MOBILE

Digital Ideators e Croce Rossa Italiana lanciano 2 app dedicate alla diffusione del Diritto Internazionale Umanitario

- # # #

Digital Ideators - Croce Rossa

Digital Ideators dà forma a un progetto di Croce Rossa Italiana e immette sulle piattaforme Google Play e iTunes Store due preziose app di approfondimento giuridico internazionale. La web agency di Pesaro, grazie alla perizia e all’intuizione del suo team di giovani talenti informatici, ha consegnato ai frequentatissimi app store di tutto il mondo due strumenti gratuiti di formazione, analisi e ricerca in materia di Diritto Internazionale Umanitario.

 

Il loro lancio – reso possibile dalla cooperazione sinergica di attori come la Commissione Nazionale DIU (Diritto Internazionale Umanitario), la International Humanitarian Law Legacy Clinic dell’Università di Roma Tre e gli Istuttori DIU – è stato subito accompagnato dal supporto comunicativo di Croce Rossa Italiana che, al pari delle corrispettive Associazioni di tutti gli altri Paesi, ha il compito di diffondere i principi, i valori e le emanazioni del Diritto Internazionale Umanitario tra le Forze Armate e negli ambienti accademici.

 

Il percorso informativo

Le applicazioni firmate dal team di Digital Ideators coniugano la teoria e la pratica per garantire una conoscenza a tutto campo di quest’attuale e imprescindibile ramo del diritto. Il percorso formativo prende avvio con “International Humanitarian Law”, contenente i principali trattati di DIU e le norme consuetudinarie identificate dall’ICRC in 4 lingue (italiano, inglese, francese e spagnolo) e sottoposta a continuo aggiornamento, in ottemperanza alle modifiche o all’adozione di nuovi trattati. Si prosegue poi con “Quiz DIU”, l’APP finalizzata a testare l’apprendimento effettivo del DIU. Anche in questo caso, le domande sono soggette a continue implementazioni. A completamento della preparazione, Digital Ideators ha sviluppato l’APP “Emblema CRI”, finalizzata alla conoscenza delle principali prerogative dell’Emblema e alla segnalazione di abusi o usi impropri.

 

L’innovation technology nel DNA

Grazie alla capacità di rivolgersi contemporaneamente ad aziende, imprenditori, Enti, Associazioni e liberi professionisti (alcuni su tutti: Ferrovie dello Stato, Discovery Channel, Croce Rossa Italiana e Arci), la web agency marchigiana è in grado di proporre le migliori soluzioni digitali e di abbracciare tutti i settori applicativi nel campo dell’informatica e dell’innovazione tecnologica. Dal concepimento e dalla creazione dei siti web – terreno familiare allo staff di Digital Ideators – si passa a una diversificata offerta in termini di applicazioni, software gestionali, attività di web marketing e di social media marketing, con uno sguardo rivolto ai confini nazionali ma anche all’universo internazionale.

articoli correlati

NUMBER

Oracle: gli utenti di app per ristoranti e hotel le usano almeno una volta a settimana

- # # # #

food

La ricerca Get Appy: Do Consumers Use Restaurant & Hotel Branded Apps di Oracle rivela che oltre la metà dei consumatori in tutto il mondo (il 57%) ha utilizzato o utilizza attualmente applicazioni mobile per interagire con aziende del settore hospitality. Lo studio – che è stato condotto su un campione di 15.000 consumatori in Europa, America Latina, Asia-Pacifico e Nord America – ha evidenziato che il 23% ha installato sul proprio dispositivo mobile almeno una app di un ristorante o di un hotel e che ben il 70% la utilizza almeno una volta a settimana.

L’utilizzo crescente di queste app crea per le aziende del settore nuove opportunità per personalizzare il servizio, le promozioni, l’offerta, mettendo in luce l’importanza delle moderne tecnologie per offrire ai clienti un’esperienza migliore e più soddisfacente.

“I consumatori sono disponibili ad interagire con i brand tramite applicazioni mobile se gli operatori sono in grado di offrire loro un reale valore aggiunto, che faccia davvero la differenza” spiega Chris Adams, vice president strategy, Oracle Food and Beverage. “Gli operatori nel settore food & beverage che sfruttano le opportunità offerte dalle tecnologie mobile ottengono un significativo vantaggio competitivo, grazie alla possibilità di ottenere nuove informazioni sulle preferenze e i trend emergenti in fatto di servizi e gusti”.

Dalla ricerca emergono numerosi dati interessanti

· Il 23% dei consumatori ha scaricato l’app di un ristorante o di un hotel: i due terzi di questi hanno più di tre app di questo genere sul proprio dispositivo

· I paesi della regione Asia – Pacifico sono in testa alla classifica: l’82% utilizza almeno una volta a settimana una app di questo tipo, rispetto al 54% dei consumatori dell’area nordamericana

· A livello globale, un consumatore su cinque ha scaricato una app per un servizio di consegna a domicilio del cibo e il 23% ha sul suo smartphone una app per prenotare hotel o ristoranti

· Quasi un terzo dei consumatori a livello mondiale (il 28%) ha ordinato e pagato cibo e bevande tramite una app sul proprio dispositivo almeno una volta; anche in questo caso, il maggiore utilizzo di questo tipo di servizio si rileva fra i consumatori dei paesi dell’Asia – Pacifico (37%).

“In passato lo sviluppo di app nel settore food & beverage era proibitivo in termini di costi e lavoro necessario per la maggior parte delle aziende sul mercato” commenta Adams. “Oggi, con un moderno sistema POS basato su cloud gli operatori possono più facilmente ampliare i loro investimenti in questo ambito e assumere il controllo della relazione con i propri clienti, favorendo al contempo la loro fidelizzazione nel lungo termine offrendo incentivi personalizzati, tramite un’esperienza mobile integrata”.

 

articoli correlati

AZIENDE

Sigma lancia il nuovo portale, la nuova app e il magazine online Prèmiaty

- # # # #

sigma

Un sito web completamente rinnovato in un’ottica user friendly e con un ampio spazio dedicato alla marca del distributore, la versione online del magazine Prèmiaty, una app per creare nuove sinergie tra gli utenti e l’insegna, Facebook e Instagram come ulteriori strumenti di dialogo con i consumatori: sono questi i pilastri della strategia digital di Sigma, storica protagonista della distribuzione organizzata italiana.

Il nuovo portale si presenta con una veste grafica impattante e contenuti originali, che lo differenziano dai tradizionali siti retail: grande rilievo a notizie e curiosità, navigazione semplice e uniforme tra ricette, articoli, attività nazionali comuni. Il legame dei “navigatori” con la rete Sigma è immediato: l’utente è “sempre” associato a uno specifico punto vendita, mentre la profilazione e la definizione dei diversi target si basano non solo sulle dichiarazioni degli utenti, ma anche sulle loro abitudini di navigazione all’interno del sito, visto che possono usufruire di funzioni quali store locator e pagine del pdv, sistema di ricerca evoluto, volantino interattivo, catalogo prodotti e contenuti del magazine.

Infatti, all’interno del portale un ruolo da protagonista è quello affidato a Prèmiaty, che affianca alla edizione cartacea distribuita ogni mese nei punti vendita in 200.000 copie, una versione digitale. Il web magazine è segmentato per argomenti di facile consultabilità: dalle news di attualità ai temi legati alla vita quotidiana, dalle ricette ai menù. Uno spazio decisamente ampio è dedicato alla presentazione dei prodotti MDD, un assortimento sempre più centrale nell’offerta dell’insegna.

Un’interessante opportunità anche per l’industria di marca, che potrà utilizzare il portale Sigma per pianificazioni generiche o mirate a target specifici con strumenti come banner o newsletter dedicate.

articoli correlati

MOBILE

UniSalute lancia, insieme a Disney Italia, la nuova app UniSalute Junior

- # # #

disney unisalute

UniSalute e The Walt Disney Company Italia hanno annunciato la loro partnership lanciando una serie di iniziative per ispirare le famiglie italiane a intraprendere stili di vita più sani, con una particolare attenzione ai bambini. Infatti, secondo il Rapporto OKkio alla Salute 2016, 3 bambini italiani su 10 hanno problemi di sovrappeso o di obesità. Proprio per contrastare le gravi conseguenze delle cattive abitudini alimentari e della vita troppo sedentaria, UniSalute e Disney Italia hanno lanciato l’applicazione UniSalute Junior, che offre consigli e suggerimenti su come mangiare bene ed essere più attivi, utilizzando il potere dei personaggi e delle storie Disney per rendere lo stile di vita sano più facile e divertente per le famiglie italiane.

L’iniziativa congiunta è stata presentata oggi a Milano in una conferenza stampa a cui hanno partecipato l’amministratore delegato di UniSalute Fiammetta Fabris e il Vice President, Head of Disney Media Sales and Partnerships The Walt Disney Company Italia Monica Astuti. La campagna include una serie di iniziative come uscite su “Topolino”, la diffusione di uno spot pubblicitario nelle sale cinematografiche del circuito UCI Cinema e il lancio dell’App UniSalute Junior. La partnership si inserisce a pieno titolo nella filosofia operativa delle due realtà che l’hanno ideata, e rappresenta un eccezionale punto di incontro dei rispettivi programmi di attività. UniSalute, infatti, grazie alla propria specializzazione sanitaria, si occupa da tempo di prevenzione primaria con l’educazione a corretti stili di vita, non solo attraverso le coperture sanitarie inserite nei propri piani sanitari (come Protezione famiglia), ma anche attraverso servizi e iniziative specifiche.

Dal canto suo, The Walt Disney Company ha intrapreso da tempo una missione di ampio respiro e di portata globale per ispirare le famiglie ad adottare e mantenere uno stile di vita equilibrato, coinvolgendole attraverso i suoi personaggi e facendo leva sul potere del divertimento e del gioco. In questo senso, con il programma “Divertiamoci a stare bene”, The Walt Disney Company Italia ha sviluppato negli ultimi anni numerosi progetti che hanno coinvolto sul territorio il settore della distribuzione, aziende alimentari, società sportive, il mondo della scuola.

Sviluppata in collaborazione con Disney Italia per promuovere stili di vita sani per tutta la famiglia, l’app è rivolta soprattutto ai bambini. L’app è gratuita e aperta a tutti (non solo agli assicurati con UniSalute). L’obiettivo è quello di veicolare concetti salutari ed educare a stili di vita sani attraverso il gioco e il divertimento, con i personaggi Disney. Ma soprattutto, è un’applicazione che va incontro alle esigenze dei genitori che possono avere uno strumento in più per condividere con il figlio i temi legati al corretto stile di vita alimentare e alle buone abitudini sportive.

Fiammetta Fabris, amministratore delegato di UniSalute, ha dichiarato: “Siamo molto orgogliosi di questa partnership con Disney Italia, perché ci consente di poter diffondere con grande forza, anche tra i giovanissimi, la cultura di un corretto stile di vita, fatto di alimentazione sana e movimento. La app UniSalute Junior si inserisce tra le tante azioni che da anni sviluppiamo per favorire buone abitudini di vita per le famiglie. Educare ed informare alla prevenzione significa sensibilizzare al fatto che le scelte che caratterizzano le nostre abitudini quotidiane, fin dall’infanzia, incidono sullo sviluppo di numerose malattie nel futuro”.

Daniel Frigo, Country Manager The Walt Disney Company Italia, dichiara: “Attraverso lo storytelling e i personaggi Disney, possiamo aiutare Unisalute ad incoraggiare le famiglie e i bambini italiani ad adottare sani stili di vita. L’ampio progetto Divertiamoci a Stare bene testimonia l’impegno costante e concreto di Disney Italia nel promuovere il benessere delle famiglie; crediamo, infatti, nell’importanza di ispirare le famiglie ad adottare e mantenere corretti stili di vita, facendo leva sul potere delle nostre storie, dell’immaginazione, del divertimento e del gioco”.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Nasce l’app charity che mette i fan in contatto con le star del cuore: ecco Fameroll

- # # # #

charity, fameroll

Quanti messaggi e richieste di dediche ricevono quotidianamente le celebrità dai propri fan? Tantissime. Quante volte riescono a rispondere ed esaudirle? Praticamente mai. Nasce proprio per questo Fameroll, riuscire ad abbattere le barriere tra le celebrità e i tantissimi loro fan, con un obiettivo primario: fare del bene. Basta infatti un semplice click, uno strumento che fa andare in corto circuito tutti i limiti, per permettere alle celebrità di interagire con i propri fan e raccogliere fondi per nobili cause.

Una vera e propria innovazione che mette in contatto i talent iscritti e i loro follower, per rispondere alle loro richieste con un video messaggio completamente personalizzato, dedicato all’utente che l’ha acquistato attraverso Fameroll, e devolvendo in beneficenza – ad associazioni scelte dalle stesse star – il ricavato. Piccole sorprese che regalano grandissime emozioni, firmate dai primi generosi protagonisti di Fameroll, come la campionessa paraolimpica Bebe Vio, l’attrice e presentatrice tv Diana del Bufalo, lo chef stellato Massimo Bottura, l’amato cantautore italiano Filippo Neviani in arte Nek, e il calciatore di serie A e della nazionale Italiana Andrea Petagna.

Sono solo i primi volti che hanno deciso di supportare la più moderna raccolta benefica nell’era dei social media. Questi personaggi dal cuore d’oro realizzeranno con un semplice invio due grandi desideri: quello di chi li ama da sempre, li sostiene e da oggi con Fameroll può realizzare il sogno di entrare in contatto con loro; e quello di chi, grazie alle donazioni e i fondi raccolti, vedrà migliorata la propria vita.

L’idea è nata dai giovani co-fondatori Diletta Bussinello, Francesco Pivetti, Leonardo Cristoni e Guglielmo Gibertini, grandi appassionati di digital e comunicazione. “È facile immaginare quante richieste di videomessaggi ricevano ogni giorno influencer e personaggi via Instagram” spiega Diletta “Per questo abbiamo pensato di realizzare un’app che permettesse loro di rispondere in modo semplice e divertente sostenendo importanti progetti benefici”. L’app è disponibile gratuitamente da mercoledì 18 aprile sia per dispositivi Android che iOS ma anche da sito web ufficiale, supportata da Paypal per le modalità di pagamento.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Babbel lancia la campagna globale con Wieden+Kennedy London. In tv e sui canali social e digital

- # # # # #

Babbel

Babbel, la app leader nell’apprendimento delle lingue, lancia una nuova campagna globale, visivamente e tematicamente di un “altro pianeta”. La campagna, da oggi on air in TV, e declinata anche sui canali social e digital, è stata realizzata in collaborazione con Wieden+Kennedy London.

La campagna introduce un protagonista interplanetario a rappresentazione di tutti coloro che stanno imparando una nuova lingua: “Alexi” è infatti un extraterrestre appena arrivato sul Pianeta Terra, che incarna la sensazione di emarginazione comune a tutte le persone che si trovano in un paese straniero (o sistema solare) senza conoscerne l’idioma. L’idea ha dato vita a un video di due minuti per i social media e a due spot nel formato da 30 secondi per la TV.

 

 

“Per questa campagna abbiamo voluto puntare su un concetto nel quale potessero identificarsi tutti coloro che vogliono imparare una lingua e questo non è stato semplice”, afferma Sylvain Lierre, Director of Brand di Babbel. “Ma usare un alieno come protagonista ci ha permesso di dare un volto a quella sensazione di isolamento che tutti hanno provato, almeno una volta, indifferentemente dal paese di provenienza o dal proprio background”.

“Babbel è un’azienda che dà valore alla diversità e per noi era importante che questa campagna fosse improntata su un concetto inclusivo e universale”, commenta Sophy Woltman, Account Director di Wieden+Kennedy London. “Quale modo migliore di trasmettere la sensazione di emarginazione che prova chi si sente un outsider se non utilizzando come protagonista un alieno che sta cercando di imparare un’altra lingua con Babbel?

La campagna vede Alexi alle prese con diverse situazioni in cui non conoscere la lingua del posto può essere fonte di incomprensioni – dal dover chiedere indicazioni senza successo, al rimanere chiuso fuori da una stanza d’albergo fino allo scambiare una cosa seria per una battuta – lasciando il visitatore alieno costernato dalla sua inabilità nel farsi capire e costringendolo a trovare una soluzione al suo problema. Come direbbe Alexi “quando non conosci la lingua ti senti un outsider”.

Dopo aver scaricato la app di Babbel, tuttavia, Alexi possiede finalmente gli strumenti necessari per comunicare, stringere nuove amicizie, fare battute e sentirsi a casa sua in un mondo a cui prima sentiva di non appartenere. Il viaggio di Alexi rappresenta una metafora che riunisce tutti gli utenti di Babbel, rispecchiando il desiderio dell’azienda di stemperare la sensazione di inadeguatezza che prova chi si accinge ad apprendere una nuova lingua.

La campagna rafforza il posizionamento di Babbel tra gli “esperti della conversazione” e va ad aggiungersi ad altre campagne di successo create da W+K London per l’azienda nel 2016 e nel 2017.

CREDITS

W+K LONDON
Creative Director: Hollie Walker & Kit Dayaram
Creatives: Adam Newby, Will Wells, Tom Hall
Executive Creative Directors: Tony Davidson & Iain Tait
Account Director: Sophy Woltman
Account Manager: Sam Hunton
Planning Director: Andy Wright
Planner: Rachel Hamburger
TV Producer: Richard Adkins

TV PRODUCTION
Production Company: O Positive
Director: David Shane
Executive Producer: Nell Jordan & Ralph Laucella
Line Producer: Nell Jordan
Director of Photography: Tim Maurice-Jones
Editorial Company: The Quarry
Editor: Paul Watts
VFX Company: Time Based Arts
VFX Supervisor: Luke Todd
VFX Producer: Chris Aliano
Music Company: Mr Pape
Sound Company: Wave Studios
Sound Designer: Jack Sedgwick & Aaron Reynolds
Sound Producer: Ben Tomlin
International Versioning: Jam Worldwide

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Il Travel e l’Hospitality chiedono soluzioni mobili semplici da usare

- # # # #

hospitality

L’avvento del digitale sembrava potesse semplificare la vita degli operatori Travel e dell’Hospitality, facilitando il processo di vendita e promozione di viaggi e vacanze. Uno scenario che per ora si è rivelato una chimera: la commercializzazione di strutture ricettive o di destinazioni turistiche è diventata curiosamente più articolata rispetto al passato. Il Customer Journey dell’eTraveller è lungo e articolato, fatto di ore di navigazione, frazionato in più giorni e svolto su differenti touch point. Secondo una ricerca di Expedia Media Solution, prima di compiere una prenotazione, gli utenti arrivano a controllare oltre 100 siti online.

In un contesto del genere, l’obiettivo principale è progettare e sviluppare un’esperienza digitale trasparente e coerente in termini di omnicanalità, che sia il più semplice e intuitiva possibile, in modo che il turista possa godersi la vacanza invece di sprecare tempo a pianificarla. Jservice, società di consulenza specializzata in eBusiness, ha sintetizzato in tra ambiti le strategie e le tecnologie che avranno un maggiore impatto sul Customer Journey di turisti e viaggiatori nei prossimi mesi.

 Intelligenza artificiale e chatbot
Le applicazioni di messaggistica hanno raggiunto e superato i social network per numero di utenti. Un dato che sta incentivando sempre più aziende a investire sulla realizzazione di chatbot per l’assistenza al cliente. La convergenza tra intelligenza artificiale e applicazioni di messaggistica aprirà quindi nuovi scenari che rivoluzioneranno anche il settore Travel. Sul piano della progettazione questo dialogo consentirà alle aziende di offrire dei contenuti su misura a qualsiasi ora del giorno, da qualsiasi dispositivo e in qualsiasi lingua.

Realtà virtuale
Sebbene i vantaggi della realtà virtuale siano già stati esplorati nel settore turistico, il trend è destinato a crescere nei prossimi anni. Le tecnologie presenti sul mercato sono state pensate per abbattere i muri e permettere agli utenti di accedere a luoghi remoti anche dalla propria stanza da letto, offrendo contestualmente dei contenuti informativi ad alto valore aggiunto. In particolar modo, sarà sempre più utilizzata la tecnologia a 360 gradi che grazie alle sue caratteristiche permette alle aziende di costruire realtà immersive in grado di velocizzare le decisioni degli utenti e incentivare l’acquisto finale. Caso esemplare è quanto realizzato all’interno dello Universal Orlando Resort dove questo tipo di tecnologia è utilizzata per numerose esperienze: dai parchi a tema ai viaggi virtuali sulle montagne russe.

Travel App
Un recente sondaggio di eMarketer mostra che il 60% degli utenti mobile preferisce usare le App per la pianificazione dei propri viaggi. Lo smartphone ha ormai assunto un ruolo primario sia in fase di prenotazione sia nella fruizione stessa del viaggio. Con i progressi raggiunti nel campo dei Big Data e del Machine Learning, le App pensate per i viaggiatori diventeranno sempre più intelligenti e a breve saranno capaci di personalizzare i contenuti degli utenti, suggerendo itinerari su misura e vacanze perfette. Al momento, le applicazioni più amate sono quelle che consentono il monitoraggio in tempo reale dei mezzi di trasporto. Rispetto ad altri paesi del mondo il mercato italiano è ancora indietro ma numerose aziende di trasporto, sia pubbliche che private, hanno iniziato a utilizzare le tecnologie IoT e i dispositivi GPS per fornire informazioni in tempo reale su autobus, treni e altri veicoli.
Tra le App più diffuse anche quelle per la gestione del denaro, uno dei problemi più ricorrenti del turista all’estero. Grazie a una graduale affermazione di una società cashless i cittadini non dovranno più preoccuparsi del cambio di valuta, di prelevare contanti, stare attenti alle relative commissioni o ai possibili furti. La nascita di applicazioni che favoriscono questo cambiamento sta convincendo sempre più viaggiatori a lasciare a casa il portafoglio e avere più spazio per i souvenir.

articoli correlati

MOBILE

Monster lancia la nuova app con l’obiettivo di rivoluzionare le candidature da mobile

- # # #

app monster

Monster annuncia il lancio della nuova app per la ricerca di lavoro che aiuterà gli utenti a cercare e connettersi “on the go” con le opportunità di lavoro, rivoluzionando il modo di candidarsi da dispositivi mobile.

Attualmente, più del 50% degli utenti che inizia a candidarsi da mobile abbandona il processo. Lavorando a stretto contatto con Jobr, la divisione specializzata in ambito mobile, il gruppo ha creato un’app per smartphone che sfrutta la funzione “swipe”, presente soprattutto nelle app per appuntamenti. Il nuovo approccio di Monster rende più facile che mai il processo di candidatura, superando le difficoltà riscontrate in passato rispetto alla ricerca di lavoro da dispositivi mobile.

L’app Monster richiede quattro semplici passaggi: gli utenti creano un profilo con soli due click, utilizzando i social media o caricando il CV per completare il proprio profilo professionale; una tecnologia di matching avanzata filtra gli annunci di lavoro per trovare la posizione più interessante ed in linea per il candidato; con un semplice “swipe”, gli utenti hanno la possibilità di candidarsi all’annuncio o proseguire nella ricerca, ignorando l’offerta di lavoro; a questo punto i candidati possono modificare il proprio profilo professionale e caricare facilmente un CV completo direttamente da Monster o da piattaforme come Dropbox o Google Drive. Un semplice swipe verso destra consente di candidarsi inviando automaticamente il CV o il proprio profilo, ottimizzando tempi e risorse.

Questa nuova app sarà particolarmente utile ai Millennial, che passano l’equivalente di un giorno a settimana utilizzando lo smartphone e si aspettano di poter gestire tutti gli aspetti della loro vita attraverso il telefono, incluso il modo in cui trovano e gestiscono le opportunità professionali. E a proposito di tempo, questa nuova App di Monster ha già fatto registrare un altro record nei paesi in cui è stata lanciata: il tempo medio di visualizzazione degli annunci di lavoro sull’app è infatti superiore alla media di quello speso nei canali tradizionali. A trarne vantaggio sono soprattutto le categorie e i profili più ricercati dai candidati: gli annunci di lavoro che riguardano infatti l’area di Vendite e Amministrazione, così come Finanza, Management e ruoli IT, ricevono, grazie a questa nuova App, un numero di candidature superiore alla media fatta registrare in passato.
Per scaricare subito la nuova app Monster: clicca qui.

“Siamo orgogliosi di poter implementare anche in Italia la nostra offerta con un’applicazione destinata a rivoluzionare il modo di candidarsi a un annuncio di lavoro da mobile” ha fatto sapere Nicola Rossi, Country Manager di Monster Italia. “Nei Paesi in cui il lancio è già avvenuto, infatti, il largo consenso ottenuto basta da solo a testimoniare l’efficacia di questo strumento dotato di un form semplice e immediato. Con questa nuova app, aumenta significativamente il tempo medio di visualizzazione; aumenta il numero delle Job views e quello delle candidature; infine cresce sensibilmente anche il numero di CV inseriti. In Italia contiamo di confermare la tendenza positiva.”

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Torna AllianzNOW, la App per la connected Insurance. Campagna per 45 milioni di audience

- # # # #

allianznow

Da domenica scorsa è di nuovo on air la campagna di comunicazione AllianzNOW di Allianz Italia, la Compagnia guidata dall’Amministratore Delegato Giacomo Campora. Presente sulle sulle principali emittenti televisive,  con nuovi inediti temi tratti dalle esperienze reali dei clienti del gruppo assicurativo, la campagna comunica AllianzNOW, l’App gratuita che accompagna i clienti nella gestione e risoluzione di imprevisti (casa, auto o salute) attraverso lo smartphone in modo facile e veloce, e si articola in sei spot televisivi di 15’’ciascuno, di cui due episodi inediti.

Lo storytelling racconta situazioni reali basate sull’esperienza dei clienti Allianz che utilizzano AllianzNOW per gestire imprevisti quotidiani. I diversi casi sono raccontati dai protagonisti con video girati all’interno di uno smartphone. La grafica, molto semplice e pulita, è stata realizzata su sfondo bianco per evidenziare con maggior efficacia l’impatto comunicativo degli interventi di AllianzNOW : dall’invio di un idraulico in meno di un’ora in caso di allagamento della casa, fino ai nuovi spot sul pronto intervento del veterinario durante il fine settimana e sull’assistenza stradale in luoghi sperduti, grazie al servizio di geolocalizzazione.

“Con AllianzNOW abbiamo inventato la Connected Insurance, rendendo la protezione realmente disponibile nei momenti della verità, con un semplice click dal proprio telefonino o da quello dei propri cari”, spiega Roberto Felici, Head of Market Management di Allianz Italia. “Il riscontro dei nostri clienti ha confermato il successo di AllianzNOW, con oltre 300 mila download a meno di un anno dal lancio, e 4 stelle di valutazione sulla App”.

La campagna di AllianzNOW prevede una pianificazione importante che consentirà di raggiungere un’audience di circa 45 milioni di italiani con oltre 4.000 spot e con una frequenza media di visione pari a 16 volte a persona. Sarà inoltre una campagna orientata alla qualità: oltre il 70% di passaggi è pianificato in prime Time con un presidio di programmi ad alta audience. Per massimizzare i risultati della campagna, è inoltre prevista l’integrazione della comunicazione TV con quella del Web per spiegare in dettaglio le funzioni di AllianzNOW.

articoli correlati

NUMBER

Rallenta il mercato delle app, cresce l’mcommerce: lo State of Mobile 2017 di Flurry

- # # #

Christina Lundari, Oath. Mercato app 2017

Il 2017 è stato il primo anno in cui si è visto il rallentamento del mercato delle applicazioni. Se infatti, fino allo scorso, il segmento aveva visto una crescita imponente e costante, ora solo le categorie più robuste riescono a consolidare la propria posizione sul mercato, mentre le meno solide hanno faticato non poco a trovare una certa stabilità. A dirlo è lo studio State of Mobile pubblicato grazie agli insight di Flurry, piattaforma di mobile analytics, oggi parte dell’offerta di Oath. Nell’ultimo anno, Flurry ha esteso la sua presenza fino a monitorare più di un milione di app su 2,6 miliardi di smartphone in tutto il mondo.

Rispetto al 2016, in cui l’utilizzo delle app è cresciuto dell’11%, nel 2017 Flurry rileva un aumento delle attività connesse alle app solo del 6%. Mentre la crescita rallenta, cambia anche il comportamento degli utenti: trascorriamo più di cinque ore al giorno sullo smartphone ma questo tempo, invece di aumentare con l’installazione di nuove applicazioni, viene ripartito tra vecchie e nuove. I consumatori si stanno abituando sempre di più a fare acquisti dal loro smartphone e questo è confermato dal 54% di crescita della categoria Shopping. Tendenza che viene sostenuta da servizi come Apple Pay e Samsung Pay, che consentono un accesso diretto alle informazioni di pagamento memorizzate sui dispositivi.

Musica, media e intrattenimento sono al secondo posto con una crescita annuale del 43%, confermando il trend che vede il mobile come strumento fondamentale per la fruizione dei contenuti. La categoria Lifestyle ha registrato il calo più marcato con un -40% nel 2017. La diminuzione del Lifestyle, considerata come una categoria onnicomprensiva sia da Google Play sia da App Store, mette in evidenza l’importanza di sviluppare app che forniscano una valida ragione di utilizzo su base quotidiana, al fine di mantenere o aumentare la crescita anno su anno. La sezione Gaming, invece, ha vissuto un altro anno di calo nelle sessioni con un -15%. A giugno 2017, però, Flurry ha fotografato comunque un andamento positivo con l’audience dei gamer sempre più disposti ad investire tempo e denaro nei giochi per cellulare rispetto al passato.

“Comprendere il modello di adozione dei device è fondamentale sia per gli sviluppatori di app sia per le aziende, in virtù del diverso utilizzo che si fa delle diverse categorie di dispositivi” dicono Chris Klotzbach, Flurry Director e Lali Kesiraju, Flurry Marketing e Analytics Manager. Il 2017 ha dimostrato che la crescita dei phablet, che rappresentano già il 55% dei dispositivi attivi, non mostra segni di rallentamento. Chi usava telefoni di medie dimensioni, infatti, sembra che stia optando per i phablet, e la ricerca stima che il 9% della crescita di questo mercato derivi proprio dalla dismissione di cellulari di medie dimensioni”.

Sebbene il sistema operativo Android rappresenti i due terzi del mercato nel 2017, Apple è il produttore di telefoni con la più ampia quota di mercato (34%) fra gli smartphone attivi. Samsung ha mantenuto la propria quota tra il 2016 e il 2017 con il 28% e probabilmente tornerà a crescere nel 2018 grazie al lancio del nuovo S9. I produttori cinesi Huawei, Xiaomi e OPPO completano le prime cinque posizioni e stanno lentamente ampliando la loro marketshare, grazie a una maggiore penetrazione in Asia e nei mercati europei.

Apparentemente la crescita dell’utilizzo delle app potrebbe essere in stallo, ma non è mai stato così evidente che le app mobile e gli smartphone abbiano consolidato i loro ruoli nella vita dei consumatori. Mentre gli utenti, i marketer e l’industria tecnologica guardano al futuro, gli sviluppatori hanno un pubblico estremamente ricettivo e la piattaforma perfetta per coinvolgerli. Flurry comunque sarà presente per aiutare l’evoluzione del mercato dell app anche nel 2018.

“Questa ricerca ci offre un’ulteriore conferma del fatto che il mobile sia imprescindibile per instaurare un dialogo efficace con i consumatori. Oath vuole mettere a disposizione di clienti e consumatori, in tutto il mondo, le migliori esperienze su mobile offrendo contenuti premium in ambienti brand-safe, dati mobile affidabili basati su interessi, comportamenti, luoghi e acquisti effettuati, così come tecnologie per l’advertising create appositamente per i dispositivi mobili” afferma Christina Lundari, General Manager Oath Italia. “Oggi le persone si aspettano di più dalla pubblicità e siamo pronti a offrire nuovi formati per una piacevole esperienza che non interrompa la navigazione, e che possa sfruttare anche tecnologie native dei dispositivi mobili come formati 360, AI e molto altro”.

articoli correlati

AZIENDE

eDreams ODIGEO lancia la sua nuova piattaforma pubblicitaria

- # # # #

eDreams ODIGEO

eDreams ODIGEO, la più grande agenzia di viaggi online d’Europa, ha lanciato il suo nuovo sito di servizi pubblicitari eDreams ODIGEO Media Services. La piattaforma mette a disposizione di inserzionisti e agenzie il pubblico di viaggiatori più vasto d’Europa, fornendo un servizio di strutturazione delle campagne digitali allo scopo di ottenere il massimo rendimento dall’investimento in pubblicità.

Tramite i suoi cinque marchi leader, ovvero le agenzie di viaggi online eDreams, GO Voyages, Opodo e travellink, e il motore di ricerca liligo.com, presenti in 43 paesi con 245 siti web e app, la piattaforma pubblicitaria dà accesso a 18 milioni di viaggiatori per un totale di 1 miliardo di ricerche mensili, 35 milioni di iscritti alle newsletter, 7 milioni di download mobili accumulati e 1,4 milioni di follower sui social network.

Una ventennale esperienza nell’analisi del comportamento degli utenti volta a dare una risposta alle loro necessità, fa di eDreams ODIGEO Media Services un esperto globale in contenuti pubblicitari, capace di offrire un’ampia gamma di soluzioni attraverso i suoi spazi commerciali, l’audience extension (programmatic retargeting), i micrositi, i bollettini informativi, i social network, le notifiche push, i messaggi di posta elettronica, i video, ecc. Attraverso questi prodotti, gli inserzionisti hanno accesso a 15.000 segmenti diversi di pubblico specifico, che vengono regolarmente aggiornati e classificati in base ai loro profili sociodemografici, interessi e posizioni.

Pablo Caspers, Chief Air Supplier & Advertising Officer di eDreams ODIGEO, commenta: “Molti turisti decidono la propria destinazione durante la navigazione e alcuni decidono addirittura di prenotare un viaggio che non pensavano di fare dopo aver trovato ispirazione da un sito di viaggi. Essendo la più grande agenzia di viaggi online d’Europa, ci troviamo in una posizione privilegiata per influenzare l’utente risvegliandone l’interesse prima, durante e dopo l’acquisto. Siamo lieti di offrire agli inserzionisti l’opportunità di mostrare i loro prodotti e servizi ad un così ampio pubblico”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Trenitalia presenta la nuova app. Campagna di Saatchi & Saatchi e AB Comunicazioni

- # # #

Trenitalia

L’App perfetta per i tuoi viaggi in treno esiste. Basta scaricarla. Lo racconta la nuova campagna di Trenitalia, firmata da Saatchi & Saatchi e AB Comunicazioni.

Quante volte siamo in stazione pronti per partire in treno e improvvisamente noi o qualche nostro compagno di viaggio non trova più il biglietto? Oppure quante volte ci piacerebbe sapere in anticipo se il treno su cui viaggia la persona che dobbiamo andare a prendere è in orario? Oggi tutto questo è possibile grazie alla nuova App Trenitalia.

La campagna, pianificata su affissioni e web, ci racconta i benefit del prodotto con uno stile illustrato molto contemporaneo e fresco, accompagnato da un linguaggio ironico e irriverente, che gioca con la parola “scarica”.

Le headline della campagna ci pongono una domanda per raccontarci delle situazioni che almeno una volta nella vita tutti abbiamo vissuto: “Il tuo fidanzato ha perso il biglietto?” “Tuo marito ha dimenticato l’abbonamento?” “La tua ragazza non ha detto a che binario arriva?”. La risposta: “Scaricala.” A prima vista, un invito a “scaricare” il partner, ma in realtà una diretta call to action a effettuare il download dell’App.

CREDITS
Agenzia: Saatchi & Saatchi
CEO: Simone Masé
Direttore Creativo Esecutivo: Agostino Toscana
Direttori Creativi: Alessandro Orlandi e Manuel Musilli
Art Director: Umberto Vita
Copywriter: Leonardo Cotti
Illustratrice: Valentina Marchionni
Digital Art Directors: Antonio Penco, Vartan Mercadanti
Digital Copywriter: Marta Curcio
Senior Digital Manager: Simone Roca
Digital Campaign Manager: Vincenzo Pascale
Account Director: Isabella Conti
PR Coordinator: Rachele Dottori

articoli correlati

MEDIA

La nuova app di Tigotà colora la metro di Cadorna a Milano. Firmano BCube e MSL

- # # # #

app tigotà

Una pennellata verde ricoprirà, dal 14 dicembre al 3 gennaio, i muri e le scale mobili della stazione di Cadorna per il lancio della nuova app di Tigotà. La catena si conferma al passo con i tempi e per la campagna ha scelto Publicis Communications, nello specifico BCube che si è avvalsa della collaborazione di MSL.

 

L’obiettivo è la promozione della nuova app di Tigotà. Basterà infatti uno smartphone per acquistare ogni genere di prodotto oltre che utilizzare la propria Fidelity Card, sfogliare il volantino mensile e anche giocare. Una nuova idea di store, tutta nelle nostre mani. Per l’occasione è stata scelta una comunicazione d’impatto: le agenzie hanno infatti curato la realizzazione di una guerrilla che invaderà letteralmente la stazione. Attraverso giochi tra parole e immagini, si scherza sullo strumento che tutti abbiamo sempre sotto gli occhi: lo smartphone, che, in questo caso, diventa una spugna, un profumo, un rasoio, per ribadire che tutto il mondo del pulito, in realtà, è già tra le nostre mani. Della produzione si è occupata Prodigious.

articoli correlati

MEDIA

I brand digitali del Gruppo Mondadori debuttano su Google Play Edicola

- # # # #

Mondadori

I brand digitali del Gruppo Mondadori debuttano su Google Play Edicola, la app di Google attraverso la quale è possibile attivare un abbonamento, gratuito o a pagamento, a riviste, blog e giornali di proprio interesse e leggerne i contenuti ottimizzati per la fruizione da smartphone o tablet.

Tra i siti che vanno ad arricchire il catalogo di Google Play Edicola sono già disponibili: Casabella, CasaFacile, Donna Moderna, Focus, Focus Junior, Giallo Zafferano, Grazia, Icon, Icon Design, Il mio Papa, Interni, Nostrofiglio, Panorama, Panorama Auto, Sale&Pepe, Starbene, Tustyle, Tv Sorrisi e Canzoni.

Gli utenti avranno in questo modo accesso a un portafoglio di brand punti di riferimento nei settori chiave quali femminili, cucina, salute e benessere, con una proposta di news che spazia dall’arredo alla moda, dall’attualità allo spettacolo, attraverso una piattaforma tecnologica avanzata che permette di leggere ancora più facilmente e velocemente i contenuti. Tra le varie funzionalità, consente di essere informati riguardo a una combinazione di titoli principali, notizie locali e interessi personali, di accedere agli articoli anche in modalità offline, o di salvarli per una lettura successiva. I siti potranno essere aggiunti alla propria raccolta di preferiti per essere sempre aggiornati e condividere facilmente i contenuti.

Con l’ingresso in Google Play Edicola si amplia ulteriormente la distribuzione di contenuti del Gruppo Mondadori, il primo editore tradizionale italiano, leader anche nel digitale con un’offerta multibrand e multicanale che può già contare su circa 16 milioni di utenti unici al mese (Audiweb View unique total audience, agosto 2017) e una comunità di 30 milioni di utenti su Facebook e di 14 milioni su Instagram al mese.

articoli correlati

AZIENDE

Arriva la Moleskine Note App per Windows 10, un ponte tra analogico e digitale

- # # #

moleskine

Moleskine presenta la Moleskine Notes App, che per la prima volta permette di sincronizzare facilmente gli appunti scritti a mano, i grafici e le presentazioni create sul taccuino Moleskine Paper Tablet direttamente sul proprio dispositivo Windows 10 – Surface o dispositivi OEM, mentre si scrive e si crea in tempo reale. La nuova applicazione gratuita appositamente progettata per device Windows 10 sarà disponibile a partire da metà novembre 2017.

L’App rappresenta il primo passo di una nuova partnership tra Moleskine e Microsoft, che continuerà a svilupparsi nel 2018. Entrambe le aziende condividono una visione comune in termini di creazione di servizi e soluzioni che aumentano e facilitano la collaborazione. La partnership offre un’esperienza che congiunge il mondo analogico a quello digitale, facendo vivere appunti e idee in un unico luogo. L’obiettivo è permettere di lavorare su carta e su device senza soluzione di continuità, per liberare il potenziale delle persone e aumentarne la creatività e la produttività.

La Moleskine Notes App for Windows è l’ultima novità del Moleskine Smart Writing System, una serie di oggetti iconici che lavorano in tandem con l’App e uniscono i mondi analogici e digitali: un taccuino Moleskine Paper Tablet, un Moleskine Smart Planner e una Pen+, la penna intelligente.

Il tutto si basa sulla tecnologia invisibile Ncode, sviluppata e incorporata appositamente all’interno di ogni pagina, che permette alla penna intelligente Moleskine Pen+ di riconoscere dove si trova all’interno del taccuino e di trasferire tutto il contenuto creato direttamente alla Moleskine Notes App per Windows 10. Con la nuova applicazione Moleskine Notes per Windows, sviluppata da NeoLAB Convergence, le idee si spostano dalla carta al computer in modo immediato, semplificando la vita e aumentando e incoraggiando la creatività e gli sforzi collaborativi.

In sintonia con le esigenze della vita lavorativa moderna, la nuova applicazione introduce una serie di funzionalità che si inseriscono in modo dinamico nella realtà quotidiana e professionale. Ad esempio, le note scritte a mano possono essere digitalizzate istantaneamente in 15 lingue diverse e il contenuto creato può essere trasferito mentre si scrive e si disegna su schermi più grandi o su TV, rendendo riunioni, lanci e sessioni di brainstorming molto più coinvolgenti ed efficaci.

L’applicazione vanta inoltre una nuova funzionalità, Collaborative Ideation, che consente di collegare fino a 7 penne intelligenti allo stesso tempo (con la possibilità di nominarle), permettendo a molte persone sedute nella stessa riunione di partecipare attivamente allo sviluppo di un determinato progetto nello stesso momento. La Pen+ memorizza anche tutti i contenuti appuntati a mano, che potrebbero essere utili per scrivere in velocità e trasferisce immediatamente tutte le idee all’applicazione ogni volta che si decide di connettersi.

L’applicazione Moleskine Notes per Windows 10 è concepita per un nuovo tipo di produttività e costituisce un importante passo avanti nel percorso dal mondo analogico verso il mondo digitale, rendendo la vita più facile, più efficiente e aiutando le persone a sviluppare il proprio potenziale professionale e narrativo, anche in una prospettiva di smart-working, che si aggiunge alle app mobile già disponibili per i dispositivi iOs e Android.

articoli correlati