AZIENDE

“La scuola salva la vita”: Abbà onlus toglie i bambini dalla strada a San Paolo del Brasile

- # # #

60 bimbi di San Paolo del Brasile avranno quest’anno la possibilità di lasciare la strada in cui vivono per frequentare una scuola e un centro sociale dove riceveranno un’educazione e una formazione adeguate alla loro età e alle loro singole attitudini. Sarà Abbà onlus a rendere possibile questo cambiamento, offrendo un percorso di studi a questi ragazzini in difficoltà economica e familiare accolti nella Casa Sao Josè – centro situato nel difficile quartiere di Santa Cecilia che ospita nel complesso 260 minori – e a cui verrà data la possibilità di frequentare un percorso socio-educativo personalizzato all’interno del Colegio Graphéin (dedicato in particolare ai giovani con disturbi psicosociali e con difficoltà di apprendimento).

60 bambini non pare un numero significativo nel complesso dei 700mila minori brasiliani in età scolare che non hanno accesso all’istruzione*, e invece sono 60 bambini salvati dalla strada, che potranno imparare a leggere e scrivere e dotarsi degli strumenti per capire quali siano le loro qualità e capacità peculiari, necessarie per affrontare il mondo del lavoro e quindi sopravvivere. Per rendere possibile questo progetto, Abbà ha avviato la campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi “La scuola salva la vita”: dal 22 giugno al 6 luglio con un SMS solidale al numero 45509 si contribuisce con 2 euro a rendere concreto il progetto educativo per questi ragazzi.

In 20 anni di attività, Abbà onlus ha permesso a più di 1000 ragazzini di diplomarsi. Sempre nella convinzione che ogni bambino sia unico e speciale, e come tale vada seguito.

L’attività di Abbà onlus parte dal Brasile – dove nel 2005 è stata fondata Abbà Brasile che coordina i progetti attivi sul territorio – e si estende anche al Camerun, Filippine, India, Pakistan, oltre che in Italia. In questi Paesi Abbà si occupa di educazione scolastica e umana di bambini in condizioni di povertà e disagio economico, sociale e culturale attraverso programmi di sostegno a distanza e progetti di formazione in loco, collaborando con partner locali che permettono di seguire da vicino i ragazzini dalla materna fino al termine della scuola dell’obbligo.

* fonte: Inep, Instituto Nacional de Estudos e Pesquisas Educacionais

articoli correlati