantire cure e inclusione ai bambini disabili, promuovendo la loro piena partecipazione alla vita socio-economica e culturale della comunità, tramite la riabilitazione e la prevenzione socio-sanitaria, l’educazione scolastica e la formazione professionale.

 

La Campagna “Tutti Uguali” di Dokita Onlus ha l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sulla difficile condizione dei bambini con disabilità che vivono nei Paesi in via di sviluppo, al fine di contrastare la disuguaglianza e contribuire così alla costruzione di un futuro in cui possano avere pari dignità e opportunità. In particolare, i fondi raccolti serviranno a dare continuità all’attività di riabilitazione, di accoglienza e di supporto scolastico per i bambini disabili del Camerun, attraverso il potenziamento del Foyer de l’Esperance e degli altri Centri gestiti da Dokita. Le donazioni, inoltre, saranno destinate all’acquisto di nuove apparecchiature fisioterapiche e ai laboratori di confezionamento di protesi e ortesi. Dal 6 al 21 gennaio 2019 si può sostenere la Campagna “Tutti Uguali” con un sms o chiamata al numero solidale 45582. Il valore della donazione sarà di 2 euro per ciascun SMS inviato da cellulari Wind Tre, TIM, Vodafone, PosteMobile, Iliad, Coop Voce, Tiscali. Sarà di 5 euro per le chiamate da rete fissa TWT, Convergenze, PosteMobile, e di 5 e 10 euro da rete fissa TIM, Wind Tre, Fastweb, Vodafone e Tiscali. Partner della Campagna sono Responsabilità Sociale Rai, LA7, Mediafriends e Sky per il Sociale.

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Agriturismo.it rilancia per il secondo anno la promozione Il Mese dei Bambini

- # # #

agriturismo, bambini

Estesa anche al 2018 la promozione di Agriturismo.it, sito leader in Italia per il settore della ricezione in agriturismo, tutta dedicata ai bambini. Dopo la fortuna dell’iniziativa nel 2017, anche quest’anno il portale ha deciso di proporre ai propri utenti il Mese dei Bambini, che si svolgerà dal 1 al 30 settembre e che permetterà a chi viaggia con la famiglia di approfittare del soggiorno gratuito durante i weekend per ogni bambino da 0 a 10 anni, accompagnato da un adulto pagante.

La comunicazione della promozione, con le strutture aderenti e tutti i dettagli per i soggiorni con i più piccoli è partita negli scorsi giorni: l’iniziativa è infatti oggetto di post Facebook e Instagram, di una campagna banner su Facebook e di DEM inviate a tutti gli utenti, oltre che di un box esplicativo sulla homepage del portale.

Oltre 150 in tutta Italia le strutture che hanno già aderito al Mese dei Bambini grazie alle newsletter indirizzate ai gestori che hanno potuto partecipare gratuitamente all’iniziativa, proponendo ciascuno attività e benvenuti speciali per i più piccoli.
Alcune strutture, ad esempio, hanno scelto di estendere la promozione a tutti i giorni del mese e non solo ai weekend, altre accolgono i bimbi con passeggiate alla riscoperta della natura, con giri a cavallo o giochi realizzati insieme a cani e gatti. Non mancano le attività di semina e raccolto, oltre ai corsi di cucina, tutti a misura di bambino.

Sui profili Facebook, Instagram e Twitter di Agriturismo.it sarà possibile seguire il Mese dei Bambini grazie all’hashtag #mesedeibambini, con cui gli utenti stessi sono invitati a pubblicare le foto e i video delle loro esperienze in famiglia in agriturismo.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

On air la campagna Pampers: Saatchi&Saatchi firma le avventure quotidiane dei bambini

- # # # # #

Campagna Pampers

Crescere è un viaggio che ricomincia ogni giorno, insieme a chi ti ama di più. Come Pampers, il brand che accompagna i bimbi nelle loro grandi avventure quotidiane con un prodotto specifico per ogni fase della crescita. Così nasce la nuova campagna della linea Pampers Progressi: tre spot tv on air dal 30 luglio e firmati ancora una volta Saatchi & Saatchi. Ad affiancare il bimbo protagonista, le tre mascotte di peluche: un tenero pulcino, un curioso orsetto e un energico leoncino, tre caratteri diversi proprio come i bisogni dei bimbi di età differente.

 

Così, nella prima tappa del viaggio si parte a bordo di una barchetta a dondolo, dolce ed accogliente. Si continua su una mongolfiera, puntando sempre più in alto alla conquista del mondo. E si conclude con un’entusiasmante rincorsa al treno, per una felicità che non ha più confini. Questa è la meravigliosa avventura che si ripete ogni giorno nel tenero Mondo Progressi, un mondo accogliente e soffice perché completamente fatto di stoffa, che ruota intorno ai bisogni dei bimbi. Proprio come dimostra la prima inquadratura dei tre film. La campagna realizzata in tecnica mista, live action e 3D, ha avuto bisogno di un lungo studio scenografico e ricerca materiali, che hanno reso il set unico, sia da un punto di vista di crafting sia per l’esperienza vissuta dai bambini che hanno partecipato alla realizzazione del film.


Credits:
Agenzia: Saatchi & Saatchi Italy
Direttore Creativo Esecutivo: Agostino Toscana
Direttori Creativi: Manuel Musilli, Alessandro Orlandi
Direttore Creativo Cliente e Copywriter: Elena Cicala
Art Director: Alessio Bianconi, Alessandra Torri
Team Account: Erica De Monte, Penelope Sarrocco, Veronica Costantino
Head of Tv: Raffaella Scarpetti
TV Producers coordinator: Erica Lora-Lamia
TV Producer: Germana Chiot
Casa di Produzione: Bedeschi Film
Regista: Nadia De Paoli
DOP: Renato Alfarano
Musica di Federico Landini per Soundpusher srl – Titolo del Brano “Viaggio”
Post Production: Direct To Brain
Post Production Audio: General Jingles
Centro Media: Media Italia
Team Marketing Fater: Ione Volpe, Alex Castelli

articoli correlati

AZIENDE

Telefono Azzurro, 30 anni al fianco di bambini in difficoltà

- # # # # #

Telefono Azzurro compie 30 anni

Esattamente 30 anni fa, una domanda ha dato vita ad una storia tutta da raccontare: come fare per dare un aiuto immediato, concreto e sicuro basato su professionalità e sensibilità, a tutti quei bambini che, nel silenzio, subiscono abusi e violenze? La risposta concreta è stata la fondazione dell’Associazione SOS Il Telefono Azzurro da parte di Ernesto Caffo, Professore ordinario di Neuropsichiatria infantile all’Università di Modena e Reggio Emilia. Nei suoi primi trent’anni di vita, l’associazione ha aiutato più di 72.000 bambini e adolescenti, in media 2.400 ogni anno. Un progetto nato e durato nel tempo grazie anche alla partecipazione di diversi attori: innanzitutto lo straordinario lavoro dei volontari (oltre 520 nel 2016) e poi le scuole e le istituzioni che hanno rafforzato una rete di ascolto, dialogo e intervento a difesa dei diritti dei minori. Oggi Telefono Azzurro spegne 30 candeline e celebra il suo anniversario anche con una rivisitazione del logo progettato da Italdesign e che ricorda all’Italia il lungo e costante impegno dell’Associazione fatto di ascolto, intervento, supporto psicologico e molto altro.

Le origini
Era l’8 giugno 1987, i telefoni erano a tastiera circolare, come si vede nel carosello di vecchi spot diffuso da un’Associazione che ha dovuto cambiare ed evolversi rapidamente nel tempo, al passo con una società che corre e con le nuove tecnologie a dare vita a nuove minacce per i più piccoli. Prima il solo telefono, oggi ascolto e intervento basati su una comunicazione multicanale. La storica linea 1.96.96 ha retto nel tempo lasciando però spazio anche ad altri strumenti, come la chat, il web e i social, ormai fondamentale per l’operato dell’Associazione. Se la prima generazione di bambini e adolescenti chiedeva aiuto per situazioni di violenza e abusi (le percosse e i maltrattamenti fisici rappresentavano il 10% circa delle chiamate dei primi 7 anni), oltre che per problematiche legate alle relazioni con adulti o coetanei (circa il 45% dei casi gestiti tra 1987 e 1994), oggi sempre più le richieste di aiuto si legano ad un aumento della violenza tra coetanei: bullismo (nelle sue diverse componenti) e dating violence ne sono esempio. Solo nel 2016 rappresentano circa il 10% delle richieste di aiuto.

Il cambiamento
Ma la vita dei bambini corre sempre più online: nativi digitali, vivono in case high-tech, dove le stanze sono stazioni ad alto contenuto tecnologico. Non stupisce quindi che le richieste di aiuto riguardino anche gli aspetti della loro “crescita digitale”: dipendenza dal web, invio e condivisione di immagini e video sessualmente espliciti autoprodotti (sexting), ricatti legati a questi invii (sextortion), così come adescamenti di minori ad opera di sconosciuti (grooming). I dati di Telefono Azzurro parlano a questo proposito di un trend in aumento costante negli ultimi anni e che oggi si attesta attorno al 6% del totale delle consulenze che vengono offerte ogni anno dal numero gratuito 1.96.96 e dalla chat.

La storia
La storia di Telefono Azzurro è segnata da una serie di passaggi che ne riconoscono l’assoluto valore oltre che un posizionamento che ne fa un punto di riferimento unico per ascolto, intervento e supporto psicologico. Il 18 dicembre 1990, con decreto del Presidente della Repubblica, Telefono Azzurro diviene Ente Morale. Nello stesso anno viene attivata la prima linea gratuita per i bambini fino ai 14 anni: è il numero 1.96.96, oggi accessibile anche agli adulti, attivo su tutto il territorio nazionale 24 ore su 24, per 365 giorni all’anno. Segnale tangibile per garantire il “diritto all’ascolto”, riconosciuto al bambino dalla Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia firmata dalle Nazioni Unite l’anno precedente. Telefono Azzurro ha contribuito a livello internazionale al dibattito sul tema dei diritti dell’infanzia, favorendo la diffusione della conoscenza della Convenzione Internazionale sui Diritti dell’Infanzia firmata nel 1989 dalle Nazioni Unite – e ratificata dallo Stato Italiano nel 1991 – e della Convenzione Europea di Strasburgo, firmata nel 1996. Nel febbraio 2003 a Telefono Azzurro è affidata la gestione per la fase sperimentale del Servizio Emergenza Infanzia 114, frutto dell’accordo tra i Ministeri di Comunicazioni, Pari Opportunità e Lavoro e Politiche Sociali. In seguito alla firma di un Protocollo di Intesa con il Ministero dell’Interno, inoltre, dal maggio 2009 Telefono Azzurro gestisce il 116.000, linea diretta per i bambini scomparsi.

L’evoluzione
L’attività di prevenzione e ascolto di Telefono Azzurro si intensifica e si specializza sempre più. Gli operatori vengono formati sulla base delle esperienze raccolte ma anche grazie ad un confronto costruttivo e strategico con altri paesi europei. Gli strumenti di lavoro, informatici e tecnologici, si evolvono sulle base dei tanti casi trattati e sulla loro diversità. Il Centro Nazionale di Ascolto di Telefono Azzurro è oggi un call center con 30 linee telefoniche, 40 operatori specializzati, centinaia di volontari. All’ascolto telefonico, Telefono Azzurro associa inoltre nuove iniziative tese a favorire la diffusione di una cultura di intervento preventivo nelle situazioni di disagio, maltrattamento e abuso.
Negli anni, l’impegno di Telefono Azzurro è emerso anche in occasione di appuntamenti come le Giornate Nazionali contro la Pedofilia e la pedopornografia, bullismo e cyberbullismo, violenza sui minori. Tra gli ultimi, lodevoli progetti dell’Associazione fondata e presieduta dal Prof. Caffo, spicca “Bambini e Carceri”, che ha come obiettivo quello di fornire supporto psicologico ai piccoli figli di detenuti che vivono situazioni di dolore e fragilità. Attualmente il progetto è attivo in 14 città (Bologna, Chiavari, Firenze, Massa Carrara, Milano, Monza, Napoli, Padova, Palermo, Pescara, Prato, Reggio Emilia, Roma, Torino) ed è in avvio anche a Livorno, grazie all’impegno di 225 volontari. E come dimenticare l’impegno di Telefono Azzurro attraverso la presenza nelle zone colpite dal terremoto – in ultimo ad Amatrice in cui ci sono ancora volontari – dove la vita di molti bambini è stata segnata dal ripetersi di questa catastrofe naturale. Un impegno che è andato ben oltre i confini nazionali visto che l’Associazione ha instaurato importanti partnership con Missing Children Europe, INHOPE e il Centro internazionale per i bambini scomparsi e sfruttati.

“La nostra è una storia basata sull’ascolto e sulle risposte che nel tempo abbiamo messo in campo sotto forma di progetti concreti, racconta il Professor Ernesto Caffo, fondatore e presidente dell’Associazione. Attraverso l’ascolto Telefono Azzurro ha fatto conoscere i bisogni di bambini e adolescenti, raccogliendo le loro voci attraverso il telefono prima, e poi via via attraverso tutti gli strumenti e i canali che in questi tre decenni la tecnologia ci ha messo a disposizione. Sempre attenti a parlare la lingua dei più piccoli, a essere presenti lì dove loro sono, dove dialogano, dove imparano e dove crescono. Una presenza” conclude Caffo, “sempre più capillare e costante, resa possibile dal grande lavoro svolto dai gruppi territoriali dei nostri volontari, che hanno reso grande la storia di questi trent’anni. Lavoreremo ogni giorno affinché nei prossimi trenta venga costruito sempre più un mondo a misura di bambini e di adolescenti”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

It’s Hero Time: xister “trasforma” i bambini in alieni per il ritorno di Ben 10 su Cartoon Network

- # # # # # #

L'evento xister dedicato a Ben 10

La storia di Ben 10 è di quelle che, tra i più giovani, non ha bisogno di presentazioni: grazie a uno speciale bracciale ricevuto dagli alieni un normale ragazzo di 10 anni riesce a trasformarsi in diversi mostri con i super poteri, capaci di salvare più volte il mondo. Proprio al rapporto tra mostri, alieni e ragazzi che xister ha pensato nel lanciare un nuovo evento, nato per celebrare il ritorno del famoso cartone animato su Cartoon Network: grazie ad una replica dell’Omnitrix, lo speciale device che permette a Ben 10 di trasformarsi, i ragazzi hanno visto il loro avatar alieno materializzarsi in una teca olografica alta più di due metri realizzata in collaborazione con Forge Reply, azienda italiana specializzata nello sviluppo di videogame.

L’evento, allestito nel centro commerciale FIORI di Milano e nel centro commerciale Porte di Roma, ha visto la partecipazione di centinaia di bambini che tra stupore, divertimento e risate hanno ricevuto un gadget di Ben 10 e non hanno perso l’occasione di scattare una foto ricordo con il loro eroe.

Credits:
Sarah Grimaldi – Creative Director
Valerio Di Giorgio – Deputy Creative Director
Andrea Mazzocchi – Head of Production
Rodrigo Cinelli – Art Director
Matteo Foglia – Copywriter
Fabio Caruso – Account Supervisor
Dunia Traficante – Account Manager

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Polo Nord Portatile, UGroup Media lancia anche in italiano l’applicazione di Babbo Natale

- # # # # # #

Polo Nord Portatile, l'app di UGroup Media

È da oggi disponibile anche in italiano Polo Nord Portatile, l’app molto creata, prodotta e distribuita dall’azienda canadese UGroup Media che racchiude tutta la magia del Natale e che dal 2008 ha regalato auguri speciali a circa 125 milioni di bambini.

PNP, infatti, è la piattaforma online ufficiale che Babbo Natale e i suoi elfi utilizzano per inviare videomessaggi e chiamate personalizzati ai bambini in tutto il mondo gratuitamente, disponibile in 6 lingue: inglese, francese, spagnolo e dal 2016 anche italiano, tedesco e giapponese. Per fare la richiesta basta scaricare l’app gratuita da Apple Store o Google Play, oppure iscriversi sul sito ufficiale, inserire qualche informazione sul destinatario e personalizzare lo scenario. Il telefono squillerà e quando il bambino andrà a rispondere all’altro capo della cornetta a parlare sarà Babbo Natale!

Se si preferisce il videomessaggio, è possibile scegliere la versione per bambini o quella per grandi, perché la magia del Natale conquista i bambini di tutte le età! Tra gli scenari proposti, i saluti da Babbo Natale nella sua casa, o all’ufficio postale, dove riceve le migliaia di letterine, oppure è possibile visitare la casa di un elfo! Tutti i video saranno personalizzati ad hoc per il destinatario, indicando il nome, data di nascita, paese di residenza e, se si vuole, una foto. Se, poi, i video auguri vengono fatti recapitare su un dispositivo con video camera, sarà possibile di catturare la reazione del bambino quando guarda il messaggio, immortalando lo stupore e la gioia nei suoi occhi. Su richiesta, inoltre, i video possono essere scaricati anche in HD, per conservare questo ricordo speciale.

L’app di UGroup Media è disponibile anche nella versione Pemium, che offre un più ampio numero di scenari come, ad esempio, la chiamata in diretta dalla slitta la sera della Vigilia, e ulteriori funzioni. Ad esempio, il caro Babbo potrà complimentarsi con il bambino per i suoi risultati scolastici, o, magari, riprenderlo invitandolo ad ubbidire di più ai suoi genitori o a comportarsi meglio. Quest’ultima opzione è risultata essere molto apprezzata dalle mamme e dai papà che hanno usufruito del servizio, per la sua valenza educativa. Del resto, quale bambino si sognerebbe mai di contraddire Babbo Natale!

Oltre a rappresentare un filo diretto con il Polo Nord, l’app di UGroup Media offre anche mini-game e attività per far divertire i vostri bambini. Potrete lasciarli giocare senza timore che scoprano i vostri segreti, poiché la sezione destinata ai messaggi di Babbo Natale è protetta da password, per salvaguardare la magia!

Il buon vecchino e i suoi elfi fedeli non possono, però, dimenticare che il Natale è un po’ meno magico per alcuni bambini, per questo PNP ha lanciato il Programma Ospedali Pediatrici Polo Nord Portatile, e per ogni messaggio acquistato devolve parte del ricavato all’ospedale pediatrico più vicino a chi ha effettuato l’acquisto, così da riuscire a sostenere quante più strutture possibile.  Attualmente gli ospedali che fanno parte del progetto solo più di 40, e le donazioni in loro favore hanno superato i 300 mila dollari americani.

articoli correlati

MEDIA

Focus Junior e PoliMi, tornano le lezioni accademiche per bambini “Tutti insieme all’università”

- # # # # #

PoliMi e Focus Junior

Dopo il successo dell’edizione primaverile, torna eccezionalmente per una “sessione autunnale” il progetto Tutti insieme all’università, organizzato dal magazine Focus Junior e dal Politecnico di Milano: due nuovi appuntamenti dedicati ai grandi temi della scienza con i professori del Politecnico di Milano, durante i quali bambini e ragazzi dai 7 ai 13 anni potranno assistere a vere e proprie lezioni universitarie, con qualche anno d’anticipo.
Gli incontri sono pensati per soddisfare la curiosità dei partecipanti con contenuti innovativi, divertenti e stimolanti, che aiutano a scoprire il mondo in modo nuovo e intelligente, nell’ottica dell’educare divertendo che guida l’attività del brand Focus Junior. La prima lezione è in programma al Politecnico sabato 12 novembre alle ore 10.30 e avrà come tema “Harry Potter e la magia…del cinema”: la professoressa di Comunicazione visiva Francesca Piredda spiegherà i retroscena dei trucchi del mago più famoso del mondo coinvolgendo i piccoli in esperimenti di magia cinematografica.

Il secondo appuntamento, intitolato “A caccia di comete. L’incredibile avventura della Missione Rosetta”, si terrà sabato 3 dicembre alle 10.30. Il professor Pierluigi Di Lizia, docente di Meccanica aerospaziale, racconterà la storia della Missione Rosetta, che ha viaggiato dieci anni nello spazio prima di incontrare la cometa che stava cercando. La partecipazione è gratuita fino ad esaurimento posti, basta iscriversi sul sito del Politecnico nell’apposita sezione dedicata agli eventi: www.eventi.polimi.it.

articoli correlati

AZIENDE

Uno “Stadium” a misura di famiglia: al via la nuova collaborazione Juventus e Chicco

- # # # # # #

Uno "Stadium" a misura di famiglia: al via la nuova collaborazione Juventus e Chicco

Chicco scende in campo con Juventus Football Club per un’importante collaborazione che ha visto il suo fischio d’inizio proprio nello Juventus Stadium in occasione della partita Juventus – Udinese, il 15 ottobre.

Tutti i bambini amano giocare, il gioco è, infatti, il modo più naturale e spontaneo che hanno di comunicare e di stare insieme. E lo sport, soprattutto quello di squadra, ha un ruolo fondamentale nella loro crescita. Per questo Chicco da sempre favorisce l’avvicinamento allo sport, con giochi pensati per dare la possibilità anche ai più piccoli di divertirsi e seguire le proprie passioni con genitori e amici. Per Chicco è una missione favorire le famiglie a vivere sempre più esperienze insieme, anche fuori casa. La Partnership con Juventus è un ulteriore passo verso questa direzione: sostenere i valori che lo sport insegna e dare la possibilità di coltivare e condividere le proprie passioni sportive. Chicco ha raccolto con entusiasmo l’invito di Juventus Football Club mettendo in campo i suoi prodotti e, ancor prima, la sua competenza ed esperienza a 360° nel mondo dell’infanzia: per far sentire come a casa le famiglie che si recheranno allo Juventus Stadium, uno degli stadi più all’avanguardia in Europa.

Essere una famiglia con bambini piccoli, anche sotto i tre anni di età, non significa dover rinunciare a vivere delle esperienze, comprese quelle sportive… L’obiettivo dell’approccio Family Friendly è, appunto, quello di garantire a genitori e bambini la migliore accoglienza possibile all’interno dello Stadio, fornendo il supporto necessario per tifare e assistere alle partite con la massima comodità. Da metà ottobre Chicco integra i servizi offerti allo Juventus Stadium con i propri prodotti: seggioloni, rialzi sedia, scalda-biberon e giochi, a disposizione di tutte le mamme e i papà che si recheranno accompagnati da bimbi piccoli.

“Dopo l’esperienza di Expo dove Chicco ha curato la Children Hospitality, dando supporto per 6 mesi a famiglie di tutto il mondo, siamo orgogliosi di questa nuova Partnership. Chicco e Juventus Football Club condividono valori quali l’innovazione e la vicinanza alle famiglie e si impegnano per promuovere l’importanza dello sport, soprattutto per i più piccoli” afferma Marco Schiavon, Country Manager Chicco Italia, Spagna e Portogallo. “È, quindi, un piacere e un onore essere parte attiva di questo progetto che andrà ad affiancarsi alle diverse iniziative che Chicco ha messo in campo per essere sempre al fianco di genitori e bambini, in ogni momento, fornendo un supporto concreto per consentire loro di vivere appieno le proprie esperienze, compresa quella di andare allo stadio!”

“E’ sul campo che i bambini imparano a conoscersi e a crescere: alimentando le proprie passioni, imparando ad avere fiducia in se stessi, affrontando le sfide e superandole, condividendo vittorie e accettando ‘sconfitte’, rispettando gli avversari.
Fornire il miglior supporto durante le nostre partite” afferma Giorgio Ricci, Head of Global Partnership and Corporate Revenues Juventus Football Club”, è da sempre uno dei nostri principali obiettivi ed è per questo motivo che abbiamo identificato in Chicco il partner migliore per poter accogliere al meglio le famiglie”.

Il servizio di Hospitality allo Juventus Stadium è la prima di una serie di iniziative rivolte alle famiglie che le due aziende porteranno avanti nel corso dei prossimi mesi, avendo come attenzione quella dei valori condivisi dello sport e del gioco.

articoli correlati

ENTERTAINMENT

Henkel lancia anche in Italia l’iniziativa ricercamondo, per avvicinare i bambini alla scienza

- # # # # #

Henkel lancia anche in Italia l'iniziativa ricercamondo, per avvicinare i bambini alla scienza

Accendere la curiosità dei più piccoli e vivere la ricerca scientifica come un’esperienza sorprendente: è questo lo spirito con cui arriva in Italia ricercamondo, l’iniziativa di Henkel che si propone di avvicinare i bambini della scuola primaria all’esplorazione scientifica, invitandoli a sperimentare cosa si fa e come si lavora in un laboratorio.

Dal 17 ottobre al 18 novembre 2016 ricercamondo sarà a Milano presso la sede Henkel, dove le scuole avranno la possibilità di partecipare a una serie di laboratori interattivi per scoprire ad esempio come è fatta una colla, come reagiscono alcune sostanze, come si realizza un foglio di carta. Sabato 22 e domenica 23 ottobre 2016 ricercamondo sarà aperto alle famiglie, con ingresso gratuito su prenotazione. Successivamente, entro il mese di giugno 2017, ricercamondo farà tappa in altre cinque città italiane: Bergamo, Lucca, Padova, Forlì e Napoli. In uno spazio a misura di bambino, i piccoli ricercatori indosseranno camice e occhiali per mettersi alla prova con provette e materiali di diversa natura, immergendosi in un’autentica esperienza scientifica. Con l’aiuto di alcuni educatori potranno fare esperimenti, osservare varie reazioni chimiche e fisiche, fare domande e verificare ciò che accade nelle diverse postazioni di lavoro.

I partecipanti si confronteranno anche con alcune delle qualità tipiche del ricercatore, quali la creatività, la capacità di lavorare in squadra, ma anche la pazienza e la perseveranza. Un’attenzione speciale sarà dedicata alla sostenibilità, puntando l’attenzione sulla riduzione degli sprechi, il corretto utilizzo dei materiali, il loro recupero o smaltimento alla fine di ogni attività. “I bambini sono curiosi e vogliono comprendere il mondo che li circonda. Sperimentando, facendo domande e guardandosi intorno, applicano già i processi tipici della ricerca scientifica in modo assolutamente intuitivo. Attraverso ricercamondo, vogliamo offrire ai bambini della scuola primaria un’esperienza educativa e coinvolgente, stimolando l’interesse per la scienza e facendo scoprire loro di cosa è fatto il lavoro del ricercatore”, ha spiegato Cecilia de’ Guarinoni, responsabile della comunicazione corporate e membro del Comitato Sviluppo Sostenibile di Henkel Italia. “Quest’anno festeggiamo il 140° anniversario dalla nostra fondazione e siamo particolarmente contenti di condividere la nostra esperienza di ricercatori con gli insegnanti, le istituzioni e le famiglie”.

Nato cinque anni fa a Düsseldorf, in Germania, nel quartier generale Henkel, questo progetto (nome originale: ‘Forscherwelt’, letteralmente ‘Il mondo dei ricercatori’) è già stato portato con successo in Argentina, Russia, Irlanda e Turchia, coinvolgendo complessivamente 9.700 bambini che hanno finora condotto oltre 33.000 esperimenti. I materiali didattici sono stati sviluppati da Henkel in collaborazione con la Ruhr-Universität Bochum. Incoraggiati ad agire come veri scienziati, i bambini vengono lasciati liberi di provare materiali e procedimenti, lavorando in piccoli gruppi come accade in un laboratorio reale.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

On air la nuova campagna istituzionale di SOS Villaggi dei Bambini, firma The Big Now

- # # # # #

Un frame dal nuovo spot SOS Villaggi dei Bambini, firmato da The Big Now

Ogni bambino ha il diritto di ricevere l’abbraccio di una famiglia e SOS Villaggi dei Bambini lavora quotidianamente al fianco dei genitori in difficoltà e dei piccoli meno fortunati per colmare quel vuoto che impedisce loro un futuro indipendente e felice. La missione di sostenere i bambini, perché possano crescere in un ambiente familiare e diventare adulti inseriti e sereni, non è separabile dallo specifico modus operandi, che mette il Villaggio, i professionisti che ci operano e il programma come elementi rappresentativi centrali. Ed è da questo assunto che prende vita il nuovo posizionamento del brand: “Nessun bambino nasce per crescere da solo”.

“Abbiamo voluto sottolineare il valore della relazione che sta dietro al lavoro di SOS Villaggi dei Bambini, con un tono istituzionale e caldo” commenta Marco Peyrano, direttore creativo di The Big Now, “l’idea è rappresentare fisicamente il brand attraverso un uomo completamente blu e raccontare il suo rapporto quotidiano con un piccolo ospite del centro. Quello che descriviamo è il percorso che fanno insieme; un percorso fatto di gioco, di studio e di crescita, per assicurare al bambino un futuro il più sereno e autonomo possibile. Siamo molto soddisfatti del risultato, raggiunto anche grazie a Saku che ha girato interpretando perfettamente l’idea e a Peperoncino che ha gestito egregiamente una produzione che presentava molte difficoltà”.

Niseem Riccardo Onorato, attore e doppiatore di successo, è la voce narrante dello spot. Ha prestato la sua voce a Jude Law, Ewan McGregor, Matthew McConaughey e a moltissimi altri attori di film e telefilm. “Sono oltre 91mila i minorenni che hanno subito maltrattamenti nel nostro Paese e quasi 30.000 i bambini che in Italia vivono separati dalla loro famiglia. Il 37% per grave incapacità dei genitori nel rispondere ai bisogni dei propri figli o perché hanno subito maltrattamenti e abusi. Proteggere e accogliere bambini e ragazzi italiani e minorenni stranieri non accompagnati che arrivano nel nostro Paese, affiancarli in un cammino di crescita, sviluppare progetti per l’integrazione sociale e migliorare le loro prospettive di vita sono gli obiettivi delle attività di SOS Villaggi dei Bambini in Italia e della campagna di informazione e sensibilizzazione “Nessun bambino nasce per crescere solo” spiega Maria Graza Rodriguez Y Baena, Presidente di SOS Villaggi dei Bambini.
“Siamo fieri di aver accompagnato SOS Villaggi dei Bambini in questo percorso di revisione del posizionamento e di sviluppo della campagna perché fa luce su un tema delicato e molto attuale, come confermano i numeri anche in Italia” aggiunge Alessia Oggiano, co-founder e general manager di The Big Now. La campagna istituzionale di SOS Villaggi dei Bambini è on air dal 4 al 10 settembre su LA 7, stampa e radio.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Plasmon lancia la rivoluzione nel mondo dei latti crescita; a PicNic la comunicazione

- # # # # #

Plasmon rivoluzione il mondo del latte crescita; comunicazione e PicNic

Plasmon ha iniziato una nuova rivoluzione nel mondo dei latti crescita lanciando Nutrimune 3, un’innovativa formula che contiene l’esclusivo Latte Fermentato con L. Paracasei, frutto di oltre 9 anni di ricerca nel centro italiano di Nutrizione Plasmon in collaborazione con numerosi Centri di Eccellenza. Il nuovo ingrediente del brand è brevettato e unico nel suo genere, e le vitamine A, C e D contenute nella nuova formulazione contribuiscono al buon funzionamento del sistema immunitario.
“Nutrimune è per noi ulteriore testimonianza dell’impegno che, dal 1902, l’azienda mette nell’investire in prodotti che vengano incontro alle esigenze dei suoi consumatori, rivoluzionando un’intera categoria” afferma Serena Di Matteo responsabile Brand & ADV Plasmon. “L’idea creativa nasce proprio dalla parola rivoluzione, che riesce a creare un forte parallelismo tra l’innovatività del prodotto e la meravigliosa rivoluzione che ogni nuova nascita rappresenta per ogni mamma e papà, sempre sottolineando l’aspetto di forte emotività proprio del DNA del Brand Plasmon”.
Per un lancio così importante Plasmon ha scelto la strategia di comunicazione, il posizionamento e la creatività di PicNic. “Per noi è stato un onore” afferma Niccolò Brioschi, direttore creativo e partner di PicNic, “partecipare a questo grande progetto con Plasmon. Abbiamo lavorato a quattro mani con il cliente, seguendo dall’inizio tutta la fase di ricerche, fino allo sviluppo del concept e della creatività” e poi prosegue: “Più che un metodo di lavoro, un piccolo segreto per una grande rivoluzione!”
Lo spot, che è on air dal 1 Maggio sulle principali reti televisive, riesce a raccontare con un tono molto dolce e immagini evocative un momento profondamente disruptive come la nascita, generando forte emotività.
Per l’agenzia, sotto la direzione creativa di Niccolò Brioschi, hanno lavorato al progetto la copywriter Federica Guidolin e l’art director Riccardo Colombo. L’account director è Veronica Misciattelli. La regia è di Luca Lucini. La casa di produzione è Hogarth London. Produttore esecutivo: John Cheesemore. Senior account manager: Natalie Jalie. Direttore della fotografia: Renato Alfarano. Post produzione video: Videozone. Il piano media e’ a cura di PHD, seguito da Daniela Battistini e il suo team.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Tratto Cancellik torna in tv a ritmo di rap. Firma Ki Comunicazione

- # # # # # # #

F.I.L.A. - Tratto Cancellik

Il mondo colorato di F.I.L.A. Fabbrica Italiana Lapis ed Affini racchiuso nel nuovo spot dedicato a Tratto Cancellik, la penna a sfera Made in Italy, scorrevole e cancellabile, on air da domenica 21 febbraio al 5 marzo 2016. La campagna pubblicitaria – firmata da Ki Comunicazione e pianificata da Flag – entrerà a far parte del palinsesto nazionale all’interno dei canali più amati dai bambini: Boing, Cartoonito, K2, Super, Frisbee, Gulp, Nickelodeon, Disney Channel, Disney XD.

Lo spot, della durata di 15’’, è stato realizzato in chiave cartoon con un approccio edutainment e ha come target principale gli studenti della scuola primaria comunicando al contempo la qualità del prodotto al pubblico adulto. Ad animare la campagna un nuovissimo storyboard unito all’ormai noto rapper pronto a far muovere i piccoli fan a ritmo di musica. Al centro della storia una gara all’ultimo scatto e pronte al nastro di partenza tre penne cancellabili di cui due Tratto Cancellik – Rosso e Blu. Un testa a testa che vede l’avversario presto a terra senza carburante (inchiostro) mentre le cancellabili di casa F.I.L.A. tagliano il traguardo all’unisono. Il segreto del successo viene presto svelato dal claim “Tratto Cancellik – 1,5 km di super scorrevolezza”.

“Siamo molto felici di tornare in tv con un nuovissimo spot dedicato ai piccoli studenti realizzato in quello che è il linguaggio da loro più amato, quello animato. Lo spot comunica le caratteristiche qualitative di Tratto Cancellik – la lunga durata dell’inchiostro e la scorrevolezza – e richiama l’attenzione su quello che per noi rappresenta un product hero per il periodo scolastico.

La campagna, dopo il primo flight sulle reti in target, sarà online su YouTube dal 20 marzo al 2 aprile – periodo di chiusura delle scuole e per noi particolarmente strategico – come pre-roll nei programmi più visualizzati dal pubblico di riferimento – sottolinea Orietta Casazza, Marketing Manager Italia F.I.L.A. Fabbrica Italiana Lapis ed Affini.

Credits
Agenzia Creativa: Ki Comunicazione
Produzione: IDVisionfilm
Pianificazione: Flag

articoli correlati

AZIENDE

Sport per giovani e bambini: San Carlo sostiene “Expo per lo Sport”

- # # # # # #

San Carlo sostiene “Expo per lo Sport” e lo fa fedelmente alla propria filosofia aziendale: aiutare e sostenere i giovani talenti italiani promuovendo l’attività fisica, l’agonismo e la sana competitività, in tutti gli sport. San Carlo sarà presente in Expo da sabato 19 a martedì 22 settembre in qualità di global partner di “Expo per lo Sport”, per far vivere un’esperienza unica ai bambini e ai ragazzi dai 4 ai 14 anni. Una volta entrati in Expo, basterà iscriversi al Punto Informazioni della manifestazione per avere la possibilità di vedere e provare tantissimi sport diversi, grazie a giochi e dimostrazioni sviluppati su varie zone dell’Esposizione Universale. Nella San Carlo Arena, a pochi passi dall’ingresso Ovest Triulza, si potranno sperimentare ad esempio ginnastica ritmica e artistica, fresstyle e perfino pattinaggio sul ghiaccio.

Il supporto a “Expo per lo Sport” si aggiunge all’impegno di San Carlo in ambito sportivo, attivato attraverso le tante partnership siglate negli anni: in ambito motociclistico, con FMI, Federazione Motociclistica Italiana, con il progetto Talenti Azzurri e con l’importante partnership che il brand ha costruito con la “SIC 58 Squadra Corse”, che si aggiunge al sostegno per la Fondazione Marco Simoncelli; con FISI, la Federazione Italiana Sport Invernali; con il progetto FuturFISI; con la collaborazione con la Fijlkam, la Federazione Italiana Judo Lotta e Karate. Senza dimenticare l’impegno di San Carlo nel mondo della pallanuoto e del calcio, in qualità di sponsor della squadra maschile della Carpisa Yamamay Acquachiara Napoli e della SSC Napoli. L’Azienda continua la sua mission di promozione e sostegno dei giovani sportivi italiani sulla base di valori veri come l’amicizia, la lealtà, il coraggio, l’entusiasmo, ma anche la sana competizione, fedeli a un preciso progetto che mira a sostenere i giovani talenti azzurri in tutte le discipline sportive. L’appuntamento per i giovani e per tutte le famiglie è in Expo dal 19 al 22 settembre, con tante discipline e con i prodotti San Carlo, per dare più gusto alla vita. Tutti i giorni.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il Muba e DeA Junior presentano Family Experience, una serie di laboratori dedicati ai più piccoli

- # # # # # #

Al via una nuova collaborazione tra MUBA Museo dei Bambini Milano e DeA Junior: una serie di appuntamenti con ingresso gratuito dal titolo Family Experience, con apertura del casting domenica 14 giugno, per festeggiare e valorizzare il concetto della famiglia nella sua accezione più ampia con la realizzazione dei laboratori.
Il primo appuntamento è il laboratorio (per bambini da 4 anni) Mangiare con gli occhi: Le famiglie dei colori di Francesca Valan, il 14 giugno ore 10.00, ore 11.30, ore 14.00, ore 15.45, ore 17.30; 21 giugno ore 17.30; 28 giugno ore 17.30; 5 luglio ore 17.30 (prenotazione obbligatoria al numero 02 43980402).
Il laboratorio è pensato per giocare con le famiglie di pigmenti presenti in natura: bambini e genitori sono invitati a cercare, in una cucina allestita con frutta e verdura, gli ingredienti “cromatici” del proprio gruppo. Tutti i pigmenti si possono raggruppare in quattro famiglie principali più o meno numerose: Carotenoidi, Flavonoidi, Clorofille e Betalaine. Alla fine del gioco ogni famiglia presenta alle altre le caratteristiche e le curiosità del proprio pigmento. Un gioco che rende consapevoli i bambini dell’importanza del colore dei cibi, per riconoscere quelli colorati artificialmente.
Tutti i laboratori vedranno come ospite speciale uno dei protagonisti più amati di DeA Junior: TINO!
Il 14 giugno sarà anche possibile partecipare ai CASTING DIVENTA LA FAMIGLIA DEAJUNIOR, per essere protagonista sul canale prescolare di DeAgostini Editore con tutta la propria famiglia.

articoli correlati

MEDIA

È ufficialmente online Kidsplace, il primo portale per Campus Vacance e Corsi per bambini

- # # # # # #

Arriva Kidsplace.it, il primo portale per la ricerca, prenotazione e acquisto di Corsi, Campus vacanze e Laboratori per bambini.
Il portale, della startup milanese Kidsplace, punta a facilitare l’incontro tra domanda e offerta nel settore delle attività extrascolastiche dei bambini (dai 3 ai 13 anni). Un grande aiuto per i genitori che, in pochi click, non solo trovano le attività desiderate più vicine a casa (dalle lingue straniere alla danza, dalla musica allo sport), con la garanzia che tutte le strutture sono state attentamente valutate e selezionate da Kidsplace, ma possono anche visualizzare la disponibilità di posti e procedere direttamente alla prenotazione del posto per il proprio figlio ed al relativo pagamento online (tra l’altro a prezzi scontati rispetto all’acquisto diretto presso la struttura). Un aiuto quindi anche per le tante strutture piccole e medie (associazioni dilettantesche incluse) che organizzano Corsi e Campus per bambini, che possono beneficiare di una vera e propria piattaforma di ecommerce in outsourcing, con tutti i servizi e benefici connessi, dalla gestione delle prenotazioni, ai pagamenti online, alle campagne di web marketing, abbattendo il tempo da dedicare a queste attività ed i relativi costi.
Kidsplace.it, nato dall’idea di alcuni genitori, sempre un po’ in affanno nel tentativo di tenere il passo delle molteplici e mutevoli passioni dei propri figli, parte adesso proponendo i Campus estivi nella città di Milano e, a Settembre, una grande varietà di Corsi. I genitori milanesi non dovranno aspettare l’autunno per cercare le offerte che saranno loro riservate: registrandosi sul sito, indicando dove abitano, le età dei figli e le aree di interesse, riceveranno degli ‘E-mail alert’ all’apertura delle iscrizioni dei corsi di loro interesse.
Inoltre, come offerta lancio, chi si registra entro il 20 Luglio 2015 riceverà un codice sconto di un ulteriore 5% (in aggiunta a quello già praticato a tutti sul sito) per l’acquisto di un corso di sua scelta. Nei programmi prossimi della startup, dopo essersi concentrata nella selezione delle strutture Partner nella metropoli meneghina, ci sarà l’estensione del servizio alle altre città d’Italia.

articoli correlati