BRAND STRATEGY

Al via la seconda fase del premio di Rai Pubblicità “I Giovani Leoni”

- # # # # # #

“i giovani leoni”

Il premio “I giovani Leoni” promosso da Rai Pubblicità in collaborazione con l’Art Directors Club Italiano, PR Hub, Assocom e Getty Images entra nel vivo. Sono online i brief per la categoria Giovani Creativi suddivisi in Film, Print, Cyber e Design e i brief per le categorie Pr Specialist e Media Planner.

La seconda fase si apre dopo il successo delle iscrizioni, che ad oggi ha raccolto l’entusiasmo di oltre 180 coppie, ma le iscrizioni non sono ancora chiuse.

Le coppie di creativi under 30 provenienti dalle agenzie di comunicazione avranno un weekend a disposizione per poter creare una campagna ad hoc per la quale potranno anche utilizzare gratuitamente le immagini fornite da Getty Images. Per le categorie Print, Cyber e Design ogni coppia avrà a disposizione 24 ore dall’uscita dei brief per ideare e produrre le proprie soluzioni creative, 48 ore per le categorie Film, PR e Media.

Creatività, realizzazione e originalità dell’idea saranno i criteri di valutazione delle proposte tra le quali saranno individuati i primi classificati, che potranno, grazie a Rai Pubblicità, partecipare alla Young Lions Competition e di essere iscritti come delegati al Festival Internazionale della Creatività (Cannes, 17-24 giugno 2017).

Con il premio “I giovani Leoni”, che si compone anche della categoria Roger Hatchuel Academy dedicata agli studenti, Rai Pubblicità si mette al servizio della creatività italiana per promuoverne il talento a livello internazionale attraverso un’iniziativa originale, innovativa e completamente digital oriented: il premio infatti si svolge interamente online sul sito.

articoli correlati

AGENZIE

Massimo Guastini tenta il bis alla guida dell’Adci. Tra i progetti: un Festival della Creatività italiano

- # # # #

“Non c’è bisogno di farfalloni, ma di bruchi operosi. Le rivoluzioni non si fanno a colpi di status su Facebook, ma rimboccandosi le maniche ogni giorno”, con queste parole Massimo Guastini (nella foto), ieri ospite di First floor under a Milano, ha ufficialmente lanciato la sua candidatura per un nuovo mandato alla presidenza dell’Art Directors Club Italiano.

Trasparenza, apertura, rilevanza e consistenza: le parole chiave del primo mandato restano i punti cardine per il prossimo triennio. “Ma soprattutto è lo spirito di squadra che dovrà guidarci. Ho preteso di avere al mio fianco un Consiglio Direttivo forte, in grado di supportarmi e di prendersi delle responsabilità a livello individuale per quanto riguarda il loro ambito di riferimento”, ha aggiunto. I nomi sono usciti nei giorni scorsi: Davide Boscacci (Leo Burnett), Nicola Lampugnani (TBWA\Italia), Massimiliano Maria Longo (Wunderman), Matteo Maggiore (Dlv Bbdo), Francesco Guerrera (TBWA\Italia), Gabriele Cucinella (We Are Social) e Karim Bartoletti (Filmmaster). A questi si aggiunge Caroline Yvonne Schaper, in qualità di segretario.

“Noi siamo la punta di un iceberg che coinvolge un movimento molto più ampio all’interno dell’Adci, un gruppo di persone che si è conosciuto e ha condiviso idee sin dall’esperienza di Goodfellas, l’esperimento che abbiamo lanciato durante il Festival di Cannes per sostenere i creativi italiani e per dare ai nostri giurati gli strumenti per valorizzare i lavori iscritti”, ha sottolineato il presidente uscente. L’azione della squadra di Guastini, se sabato riceverà la fiducia dell’Assemblea dei soci, si focalizzerà su due punti: i giovani e la creazione di un Festival della Creatività italiano che si dovrebbe svolgere il prossimo ottobre, per tre giorni, a Milano. “Un appuntamento, questo, che è destinato a essere soprattutto un momento di formazione”, ha precisato il pubblicitario. (A.C.)

articoli correlati