BRAND STRATEGY

Integral Ad Science (IAS) protegge gli inserzionisti di YouTube su scala globale

- # # # # #

ias - youtube

Da oggi, la collaborazione tra Integral Ad Science (IAS) e YouTube consente a tutti i clienti inserzionisti di IAS di proteggere il loro investimento pubblicitario sulla piattaforma a scala globale. L’anno scorso YouTube ha scelto IAS come primo partner, per risolvere le problematiche di brand safety sulla piattaforma.

La soluzione per la brand safety di IAS coniuga in modo unico il machine learning e la revisione umana al fine di ricalibrare continuamente i modelli, piuttosto che basarsi esclusivamente su un algoritmo statico. L’utilizzo di questa tecnica consente a IAS di informare gli inserzionisti e YouTube di contenuti poco appropriati, offrendo la possibilità di smettere di monetizzare i contenuti e di ricalibrare al meglio le campagne per ridurre i rischi.

Lo scorso dicembre, è stato avviato un importante programma in versione beta per monitorare centinaia di campagne condotte in sette Paesi, con oltre 50 inserzionisti. Brand globali di rilievo come Diageo, Bayer Health e Verizon hanno usufruito dei report di IAS allo scopo di adeguare la loro strategia di brand safety e ottenere risultati migliori nel posizionamento dei loro annunci su YouTube.

“Tutte le parti interessate del nostro settore devono lavorare sinergicamente per trovare una soluzione alle criticità della brand safety”, ha dichiarato Nick Morley (nella foto), Managing Director EMEA di IAS. “La beta ha avuto grande successo, perché YouTube, IAS e i brand di rilievo coinvolti hanno instaurato un dialogo costruttivo al fine di creare una soluzione congiunta”.

Ora che l’integrazione è disponibile per tutti i clienti di IAS, i modelli di machine learning sviluppati, continueranno a essere perfezionati. Con l’assimilazione di una quantità sempre maggiore di dati e l’immissione di ulteriore feedback umano, i modelli IAS analizzeranno nuovi contenuti e impareranno a identificare video, ritenuti non sicuri, permettendo ai brand di poter prendere decisioni quasi in tempo reale per le loro campagne.

articoli correlati

AZIENDE

Oath presenta Oath Ad Platforms, per gestire le inserzioni in programmatic

- # # #

oath ad platform

Oath, società del gruppo Verizon che opera in ambito media e tecnologico, lancia Oath Ad Platforms, la suite che, grazie a soluzioni intelligenti, semplifica la gestione e la pubblicazione dei messaggi pubblicitari. Oath Ad Platforms integra il meglio di BrightRoll, ONE by AOL e Yahoo Gemini in un’unica soluzione che permetterà a inserzionisti e publisher di raggiungere più facilmente i propri obiettivi di crescita.

“Oath Ad Platforms è il frutto di anni di esperienza nella creazione di soluzioni pubblicitarie di altissimo livello supportate da dati e concepite per contribuire allo sviluppo dei brand,” spiega Tim Armstrong, CEO di Oath. “Abbiamo accorpato gli asset migliori delle nostre piattaforme e le abbiamo integrate con nuove funzionalità per portare inserzionisti e publisher al raggiungimento di risultati importanti. Oath Ad Platforms è un esempio concreto del nostro costante impegno a promuovere innovazione e soluzioni all’altezza delle attuali sfide della pubblicità digitale”.

Oath Ad Platforms for Marketers, supportata da una DSP, da un marketplace native e da ad exchange, fornisce agli inserzionisti gli strumenti e i dati necessari per acquistare in funzione delle proprie necessità e raggiungere i consumatori in modo intelligente.

  • DSP: la DSP dà accesso al patrimonio di dati di prima parte – affidabili ed esclusivi – di Oath e a dati di terze parti. Collegata a oltre 40 ad exchange globali, offre accesso esclusivo a un inventory brand-safe attraverso AOL, Yahoo e altre property gestite da Oath. Oltre all’inventory display e video, gli inserzionisti DSP possono usufruire anche di nuove funzionalità di targeting per annunci native, potenziando così le proprie strategie media. AdLearn, il motore di ottimizzazione di Oath basato su machine-learning, è ora disponibile in tutta la regione EMEA.
  • Native Marketplace: questo marketplace consente a inserzionisti e centri media di mostrare i propri annunci in una modalità sempre più apprezzata dal pubblico e di ottenere così un maggiore coinvolgimento e campagne più efficaci. L’inventory native è disponibile a livello globale. Formati in-stream altamente mirati e flessibili consentono ai consumatori di scoprire, interagire ed effettuare transazioni con i brand attraverso le property di Oath e attraverso i siti premium dei partner presenti nel network.
  • SSP & Ad Exchange: L’accesso via programmatic all’inventory di Oath prevede controlli che garantiscono a inserzionisti e centri media brand safety e fraud protection, e consente di metterli in contatto con un’audience esclusiva che offre comprovate performance.

Oath Ad Platforms for Publisher è un’ampia suite di soluzioni dedicate agli editori che hanno un focus particolare su multicanalità e video, ai broadcaster e agli sviluppatori di app grazie all’offerta Flurry, un pacchetto di strumenti che permette ai publisher di accedere alla domanda di spazi che Oath raccoglie dai principali advertiser.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Gli AD di tutto il mondo si presentano al Salone del Mobile con un nuovo logo più grande

- # # #

AD

AD, punto di riferimento mondiale per l’architettura e l’interior design, si presenta all’appuntamento del Salone Internazionale del Mobile di Milano con una novità: un logo più grande e condiviso da tutte le 10 edizioni internazionali del magazine (ultime in ordine di apparizione, Cina, India e Middle East). Il nuovo logo infatti sarà alto 62 mm rispetto ai precedenti 35 mm e inserito nella foto di copertina.

Quello che non tutti sanno è che questo nuovo logo ha una storia tutta italiana. La rivista nacque infatti come Architectural Digest negli Stati Uniti nel 1920, e la prima edizione in un’altra lingua fu nel 1981 quella italiana, lanciata dall’attuale direttore Ettore Mocchetti proprio con l’acronimo AD invece che la scritta per esteso. Acronimo che anche l’edizione statunitense ha adottato di recente.

“Come ogni anno”, dice Mocchetti, “il numero di Aprile di AD è, per una gran parte, una sorta cronaca “anticipata” del Salone del Mobile. Un evento che attira a Milano centinaia di migliaia di persone e riaccende ogni volta l’interesse per l’arredamento e il furniture design, e per una settimana rende la metropoli lombarda la capitale life style del mondo occidentale. Quale migliore occasione per presentare la nuova copertina di AD con l’immagine a tutta pagina e il logo, da noi inventato 37 anni riformulato nelle misure? Quale miglior opportunità per testare il suo appeal?”.

Il numero di AD aprile, in edicola da sabato 14 con oltre 500 pagine e due cover, una delle quali con il logo laminato oro, è dedicato al Salone Internazionale del Mobile di Milano. A introdurlo due interviste rispettivamente a Emanuele Orsini, presidente di Federlegno, e a Claudio Luti presidente dell’ente che organizza la manifestazione. Come tutti gli anni AD è l’unico magazine di interior design che presenta ai suoi lettori le “Anteprime” delle novità del Salone (oltre 200 pezzi), arricchite da un capitolo intitolato “Le Esclusive” dove si presentano oltre venti tra mobili e accessori la cui comunicazione editoriale è stata affidata dalle aziende in esclusiva ad AD. Nel numero si dà conto anche di alcuni anniversari di noti brand dell’arredamento e si festeggiano i 50 anni di pezzi ormai classici del design italiano. Il cuore del numero restano però le case: sei nuovi e immaginifici “interni milanesi” che mostrano l’evoluzione, tra innovazione ed eleganti richiami dal passato, del gusto dell’arredamento contemporaneo. E, in esclusiva per AD, la visita al nuovo ristorante, caffè e pasticceria di Carlo Cracco in Galleria Vittorio Emanuele II a Milano. Un numero eccezionale, da collezione a cui si affianca, in regalo, lo speciale AD Outdoor, una vera e propria rivista che passa in rassegna il mondo del giardino e del plein-air incontrando gardener famosi e mostrando ville, parchi, installazioni d’arte nel verde e le proposte delle aziende per vivere meglio all’aria aperta.

articoli correlati

AZIENDE

nugg.ad entra in Sud Africa al fianco di SouthernX con il suo real time targeting

- # # # #

Il premium Marketplace privato SouthernX e nugg.ad, specialista nella gestione degli smart data e dell’advertising digitale, hanno firmato un accordo di partnership strategica in Sud Africa. SouthernX da così modo agli investitori di acquistare spazi pubblicitari sui prodotti premium dei publisher dell’Africa subSahariana in modalità RTB, valorizzati dalla possibilità di implementare analitiche in tempo reale. Grazie all’accordo, inoltre, SouthernX commercializzerà il proprio portafoglio di siti utilizzando la tecnologia di machine learning fornita da nugg.ad, che include capacità previsionale, misurazione del brand engagement e brand optimization

“L’ingresso in Sud Africa rappresenta per noi un passo significativo, e siamo felici di farlo avendo SouthernX come partner”, ha commentato Stéphane Printz, Director Sales & Business Development di nugg.ad. “Insieme possiamo offire al mercato africano soluzioni di targeting efficienti e versatili, unite alla nostra consulenza e ai nostri servizi certificati di data protection. Come azienda, infatti, ci impegniamo affinché la privacy degli utenti sia sempre protetta secondo le stringenti norme europee: non usiamo mai dati identificativi personali, quali il nome, l’indirizzo, la mail o il codice IP”.

articoli correlati

MEDIA

AD-Architectural Digest inaugura ADtoday

- # # # # # # #

In occasione del Salone Internazionale del Mobile 2013, AD-Architectural Digest, il mensile di Condé Nast dedicato all’architettura, all’arredamento e al design, ha inaugurato il quotidiano online ADtoday.

adtoday.it si presenta con una struttura da newspaper in chiave web, che raccoglie i contenuti e gli avvenimenti principali del Salone del Mobile e, successivamente, tutti gli appuntamenti che ruotano intorno al mondo del design e del lifestyle.

adtoday.it è un sito responsive che si adatta alla grandezza dello schermo da cui si guarda il contenuto e offre una versatilità d’utilizzo “multidevice” con la possibilità di commentare, condividere e postare sui propri social network preferiti le notizie di adtoday.it.

Grazie alla funzione iOS “salva sulla Home” e a un plug-in della piattaforma è possibile salvare su iPhone e iPad il proprio bottone personalizzato, rendendo il sito ancora più appetibile e competitivo. Sulle edizioni cartacee di AD sarà presente un codice QR che, inquadrato con la fotocamera di uno smartphone o di un tablet, porterà direttamente su ADtoday.

Poliform è il primo partner che ha personalizzato l’home page il primo mese del lancio.

articoli correlati