BRAND STRATEGY

illycaffè presenta la nuova illy Art Collection firmata da Matteo Attruia

- # # # # #

illycaffè

illycaffè, lancia la nuova illy Art Collection firmata da Matteo Attruia, l’artista italiano noto per le sue opere ironiche ed eleganti realizzate attraverso l’utilizzo di svariati mezzi espressivi, tra cui pittura, fotografia e riutilizzo di oggetti d’uso e soluzioni installative tra le più diverse.

 

Lavorando sull’iconica tazzina illy disegnata da Matteo Thun nel 1991, Attruia prende spunto dalla tecnica della lettera minatoria scomponendo la nuova illy Art Collection in 36 combinazioni di messaggi diversi, ognuno con un proprio significato, ma sempre positivo. Abbinando di volta in volta le parole impresse sulle tazzine con quelle sui piattini, chiunque può personalizzare la sua coffee experience creando una frase diversa. Una scelta quella di Attruia non di carattere estetico o di decoro, ma che vuole rappresentare al meglio la contraddizione tra significato e significante, producendo un evidente cortocircuito espressivo.

 

“Con Matteo Attruia – spiega Massimiliano Pogliani, Amministratore Delegato di illycaffè – abbiamo voluto sottolineare l’aspetto del consumo del caffè legato alla socialità. Questa illy Art Collection, decorata con parole che il consumatore può combinare a piacimento per produrre messaggi di senso compiuto, rappresenta il luogo in cui si incontrano e si fondono i linguaggi dell’arte contemporanea con quelli dell’universo illy, producendo un’esperienza completa, sociale, visiva e tattile”.

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Total on air con RobotQuArtz, l’olio che difende prestazioni e longevità del motore

- # # # #

robotquartz

Total lancia una nuova campagna internazionale per i suoi oli motore Total QuArtz. Questa campagna mette in luce l’Age Resistance Technology (ART), una tecnologia di punta che migliora la protezione del motore contro l’usura meccanica fino al 64%, rispetto ai limiti ufficiali dell’industry. Total QuArtz con Art è una vera innovazione che permette di mantenere la prestazione e la longevità dei motori.
Presente nella comunicazione del marchio Total QuArtz dal 2011, RobotQuArtz ritorna in questa campagna con un look tutto nuovo. Interamente ripensato, questo robot motore è più moderno che mai, personificando pienamente la tecnologia di punta di Total.

Un altro dettaglio sorprendente di questa nuova campagna: RobotQuArtz non è più solo. Dei nuovi robot-motore fanno la loro apparizione e si lanciano al suo inseguimento. Si crea un vero e proprio confronto visivo tra RobotQuArtz, ultra-performante grazie alla manutenzione di Total QuArtz, ed i robot difettosi che non hanno avuto questa fortuna, mostrando così il messaggio della campagna “Per un motore più giovane, più a lungo”, che riprende la firma pubblicitaria del Gruppo: “Committed to better energy”.

Questa campagna è realizzata dal regista francese Thierry Poiraud. Racconta una storia utilizzando i codici dei film di successo, dando un tocco leggero e comico. Crea così una campagna originale e fresca, un genere unico nel settore dell’energia e differenziante nell’universo della pubblicità.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Art+Vibes sceglie Filmmaster per implementare la produzione di contenuti video e cross mediali

- # # # # # #

vibs filmmaster

La collective Art+Vibes sceglie Filmmaster Productions per implementare la capacità produttiva di contenuti video e cross mediali grazie al know how della casa di produzione. Un’alleanza che permetterà alle due strutture di condividere esperienze e clienti, rafforzare l’organico e migliorare l’offerta sul mercato con un accesso illimitato a talenti globali di diversa estrazione e provenienza.

Per rafforzare la partnership e rendere più integrato il team, Art+Vibes si trasferirà nella sede milanese di Filmmaster Productions in via Maroncelli ai primi di marzo. Questo permetterà di rendere realmente trasversale il gruppo di lavoro sui progetti integrati.

Il connubio tra Filmmaster Productions e Art+Vibes nasce dalla volontà di contaminare i due territori di pertinenza per allargare lo spettro di competenze dove know how, qualità, capacità produttiva, idee e talento saranno la forza propulsiva. Una scelta imprenditoriale guidata anche da una comunione di intenti in cui si mette a sistema il riconoscimento delle reciproche qualità e unicità per fare la differenza.

Art+Vibes nasce nel 2011 grazie all’esperienza di persone provenienti da diversi background che lavorano insieme nell’ideare progetti di comunicazione di lifestyle-brands ed eventi artistici. Un hub allargato nella sua accezione comune, in cui la contaminazione tra moda, arte e design ne fanno un unicum nel panorama della comunicazione contemporanea. Una vocazione alla creazione di contenuti glamour e lusso che ha permesso negli anni alla collective di collaborare con i migliori talenti di caratura mondiale come Spike Lee, Roman Polanski, Wes Anderson, Ridley Scott, Francesco Vezzoli, Marina Abramovic, Vanessa Beecroft e Lorenzo Jovanotti solo per citarne alcuni e con clienti del mondo del lusso globale come ad esempio Moncler, Agnona, Valentino e Louis Vuitton.

Filmmaster Productions, prima casa di produzione italiana con 23 milioni di fatturato nel 2017, ha appena festeggiato i 40 anni di storia. Una storia sempre rivolta al futuro grazie alla capacità innata della cdp di aver anticipato i tempi e di non essersi mai fermata nella ricerca e sviluppo di nuove tecnologie e nuovi modelli produttivi. Tra le case di produzione più premiate in Italia, annovera tra gli altri 29 Leoni all’International Advertising Festival di Cannes. Ha collaborato con i più importanti registi mondiali da Federico Fellini a Paolo Sorrentino e vanta uno dei roster di talenti più importanti d’Europa.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Interbrand cura la vision di .Art che diventa la principale piattaforma sul mondo dell’arte

- # # #

Interbrand svluppa il dominio .ART

Interbrand celebra il lancio globale di .Art (‘dotArt’), il brand che ha dato vita alla piattaforma dedicata al mondo dell’arte. L’8 febbraio, il primo dominio globale dedicato al mondo dell’arte ha aperto la sessione di registrazioni preferenziali per la community dell’arte. In una sola settimana, il dominio .Art è stato venduto in oltre 38 Paesi; le associazioni individuali del mondo dell’arte hanno acquistato il 25% del totale dei domini. Tra coloro che si sono registrati nei giorni scorsi si annoverano il Louvre Museum e Sotheby’s; i Best Global Brands Apple, Audi, AXA, BMW, Disney, Facebook, Google, Microsoft, e Samsung; i brand del lusso Chanel, Rolex, Rolls-Royce e il fenomeno globale Beyoncé.

La sfida posta di fronte a Interbrand era quella di rafforzare la vision di .Art di essere molto di più di un dominio, diventando la principale piattaforma online dedicata al mondo dell’arte, capace di coinvolgere musei, fiere di settore, organizzazioni, associazioni di commercianti d’arte, biennali, gallerie e galleristi, fondazioni, fornitori di servizi, artisti, collezionisti, curatori e media. Con un approccio olistico strategico e creativo, il leader globale nella brand consultancy ha definito il ruolo di .Art come una voce trascendente che supera la separazione e l’incoerenza esistenti fra “.com” e i domini locali, posizionandosi come l’unico curatore digitale di una vasta e variegata comunità globale di arti e culture. Questo ambizioso obiettivo è stato raggiunto grazie all’implementazione di una visual identity chiara e con uno scopo ben definito: agire da tela digitale per il mondo dell’arte, offrendo libertà d’espressione e autenticità.

“Il ruolo di .Art non è definire l’arte, ma darle voce, abbracciarla e riunirne tutte le forme e i protagonisti in un solo luogo. Proprio per questo il brand è deliberatamente flessibile sia nel design sia nella definizione, e tutti coloro che si sono già registrati possono testimoniarne il potenziale”, ha spiegato Max Raison, Strategy Director dell’ufficio inglese di Interbrand.

La visual identity minimalista rende il brand flessibile e in grado di adattarsi ai contenuti ospitati su ogni sito individuale .Art, consentendo la massima espressione della creatività. I primi utenti registrati stanno già pianificando di utilizzare .Art per promuovere le proprie collezioni e programmazioni, celebrare la propria storia attraverso le funzionalità interattive della piattaforma, fornire inedite opportunità didattiche e raggiungere nuovi mercati internazionali.

“Questa semplice e dinamica identità rispetta il mondo artistico in cui è inserita, inquadrando l’importanza di riconoscere l’arte all’interno dei propri spazi. Essendo essa stessa parte di questo mondo creativo, .Art rappresenta più che un dominio: è un’affermazione di equità per la comunità artistica. Siamo entusiasti di poter contribuire a tutto questo, così come di avere il nostro dominio .Art”, ha affermato Sue Daun, Creative Executive Director dell’ufficio inglese di Interbrand.

“In qualità di investitore e collezionista d’arte, sono rimasto colpito dal fatto che la comunità artistica non avesse sviluppato un’infrastruttura formalizzata. Mi sono quindi domandato “Cosa potrebbe essere?” .ART è più che un semplice dominio, è una piattaforma tecnologica che offre accessibilità e sicurezza. Volevo dare vita a uno spazio per la comunità artistica caratterizzato da un’identificazione digitale e nel contempo offrire un canale per portare il mondo dell’arte nella dimensione virtuale”, ha spiegato Ulvi Kasimon, venture investor, fondatore e capo di .ART.

“Quello dell’arte è ancora un mercato analogico tradizionale, nonostante le vendite online siano ai livelli più alti di sempre. Il lancio di .Art crea nuove possibilità di crescita per gli artisti, così come per le persone e le aziende che li sostengono”, ha commentato Christian Purser, CEO dell’ufficio inglese di Interbrand.

Dal suo lancio avvenuto a fine 2016, .Art si è rapidamente consolidato come brand globale, contando tra i suoi utenti iniziali 60 fra musei di fama internazionale e organizzazioni d’arte tra i quali l’Art Institute di Chicago, il Centro Pompidou, la Fondazione Cartier, Solomon R. Guggenheim, la Biennale di Istanbul, il Francis Bacon Estate, Kickstarter, il Marina Abramovic Institute e Cahiers d’Art.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Mickalene Thomas firma ‘Better days’ per il nuovo art bar Absolut

- # # # # # #

Absolut Art Bureau, la divisione di Absolut dedicata alle iniziative legate al mondo dell’arte al livello internazionale, presenta una nuova collaborazione artistica su vasta scala che sarà allestita nel corso della nuova Edizione di Art Basel a Basilea.  L’autrice del nuovo art bar è l’artista di Brooklyn Mickalene Thomas che con l’installazione BETTER DAYS convertirà la Galleria d’Arte Volkshausdi Basilea, in una coinvolgente esperienza artistica.

 

BETTER DAYS proporrà un fitto programma di eventi serali, curato da Mickalene Thomas, tra cui scenografiche DJ-set live performance. Il bar offrirà agli ospiti l’opportunità di gustare cocktail a base di ABSOLUT creati ad-hoc insieme all’artista. “Siamo entusiasti del progetto sviluppato da Mickalene Thomas. Con Better Days ha realizzato un concept incredibile e ambizioso: dalle proposte musicali che celebrano i mitici anni ’70, ai cocktail in accompagnamento all’allestimento, sarà davvero un’esperienza unica e indimenticabile.” Jonas Tahlin, VP Marketing The Absolut Company

 

La Galleria d’arte di Volkshaus diventa un tipico appartamento Seventies, preparato per ospitare un favoloso e psichedelico party. L’ispirazione proviene dalla madre dell’artista e dalla sua abitudine di offrire agli amici divertenti feste in casa sul finire degli anni ’70. Better Days ricostruisce in modo particolarmente fedele l’estetica domestica di quel periodo: dalla carta da parati che riproduce i classici rivestimenti in legno, fino a divani personalizzati e rivestiti da uno speciale tessuto che riporta la firma dell’artista. Ogni sera, Thomas farà da perfetta padrona di casa introducendo ai visitatori-amici le performance di acclamati DJ, come DJ YSL, Derrick Adams, Simon de Pury, i quali a loro volta ci cimenteranno in un tributo alle selezioni musicali che la madre dell’artista era solita proporre. Oltre a diversi concerti jazz di musicisti locali, anche l’incredibile esibizione di Solange Knowles, artista di fama internazionale, amica di Thomas, con cui ha collaborato negli ultimi lavori creativi.

 

Absolut Art Bureau è Presenting Partner delle Art Basel Conversations, il programma di dibattiti organizzato nel corso dei diversi Art Basel a Basilea, Miami Beach e Hong Kong. Le conversazioni vedono la presenza di artisti ed esperti provenienti da ogni campo artistico, così come di gruppi di collezionisti, direttori di musei, architetti, curatori, critici, galleristi ed editori, tutti riuniti per discutere importanti temi sullo stato dall’Arte. Uno degli obiettivi principali di ABSOLUT ART BUREAU è quello di promuovere un discorso artistico e di offrire una piazza di visibilità alle nuove idee nel campo delle arti di tutto il mondo. Tutte queste discussioni, in formati video di alta qualità, saranno accessibili a livello globale attraverso una piattaforma digitale www.absolutartbureau.com.

articoli correlati