MEDIA

Nasce #imiglioridavvero, nuova piattaforma di Capgemini dedicata a studenti e neolaureati

- # # # # #

Capgemini e Fondazione Sodalitas lanciano #imiglioridavvero

Nasce #imiglioridavvero, piattaforma digitale peer-to-peer dove neoassunti di importanti aziende di tutti i settori mettono la propria esperienza a disposizione di studenti e neolaureati, condividendo informazioni e dando consigli sulle soft skill fondamentali per avvicinarsi con successo al mondo del lavoro di oggi. A lanciare questo nuovo progetto è stata Capgemini Italia con il patrocinio di Fondazione Sodalitas: #imiglioridavvero è un ecosistema aperto a nuovi talenti e aziende di ogni settore, con l’obiettivo di diventare un programma permanente di condivisione di competenze, networking e creazione di opportunità professionali. I primi partner dell’iniziativa sono Fastweb, Sirti e Techint.
Il paradosso moderno è che, a fronte di tassi di disoccupazione giovanile elevati, la richiesta di lavoro qualificato resta insoddisfatta. Dotati di competenze teoriche spesso eccellenti, i giovani in cerca del primo impiego non hanno però l’esperienza per porsi in modo ottimale, facendo emergere il proprio talento e le proprie capacità quando affrontano il mondo del lavoro. Mancano spesso soft skill che quasi mai rientrano nei programmi accademici, ma che sono fondamentali per un professionista. Questa carenza di soft skill non costituisce un problema solo per chi cerca lavoro, ma anche per le aziende che lo offrono: in assenza di candidati completi e capaci di far emergere le proprie competenze durante la fase di selezione, trovare risorse adeguate da inserire in organico può risultare un’impresa difficile.

Una piattaforma di Education dove le aziende e i giovani collaborano
Il modo concreto e positivo per colmare lo skill gap, il fabbisogno di competenze, è agire su formazione, specializzazione e collaborazione fra imprese e Istituzioni. Già nel 2014 Capgemini Italia aveva realizzato una ricerca su un campione di ragazzi delle principali Università italiane, da Bari a Milano, da Torino a Roma, condivisa e discussa poi con le aziende e Fondazione Sodalitas. Dai risultati dei tavoli di lavoro è emersa l’esigenza di colmare un gap ancora rilevante di soft skill, un fattore importante che incide sulla capacità dei giovani di inserirsi nel mondo del lavoro. Oggi l’idea iniziale si è evoluta in un programma di education for employability digitale e aperto. Un’iniziativa che riveste un ruolo socialmente attivo, un valore riconosciuto sia da Fondazione Sodalitas, impegnata in primo piano a offrire il proprio supporto e patrocinio, sia da importanti aziende leader di settore che partecipano alla crescita e sviluppo di questo progetto.
“Abbiamo creato #imiglioridavvero con l’obiettivo di mettere a disposizione una piattaforma di confronto tra ragazzi, dove neoassunti di importanti organizzazioni condividono con giovani neolaureati e diplomati le proprie esperienze di lavoro per facilitare il loro avvicinamento a questo mondo. Grazie alla testimonianza diretta di chi ha già vissuto in prima persona il passaggio dagli studi al lavoro, vogliamo aiutare i giovani in cerca del primo impiego a superare paure e ansie, rafforzandone la leva emotiva per affrontare al meglio le delicate fasi di avvio a una carriera professionale”, dichiara Raffaella Poggio, Marketing & Communication Director di Capgemini Italia. “#imiglioridavvero è un progetto in evoluzione che vanta il patrocinio di Fondazione Sodalitas e la presenza di aziende come Fastweb, Sirti e Gruppo Techint. Oltre a favorire lo scambio di informazioni tra i giovani, l’iniziativa è arricchita da interviste ai manager HR e di business delle tante aziende partner: questi professionisti evidenziano gli aspetti predominanti che emergono durante i colloqui e che possono maggiormente influenzare l’esito della selezione, sia in positivo che in negativo. Sono suggerimenti preziosi sull’atteggiamento migliore da adottare e sulle soft skill da rafforzare per non arrivare impreparati al primo colloquio di lavoro”.

articoli correlati