NUMBER

Carat prevede spending globale in crescita del 5% nel 2014 e 2015. Italia sempre giù

- # # # # # #

Diffuse oggi le previsioni di Carat sugli investimenti pubblicitari mondiali per il biennio in corso, che rivelano l’ottimismo di fondo del mercato, con numerose revisioni al rialzo rispetto all’ultima stima.

Basate sui dati ricevuti da 59 Paesi, nelle Ameruche, nell’Asuia Pacifico e nell’area EMEA, le cifre elaborate da carat vedono un aumento della crescita complessiva a fine anno del 5%, rispetto al 4,8% delle precedenti rilevazioni,e una conferma dell’uletriore incremento del 5% per l’anno prossimo
Guardando alle singole zone geografiche, si rafforza il trend di crescita del Nord America, che nel 2014 dovrebbe superare finalmente i livelli del 2007, anno record pre-recessione. Anche l’Europa Occidendale è anticipata in area positiva, con un +2,7% dopo due anni consecutivi di calo, sulla spinta anche della Gran Bretagna, i cui investimenti pubblicitari aumenteranno del 7,5% a fine anno. Per l’Italia, invece, anche le stime di Carat mostrano un 2014 negativo, al quale farà seguito un modestissimo +0,9% (rivisto al ribasso) nel 2015.
Asia Pacifico e Sud America, nonostante la leggera flessione rispetto alle stime dello scorso marzo, mostrano una robusta dinamica positiva, che le porterà a superare l’andamento del mercato, con – rispettivamente – un +5,4% e un +12.1% quest’anno.
Circa i vari media, infine, il Digitale scavalca le previsioni precedenti, arrivando al +16,1% anno su anno, e raggiungendo, come percentuale dell’investimento totale, il 20,5% bel 2014 e il 22,6% nel 2015. Gli altri mezzi, con l’esclusione della Stampa in costante calo, dovrebbero aumentare del 3%-5% nel 2014 e 2015.

articoli correlati