MEDIA 4 GOOD

Nasce ClickAid, la piattaforma che cambia il rapporto tra consumatori, aziende e charity

- # # # # #

ClickAid

È stata presentata questa mattina a Milano ClickAid, la nuova piattaforma web che introduce una radicale innovazione nel rapporto consumatori-aziende-charity.

Un progetto nato dall’osservazione del mercato e dall’individuazione dei suoi punti critici. Di fronte alla continua e veloce trasformazione del linguaggio dovuta alla rete, infatti, il mondo della comunicazione ha trattato questo nuovo “media” alla stregua della tv, curandone solamente gli aspetti di immagine, spesso senza riuscire a interpretare il reale nuovo concetto: la Democrazia che la Rete garantisce, trasformando il follower in una entità in grado di scelte e richiesta di considerazione. Da questa analisi nasce ClickAid un nuovo “media” di comunicazione rivoluzionario che per primo riconosce dignità al consumatore, ricompensandolo e inducendolo a scegliere di vedere un filmato promozionale.

Nel sito vengono proposti agli utenti progetti di Organizzazioni non governative, Onlus e Associazioni impegnate nel sociale che vengono abbinati a uno spot commerciale. Quando l’utente accetta di vedere il filmato promozionale, della durata massima di 30”, lo sponsor riconosce € 1 al progetto abbinato fino al termine del budget stanziato. Solo guardando tutto il filmato viene effettuata la donazione. L’utente può guardare il filmato unicamente una volta al giorno. Una volta raggiunto il target verrà realizzato un filmato che documenterà l’avvenuta realizzazione del progetto e che verrà pubblicato sempre sul sito.

Tra follower, advertiser e ONG viene così a crearsi una community vantaggiosa per il prodotto. Il valore offerto dalla proattività dell’utente è infatti enorme: finalmente avremo spettatori attenti e consapevoli che scelgono di vedere un contenuto pubblicitario e sono incentivati a farlo dal valore sociale attribuito al loro gesto. Diventa così anche possibile targhettizzare i progetti selezionando messaggi e prodotti specifici e controllare l’investimento in ogni dettaglio, con il pagamento solo per i video realmente visualizzati dagli utenti.

Non va tralasciata infine la fondamentale attività di leed generation favorita da ClickAid, con la creazione di database di utenti fortemente profilati.

“ClickAid è un media innovativo – dichiara Fabio Vergottini, CoFounder ClickAid – che rende gli utenti proattivi di fronte alla pubblicità in rete e non più solamente soggetti passivi. Su questa piattaforma, infatti, i fruitori non subiscono lo spot pubblicitario, ma scelgono di vederlo, così come vedono concretamente valorizzato il tempo che hanno impiegato nella visione. La concretezza dei progetti promossi e la possibilità di poterne verificare l’avvenuta realizzazione rende ClickAid un luogo virtuale dove può germogliare una community reale, basata su di una comunicazione bottom-up e orizzontale, in sintonia con la democrazia della rete. Un luogo in cui la solidarietà rappresenta anche un nuovo modello di business per le aziende, dove l’azione sociale si trasforma da charity in propulsore di una nuova economia etica, più equa e più solidale”.

Coop Lombardia, in collaborazione con Altavia, è la prima azienda che ha aderito al progetto, con l’iniziativa solidale Abitiamo il futuro a favore dell’Associazione Speranza Oltre Noi Onlus (SON).

 

articoli correlati

NUMBER

Altavia svela il Baromètre de la Valeur Shopper 2016: il rapporto brand-cliente funziona ancora?

- # # # # # #

Altavia presenta Le Baromètre de la Valeur Shopper 2016: la relazione tra brand e clienti funziona ancora?

Altavia ha presentato ieri sera a Milano, presso il Palazzo delle Stelline, i risultati del Baromètre de la Valeur Shopper 2016, prima edizione italiana della più grande indagine sulla qualità della relazione tra le insegne retail e i loro clienti.
Nato in Francia cinque anni fa da Shopper Mind, società del Gruppo Altavia, il Baromètre de la Valeur Shopper si propone di analizzare il grado di vicinanza tra le insegne e i loro clienti sondando la forza di questo legame, il livello di fiducia e fedeltà riposto nelle insegne. Per questa edizione agli intervistati è stato chiesto di esprimere la loro opinione sui retailer di cui sono clienti abituali, ciò ha condotto ad analizzare 160 catene inquadrate in 8 settori merceologici: GDO alimentare, Abbigliamento, Cosmetica, Hi-tech, Casa & Decò, Bricolage-DIY, Pet food e Varie-multisettore.

I risultati
La ricerca AltaviaLab restituisce il quadro di un retail in movimento, spronato da un contesto economico e sociale in cui l’esperienza di acquisto e di consumo si sta evolvendo rapidamente in direzione dell’omnicanalità. A prima vista, le insegne appaiono impegnate nello sforzo di stabilirsi o confermarsi come riferimento rilevante nella vita del cliente, rimodulando il loro approccio per intercettare gusti, bisogni, interessi e aspirazioni del consumatore e per sfruttare il moltiplicarsi delle occasioni di contatto e interazione a loro disposizione: ma è proprio così?…

 

Leggi la notizia completa su MyMarketing.Net!

articoli correlati

AGENZIE

Altavia si rafforza in Italia con l’acquisizione delle Agenzie Stylum e Rokivo

- # # #

Altavia

Altavia Italia, società italiana del Gruppo di comunicazione commerciale internazionale Altavia, rafforza la sua offerta nel campo del digitale e omnicanale grazie all’acquisizione delle società Stylum Srl e Rokivo Inc. Attive da 4 anni e con una trentina di collaboratori, Stylum e Rokivo sono dirette da professionisti riconosciuti nel mondo dell’advertising e pionieri del Web in Italia: Massimo Cortinovis, Valerio Saffirio, Davide e Giovanni Marazita.

Stylum propone soluzioni di comunicazione omnicanale che mettono al centro innovazione tecnologica ed esperienza multi sensoriale, puntando al valore emozionale della shopping experience per consolidare il coinvolgimento del consumatore presso i propri clienti. Con sedi a Milano e Torino, la squadra di Stylum è diretta da Valerio Saffirio e da Massimo Cortinovis. Saffirio conta più di trent’anni di esperienza nel mondo dell’advertising in agenzie nazionali e internazionali mentre Cortinovis è da vent’anni pioniere nel campo del Digitale in Italia e fondatore di numerose Web Agencies.

Rokivo, specializzata in User Experience Design, è presente a San Francisco e in Italia, con uffici a Torino e Milano. Sotto la direzione di Giovanni Marazita, Design Director e del gemello Davide Marazita, Strategist e Project Manager, Rokivo è riuscita, nell’arco di quattro anni, a ricavarsi uno spazio significativo nella Silicon Valley portando il valore del design italiano nel cuore dell’innovazione digitale. All’avanguardia nella tecnologia e nelle più aggiornate soluzioni di User Experience, l’equipe di Rokivo collabora con alcune delle start up più innovative del momento.

Le due società lavorano su diversi mercati internazionali, nelle rispettive aree di competenza, per clienti italiani tra cui Intesa San Paolo, Unicredit, Banca Sella, Monte dei Paschi di Siena, Gruppo Montenegro, Piaggio, Fastweb, Fiera di Bologna, nonché per aziende internazionali tra cui Dragon Capital, Infront Sports, Cisco.

Queste acquisizioni vanno a integrare il percorso verso l’ambizioso piano di sviluppo strategico del Gruppo Altavia, il MOVE2020 (MOVE: Make Our Vision Effective). Il raggruppamento delle equipe operative, a Milano e Torino, è volto a moltiplicare le sinergie allo scopo di rafforzare l’offerta sulla comunicazione omnicanale al servizio dei clienti di Altavia in Italia.

“L’ingresso nel Gruppo Altavia risponde appieno, per Stylum e Rokivo, alla possibilità di introdursi verticalmente in un mercato, quello retail, che più di tutti necessita di innovazione digitale e di integrazione omnicanale. Il feeling interpersonale con i manager del Gruppo è stato, al pari delle sinergie di business e della condivisione di valori e vision, uno dei fattori principali che ci hanno motivato ad accettare la proposta di integrazione in Altavia”, affermano Massimo Cortinovis e Davide Marazita, Amministratori Delegati Stylum e Rokivo.

“Le qualità umane e professionali degli imprenditori di Stylum e Rokivo e della loro squadra, la qualità e la continua innovazione della loro offerta, costituiscono per noi una opportunità grande e irrinunciabile per contribuire all’allargamento delle nostre competenze e per raggiungere gli obiettivi ambiziosi che ci siamo prefissati nello sviluppo di un’ offerta di comunicazione digitale a forte valore aggiunto e perfettamente integrata nella nostra proposta di servizi a 360° per i retailers. Oggi abbiamo a disposizione un’organizzazione sempre più completa, innovativa e capace di accompagnare strategicamente i nostri clienti in questi anni di continua e radicale trasformazione del mondo” dice Paolo Mamo, Presidente e CEO di Altavia Italia.

L’accordo prevede l’acquisizione da parte di Altavia Italia del 60% del capitale di Stylum (che controlla al 100% Rokivo Inc e Rokivo Srl), lasciando ai manager delle due società un’ampia autonomia di gestione e affidando la presidenza delle due società a Paolo Mamo, già Presidente di Altavia Italia.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Fare x Bene in campo contro discrimimazione e bullismo

- # # # # # # # #

fare x bene

Nel mese della Giornata degli innamorati, Fare x Bene, Onlus che promuove da anni progetti e attività a sostegno delle vittime di abusi e violenze, soprattutto donne e madri, e di educazione alle differenze di genere nelle scuole, lancia la sua campagna di comunicazione, sensibilizzazione e raccolta fondi per il progetto Indipendente-Mente, percorso di educazione all’affettività e alle differenze di genere, contro ogni forma di discriminazione, bullismo e cyber bullismo nelle scuole secondarie di primo e secondo grado in tutta Italia.
Ambasciatrice della campagna di Fare x Bene 2016 sarà Mara Maionchi, professionista e manager di successo, nonché donna attiva e presente nel sociale. Insieme a lei personaggi del calibro di Malika Ayane, Arisa, Dario Ballantini, Barbara Benedettelli, Sara Cardin, Marco Cattaneo, Geppi Cucciari, Marta Gastini, Amir Issaa, Ivan, Emma Marrone, Annalisa Minetti, Clemente Russo, Le Scemette, Dalila Setti, Jo Squillo, Syria, Vic, Rudy Zerbi e Valentina Pitzalis, giovane donna, che a ventisette anni, il 17 aprile 2011, è stata cosparsa di cherosene da suo marito che le ha dato fuoco, morendo lui stesso tra le fiamme. Sfigurata, con una mano amputata e l’altra gravemente danneggiata dalle fiamme, così come il resto del corpo, Valentina ha deciso di dedicarsi a progetti sociali, diventando così un simbolo della lotta alla violenza di genere e successivamente dei progetti di .

La campagna di sms solidale del valore di 2 euro, al numero 45599, sarà attiva dal 1 al 15 febbraio, affiancata dalle donazioni di 2 o 5 euro con chiamata da rete fissa. Il relativo spot sarà on air nelle reti Mediaset, Sky e La7 nel periodo di attivazione.

La Campagna è la continuazione ideale di quella del 2015, Credevo fosse amore, e vede anche quest’anno coinvolte per la causa le eccellenze del panorama italiano, che hanno realizzato un altro progetto di altissima qualità. Lo spot tv porta ancora la firma di Federico Brugia, che ha sposato da anni la mission di Fare x Bene, insieme a un partner d’eccellenza come Lorenzo Cefis, AD della casa di produzione Filmmaster Productions e a Post Atomic per la post produzione.

L’idea è della piattaforma di comunicazione internazionale Altavia, partner storico di Fare x Bene, grazie alla direzione creativa di Fabrizio Ferrero e Pierfrancesco Jelmoni, che sono riusciti a comunicare, in modo efficace e originale, un diverso aspetto del dramma della violenza fisica e psicologica sulle donne: gli stereotipi di genere e le idee discriminatorie sul sesso debole che i ragazzi ricevono dagli adulti e che per loro rischiano di diventare normalità.

Lo spot è stato girato nella scuola media Iqbal Masih, situata a Baggio, nella periferia di Milano, e ha visto la partecipazione di alcuni alunni delle classi 2B e 3B che si sono mostrati entusiasti e coinvolti, comprendendo la possibilità di contribuire concretamente ai progetti in favore dei loro coetanei. I giovani “attori”, che a loro volta avevano seguito gli scorsi anni i percorsi nelle scuole organizzati da Fare x Bene, hanno fatto proprio il tema della campagna e si sono prestati a recitare frasi e concetti forti, duri e discriminatori nei confronti delle donne, esprimendole come nella realtà: se diamo ai ragazzi esempi fuorvianti e stereotipi di genere, questi cresceranno con loro e avremo dapprima giovani bulli e bullizzati e in futuro adulti che reitereranno comportamenti e azioni violente, senza comprenderne la gravità.

I ragazzi saranno i protagonisti, insieme a Valentina Pitzalis e altri ospiti a sorpresa di un flash mob organizzato da Fare x Bene e che avrà luogo il 14 febbraio a Milano, in luogo da definire.

Gli scatti della campagna offline sono sempre di Federico Brugia, che è anche un appassionato e sensibile fotografo.
La campagna prevede anche uno spot radiofonico con la presenza della testimonial Mara Maionchi e una campagna stampa, web e social con l’hashtag #leIdeeSbagliateCresconoconLoro.

La colonna sonora dello spot, fortemente voluta dal regista, è “Irene” (Piero Piccioni), in versione originale, di proprietà di Creazioni Artistiche Musicali C.A.M. Srl, una società del gruppo Sugar, che, anche quest’anno, grazie alla generosità di Caterina Caselli, ha sostenuto la finalità del progetto, l’insegnamento dell’amore ai bambini anche a scuola.
Il progetto è dedicato quest’anno alla memoria di Elio Fiorucci, che con la sua solita generosità ideò il logo di Fare x Bene, donandolo alla Onlus, della quale inoltre divenne impegnato ambasciatore.

La campagna media di quest’anno è a cura di Marketing Point.

articoli correlati

MEDIA 4 GOOD

Fare x Bene Onlus e Valentina Pitzalis lanciano la campagna #credevofosseamore. Altavia firma il progetto, pianifica Media Italia

- # # # # # # #

A pochi giorni dal 25 novembre, Giornata Internazionale dell’Eliminazione della Violenza contro le Donne, Fare x Bene Onlus lancia la sua campagna di comunicazione, sensibilizzazione e raccolta fondi per un concreto aiuto ai progetti di accoglienza, assistenza e consulenza legale e psicologica alle vittime di abusi e violenze, soprattutto donne e madri e al progetto Di Pari Passo, percorso di educazione all’affettività e alle differenze di genere, contro ogni forma di discriminazione, bullismo e cyber bullismo nelle scuole secondarie di primo e secondo grado in tutta Italia.

Testimonial della campagna di Fare x Bene e del progetto Di Pari Passo è Valentina Pitzalis, giovane donna, che a ventisette anni, il 17 aprile 2011, è stata cosparsa di cherosene da suo marito che le ha dato fuoco, morendo lui stesso tra le fiamme. Lei si è svegliata in un letto di ospedale con il volto completamente sfigurato, una mano amputata e l’altra gravemente danneggiata dalle fiamme, così come il resto del corpo. Valentina ha deciso di raccontare questa sua esperienza in un libro, Nessuno può toglierti il Sorriso, scritto con Giusy Laganà, edito da Mondadori, diventando un simbolo della lotta alla violenza di genere.

Lo spot tv sarà on air nelle reti Mediaset dal 23 al 30 novembre, mentre la campagna di sms solidale, al numero 45594, sarà attiva dal 17 al 30 novembre e si potrà, quindi, inviare un sms solidale del valore di 2 euro da cellulari personali e 2 o 5 euro con chiamata da rete fissa

La Campagna ha visto coinvolte per la causa le migliori eccellenze del panorama italiano, che hanno realizzato un progetto di altissima qualità. Tutti gli attori coinvolti si sono resi disponibili per sostenere e dare la possibilità a Valentina di centrare gli obiettivi della Onlus. Lo spot, che sarà in onda dal 23 novembre, porta la firma di Federico Brugia, regista pubblicitario tra i più quotati a livello nazionale e internazionale. Brugia ha immediatamente sposato la mission e ha voluto al suo fianco un partner d’eccellenza come Lorenzo Cefis, AD della casa di produzione Filmmaster Productions e la BAND per la post produzione.

“Firmare la regia di questa Campagna – dichiara Federico Brugia – è stato emozionante, è uno dei progetti più forti e sentiti da quando ho cominciato a fare questo mestiere. Ho voluto trattare un argomento cosi attuale e cosi delicato in maniera “shock”. Il mio obiettivo in questo film è scuotere chiunque lo veda: un mondo glamour e patinato che enfatizza la triste realtà della violenza sulle donne. Questa campagna non passerà inosservata e avere conosciuto Valentina e la sua forza ha maggiormente sottolineato i miei intenti”.

L’idea è della piattaforma di comunicazione internazionale Altavia, partner storico di Fare x Bene, grazie alla direzione creativa da Fabrizio Ferrero e Pierfrancesco Jelmoni: “Non abbiamo fatto altro che guardarci intorno, osservare e riportare in sceneggiatura ciò che è sotto gli occhi di tutti. Centinaia di donne subiscono quotidianamente una violenza psicologica che le annulla come persone prima di arrivare agli episodi più tragici di violenza fisica”. Un male profondo della nostra società che si manifesta nelle parole e comportamenti di tanti uomini e nella rassegnazione di troppe donne.

Il progetto ha visto, inoltre, la partecipazione della famosa stylist Micaela Sessa che ha gestito tutto con gli stilisti e con la modella. I marchi moda che hanno gentilmente aderito al progetto sono Prada, Miu Miu, Tods e Dsquared; mentre la modella Eva Riccobono ha appoggiato con entusiasmo la mission di Valentina e Fare x Bene, prestando la sua immagine per la riuscita del progetto. Gli scatti della campagna offline sono invece del noto fotografo Pierpaolo Ferrari.

La campagna prevede anche uno spot radiofonico al quale ha partecipato e donato la sua splendida voce Luca Ward. Vi saranno, inoltre, una campagna stampa, web e social con l’ashtag #credevofosseamore

La campagna media è a cura di Media Italia.

La colonna sonora dello spot, fortemente voluta dal regista, è il brano “Nessuno mi può giudicare” (M. Panzeri / L. Beretta / D. Pace / M. Del Prete) nella sua edizione originale, interpretata da Caterina Caselli, che ha a sua volta aderito con entusiasmo al progetto, per gentile concessione di Sugarmusic S.p.A. e di Warner Music Italia srl.

Altro importante protagonista del progetto è Elio Fiorucci, che non solo ha aderito subito al progetto, ma ha ideato il logo di Fare x Bene, donandolo alla Onlus, della quale è diventato ambasciatore.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Con Altavia va in scena la super corsa Ultra Milano-Sanremo

- # # # # # # #

Il prossimo 29 marzo alle ore 5 dall’Alzaia Naviglio Pavese n° 274 parte l’Ultra Milano-Sanremo, una gara straordinaria ai limiti della resistenza umana. Altavia, gruppo di comunicazione e publishing specializzato in retail marketing, è partner di Ultra Milano-Sanremo 2014, la prima edizione europea della sfida internazionale di maratoneti “ultraresistenti”.

Per il lancio dell’evento, Altavia ha raccolto il contributo di alcuni creativi e professionisti della comunicazione per sostenere, e diffondere, la straordinaria impresa ideata e organizzata da Michele Graglia, Riccardo Marvaldi e Franco Ranciaffi di Sanremo Runners, con l’aiuto di Luca Ammirati e Edoardo Marvaldi.  Gli ultramaratoneti percorreranno, di giorno e di notte, una distanza di 280 chilometri. Una sfida estrema raccolta da 53 atleti, uomini e donne selezionati da tutto il mondo, che avrà come scenario il celebre tracciato della Milano-Sanremo.

Michele Graglia, atleta e fashion model affermato, è il testimonial della gara.

Una nota di cronaca rosa riguarda due atleti della corsa, Andrei Nana e Claire Dorotik, che hanno deciso di sposarsi alla vigilia della partenza con il “patrocinio” del Comune di Milano e dell’Assessore allo Sport Chiara Bisconti, nello splendore della Sala degli Specchi a Palazzo Reale.

Per l’occasione, l’illustratore Aldo Monzeglio ha disegnato con tratto umoristico e mano capace, dodici tavole dedicate a tutte le fasi della gara.

Le T-shirt custom-designed da due brillanti designer di Teeclover sono destinate a diventare oggetti cult.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Quattordici iniziali per firmare la campagna 2013 de La Settimana della Comunicazione

- # # # # # # #

Anche la quarta edizione dell’evento milanese, ideato e prodotto da Pietro Cerretani e Claudio Honegger, si avvale di una campagna costruita con metodo open source. Un gruppo eterogeneo di quattordici comunicatori ha aderito al progetto Creax, laboratorio di creatività collettiva ospitato da Altavia, firmando la campagna con una sigla formata dalle loro iniziali. I nomi celati sono Biba Acquati, Eugenio Alberti, Melania Angeloro, Chiara Attieri, Vanessa Berardi, Claudia Bergonzi, Maurilio Brini, Pietro Cerretani, Claudio Ferrara, Gianmarco Bachi, Gino Luis Ciccognani, Giampaolo Galenda, Mauro Mercatanti e Filippo Vizzani. I creativi coinvolti sono stati invitati a esprimersi sul tema “Nuovi Animali Comunicanti”, quale concetto di transito nell’era della nuova comunicazione, derivato dall’istinto naturale che conduce tutti gli animali a scambiare messaggi e informazioni, seguendo codici e linguaggi precisi ma sempre in mutazione.

Pietro Cerretani, Fondatore de La Settimana della Comunicazione dichiara: “Con questo tema, durante La Settimana della Comunicazione 2013 vogliamo esplorare i comportamenti dei consumatori e dei cittadini alla luce del paradosso che viviamo per cui più gli individui sono informati e connessi e più si recuperano comportamenti istintuali, emotivi e collettivi. Vista la ricchezza e l’ampiezza di questo tema è stato importante che anche per questa edizione il metodo di creazione della campagna fosse aperto e multidisciplinare”.

Il concept creativo, e la conseguente campagna, sono stati ideati dal gruppo che ha inizialmente proposto nove idee art e copy. Alla conclusione dei lavori è stata scelta la campagna proposta da Ideificio (Melania Angeloro e Mauro Mercatanti), con il prezioso contributo iconografico dell’artista Anna Mainenti, giovane fotografa veronese che lavora su immagini di uomini/cani con una tecnica di face-morphing molto realistica. Al tavolo progettuale, si è rivelatala fondamentale la presenza di Luis Ciccognani, maestro indiscusso della storia dell’advertising italiano. Docente di Comunicazione alla Facoltà di Design del Politecnico di Milano, ha coinvolto i suoi studenti nel lavoro collettivo, creando un gruppo affiatato capace di apportare, con vero entusiasmo, contributi essenziali alla nascita della campagna.

Maurilio Brini, Creative Strategist di Altavia ha visto nascere La Settimana della Comunicazione: “Ho seguito fin dalla prima edizione tutte le campagne e l’evoluzione in Creax dimostra una reale e sempre più tangibile capacità di aggregazione e di crescita di questo importante appuntamento con la comunicazione”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Altavia per gli sms solidali di Doppia Difesa

- # # # #

In Italia molte donne hanno bisogno di difendersi e di essere difese, dentro e fuori casa. Nel nostro paese si parla di 119 vittime uccise nel 2012, un triste conteggio aggiornato alla metà di dicembre. In Europa non esistono dati altrettanto allarmanti.

Doppia Difesa, Fondazione creata da Michelle Hunziker e Giulia Bongiorno, con la campagna sms al numero 45504 lavora attivamente per un’inversione di tendenza, innanzi tutto culturale. La donna che subisce abusi deve sapere di poter contare sulla consulenza e l’assistenza, legale e psicologica, della Fondazione, che grazie al contributo delle donazioni e delle campagne di sms solidale può prendersi carico delle situazioni di gravi minacce  La campagna ‘Lascia il tuo segno’ vuole comunicare proprio questo: il concept creativo della campagna stampa e dello spot elaborato da Altavia esprime infatto positività ed energia, dimostra che insieme si può reagire. Nel video una donna si racconta. Con un espediente – la camera non a fuoco – sembra nascondere le percosse del suo uomo. Ma quello stesso segno, quando l’immagine diventa nitida, si svela essere invece un segno di forza. Le strisce disegnate sul volto rievocano quelle delle tribù indigene o anche quelle dei giocatori di rugby che si caricano nel loro gioco di squadra. Un simbolo forte, che diventa un’eco potente come la voce di molte donne. Nel film, una carrellata le svela, mentre una voce fuori campo è il pensiero femminile che racconta il desiderio di rivalsa. L’ultima donna inquadrata è una delle testimonial, Michelle Hunziker. Anche lei fa il gesto di disegnarsi sulle guance le due strisce, mentre invita a “Lasciare il segno”, slogan che diventerà poi il leit-motive di tutta la comunicazione. Al suo fianco appare infine l’altra protagonista del film, Giulia Bongiorno, anche il suo è un volto da combattimento, mentre pronuncia i numeri del massacro: più di cento donne vittime di uomini.

Le varie professionalità che hanno lavorato alla realizzazione dello spot “Lascia il tuo segno” lo hanno fatto senza compenso.  Ideazione Paolo Mamo e Maurilio Brini di Altavia (direzione creativa Fabrizio Arrigoni, copy Paola Campanelli, account Valentina Galli).  Produzione: Alessio Gramazio e Paolo Calabresi Marconi.  Regia e fotografia Paolo Gandola. Direzione di produzione: Claudio Pintus.  Casa di Produzione: Buddy Film.  Le attrici che hanno prestato il loro volto alla campagna: Ruth Morandini, Daniela De Pedrini, Vanja Rupeena, Rossella De Risi e la speaker Tania De Domenico. Per la campagna stampa le foto sono state realizzate da Paolo Gandola. Si ringraziano Panalight (teatro di posa e mezzi tecnici), Urban Management, Post Atomic (post produzione audio/video); il Gruppo Media Italia Torino e Chiara Gianazza; l’agenzia Notoria e Franchino Tuzio, per l’attività di ufficio stampa, l’agenzia MN e Cristiana Zoni. Si ringrazia, inoltre, per il supporto, Mediafriends.

articoli correlati