NUMBER

Nielsen: il 2014 chiude a 7,6 miliardi (-0,4%) includendo “tutto” il digital

- # # #

Doppi i numeri presentati stamattina da Alberto Dal Sasso, Advertising Information Services Business Director di Nielsen, nella conferenza stampa di sintesi dei dati sugli investimenti media del 2014.

Un primo set di dati, infatti, è relativo al perimetro del mercato corrispondente ai numeri pubblicati mensilmente sulla base dei dati forniti dalle concessionarie, il secondo invece include anche quella quota di digital che spazia dal search al video, al social advertising e stimato sulla base di un survey che ha coinvolto un panel di oltre 900 aziende. Decisamente significativo il divario: il comparto digital passa infatti dal 6 al 24% di quota di mercato, mentre in valore assoluto sfiora gli 1,9 miliardi.
Guardando al mercato nella sua versione “ristretta”si nota comunque che “il 2014 2014 chiude a -2,5%, in perdita di 158 milioni rispetto al 2013 che si era chiuso a –‐12,3% rispetto all’anno precedente”, sottolinea Dal Sasso. “Il decremento del 2014 è il più contenuto degli ultimi quattro anni, ma se aggiungiamo le stime degli investimenti sulla totalità del digital che attualmente non misuriamo mensilmente, vale a dire video, social e search advertising, il mercato chiude a –‐0,4% sulla stesso perimetro allargato al total digital del 2013”.
“E’ l’anno della svolta: il 2015 parte con i migliori auspici per il mercato pubblicitario, ci sono segnali incoraggianti di ritrovata fiducia nella ripresa economica italiana”, dichiara il Presidente dell’UPA Lorenzo Sassoli. “Prevediamo un aumento degli investimenti nel 2015 fra il +1% e +2%, con una conferma del trend di ripresa degli investimenti registrato lo scorso anno”

Più prudente è invece Dal Sasso, che rimanda al mese di marzo la previsione per l’anno in corso. “Gennaio non sembra avere dato segnali confortanti, ma è presto per sbilanciarsi”, precisa infatti, “perché il trend degli ultimi mesi aveva dato buone speranze. Le nostre previsioni sono ancora intorno alla “quota zero” per il 2015 in attesa di capire se i tre “capisaldi” della crescita –‐ quantitative easing, debolezza dell’euro e calo del prezzo del petrolio –‐ avranno un effetto positivo sull’economia reale”.
“Il mercato pubblicitario italiano ha chiuso il 2014 con un pareggio (-0,4%), esattamente come avevamo previsto a metà anno in occasione dell’Assemblea degli investitori”, aggiunge il Presidente UPA. “Se si pensa al calo a due cifre con cui si è chiuso il 2013, e a tutto il pessimo quinquennio precedente dall’autunno del 2008, si tratta di una performance considerevole. In linea, del resto, con altri segnali ancorché embrionali di crescita (occupazione, produzione industriale, consumi) che stanno caratterizzando questi primi mesi del 2015”
Relativamente ai singoli mezzi, la TV chiude l’anno a -0,5%, seppur con i tipici andamenti differenti al suo interno. Oltre alle performance positive legate agli eventi sportivi dell’estate, si distinguono per crescita anche i mesi di marzo e novembre.
I lievi segnali di ripresa che arrivano dalla stampa nel mese di dicembre consentono a quotidiani e periodici di chiudere il 2014 con un calo rispettivamente del -9,7% e del –‐6,5%.
La radio conferma gli andamenti positivi degli ultimi mesi e, grazie a un dicembre in crescita, ha chiuso il 2014 a -1,8%, in leggero miglioramento rispetto al totale mercato.
Anche internet, relativamente al perimetro attualmente monitorato, mostra una crescita nel mese di dicembre, attestandosi a +2,1% per tutto il 2014, che diventa + 7,6% se si allarga il perimetro dell’analisi alle categorie non abitualmente monitorate.
Il cinema e il direct mail confermano l’andamento negativo, seppur in misura differente, perdendo rispettivamente il 18,2% e il 4,5%.
L’outdoor, insieme al web, è l’unico mezzo in controtendenza, grazie a una crescita del +3,2%.
“Il 2014 è stato un anno di transizione e di stabilizzazione del mercato – conclude Dal Sasso – soprattutto se guardiamo al trend di medio/lungo periodo, che ci può far parlare di una ripresa seppur su basi e valori assoluti di investimento più contenuti rispetto al passato. In termini di valori reali e nominali, si tratta degli stessi valori di fine anni 90, anche se allora si era verso la fine di un ciclo di crescita che sarebbe culminato nel 2000”.

articoli correlati

NUMBER

Osservatorio FCP-Assointernet: crescita a due cifre a dicembre 2014: +14,5%

- # # # #

Crescono a doppia cifra web, mobile e tablets, rispettivamente del 14,5%, del 19,7% e del 31,5%. In controtendenza nei dati FCP-ASSOINTERNET le smart tv che registrano un secco -61%, segno della difficile affermazione della nuova piattaforma. Su base annua, la crescita si attesta su un positivo +1,2%. Sensibile la penetrazione del mobile che continua a imporsi, portando la crescita anno su anno a +23,4%, dopo dodici mesi di continua espansione di ricavi.

Commentando i dati, il presidente Roberto Zanaboni sottolinea che “Il 2014 si chiude per Internet con lo straordinario risultato di Dicembre che registra un incremento del +14,5% sullo stesso mese del 2013, relativamente al perimetro monitorato da FCP-Assointernet. Per entità degli investimenti pubblicitari Dicembre è il mese più rilevante e la crescita a due cifre consolida ulteriormente il segno più del totale anno, portandolo a +2,1%. Un risultato indiscutibilmente positivo. Dicembre e Giugno, l’anno dei mondiali, sono stati i mesi a maggior tasso di crescita, testimonianza della fiducia che gli investitori ripongono nel mezzo come importante strumento di vendita. Inoltre, in una situazione complessiva di mercato destinata a chiudersi in flessione Internet aumenta la propria quota sul totale investimenti pubblicitari. ”.

articoli correlati

NUMBER

FCP-AssoInternet: a novembre il fatturato si impenna. Modesta la crescita nell’anno

- # # # #

Con una crescita percentuale a novembre del 5,6% sullo stesso mese del 2013, il fatturato pubblicitario comunicato da FCP AssoInternet torna a crescere sensibilmente, dopo un settembre in flessione e un ottobre sostanzialmente stabile. L’incremento è stato sostenuto in particolare dall’exploit del Mobile (+41,2%) e – pur con valori assoluti più modesti – da SmartTv e Console (+19,8%), mntre il Web, con il suo +4,4%, si è mosso peggio del mercato. Praticamente nullo il contributo dei Tablet (+0,7%). Su base annua, tuttavia il mercato si avvia alla chiusura 2014 praticamente in pareggio: +0,7% il fatturato totale comulato a fine novembre.

“A Novembre la performance delle Concessionarie rilevate da FCP-Assointernet è nel complesso particolarmente positiva: +5,6% gli investimenti su Internet rispetto allo stesso mese del 2013″, ha commentato Roberto Zanaboni, Presidente di FCP-AssoInternet. “Il progresso più significativo lo fa registrare ancora una volta il mobile ma la crescita riguarda tutti i device. Anche se i bilanci finali si faranno a chiusura d’anno, per il mezzo Internet il dato di Novembre rafforza le prospettive di un 2014 in incremento. Un risultato da non sottovalutare alla luce delle attuali turbolenze del mercato”.

articoli correlati

AZIENDE

Adobe chiude l’anno in crescita, a 4,1 miliardi di US$, e compra Fotolia

- # # # # # #

Continua la fase di trasformazione del modello di business di Adobe, che, pur in un momento delicato di cambiamento, sta determinando effetti positivi sui bilanci.

I risultati finanziari del quarto trimestre e dell’anno fiscale 2014 (terminato il 28 novembre 2014) resi noti ieri vedono infatti i ricavi salire a 1,07 miliardi di dollari nel trimestre citato (l’anno scorso si erano fernati a 1,04 miliardi), mentre nell’arco dei dodici mesi le revenue di Adobe hanno raggiunto a i 4,147 miliardi, rispetto ai 4,055 del 2013.
“Il 2014 è stato un anno formidabile”, ha commentato Shantanu Narayen, Presidente e Ceo dell’azienda. “L’adozione del Creative Cloud ha superato ogni aspettativa, mentre l’Adobe Marketing Cloud, già leader nel comparto delle soluzioni per il digital marketing, continua ad “arruolare” tra i clienti i più grandi brand, insieme alle maggiori agenzie e media company mondiali”.
Sempre ieri è arrivata la conferma ufficiale dell’acquisizione, da parte di Adobe, di Fotolia, il grande marketplace di fotografie, immagini e video royalty-free. Valutata circa 800 milioni di dollari “cash”, Fotolia sarà integrata nel Creative Cloud, fornendo in tal modo agli attuali oltre 3,4 milioni di utilizzatori l’accesso a più 34 milioni di foto e video, semplificando e accelerando così il processo di realizzazione creativa. Nel contempo l’acquisizione conferma il ruolo del CC come vero e proprio marketplace, dove i creativi possono vendere o acquistare asset e servizi, oppure ancora mostrare il proprio talento a una audience globale, grazie anche a strumenti quali il Creative Talent Search.

articoli correlati

NUMBER

Audiweb: a ottobre sono stati 28,8 milioni gli utenti unici di Internet in Italia

- # # # #

Sono stati diffusi oggi i dati Audiweb relativi ad ottobre 2014. La total digital audience del mese è risultata essere costituita da 28,8 milioni gli utenti unici mentre sono 21,5 milioni coloro che si sono collegati a internet nel giorno medio.

A titolo di raffronto, ricordiamo che la prima total digital audience rilevata, relativa al primo trimestre 2014, registrava 19,8 milioni di utenti nel giorno medio.
Sempre a ottobre, invece, sono stati 19 milioni gli utenti unici (18-74 anni) che hanno navigato su internet almeno una volta nel mese da device mobili (smartphone e tablet), collegati per 43 ore e 36 minuti per persona. Nel giorno medio i “surfer” mobili hanno raggiunto i 16,6 milioni, con unn tempo medio online di 1 ora e 37 minuti a testa, a fronte di un accesso alla rete da desktop che ha registrato 12,9 milioni di utenti (dai 2 anni in su), collegati in media per 1 ora e 10 minuti.
Guardando invice alla suddivisione per età e gender, si nota nel giorno medio ad ottobre risultano online 11,5 milioni di uomini (il 42,7% degli uomini dai due anni in su) e 10 milioni di donne (il 37% delle donne). Queste ultimo hanno però dedicato più tempo alla fruizione di internet da mobile (1 ora e 46 minuti) superando gli uomini che hanno fatto registrare 1 ora e 29 minuti di mobile web.
Ma è tra i giovani di 18-24 anni che si conferma ancor più la preferenza dei device mobili per accedere alla rete, con 2 ore spese online nel giorno medio da mobile e 56 ore e 45 minuti nel mese.

articoli correlati

AGENZIE

Antevenio Italia: due milioni nel primo trimestre. Più 250.000 euro sul 2013

- # # # # #

Antevenio Italia vede l’inizio del 2014 in chiave nettamente positiva: l’azienda, attiva nella pubblicità online e nel marketing interattivo, con sede a Milano, ma parte di un gruppo presente anche a Madrid, Barcellona, Londra, Parigi, Mexico DF e Buenos Aires, ha infatti chiuso il primo trimestre 2014 con un fatturato di oltre 2 milioni di euro, in crescita di 250 mila euro rispetto al primo trimestre 2013.

Si tratta di un traguardo positivo in numeri assoluti e ancor più se messo in relazione al calo degli investimenti online, che hanno chiuso il periodo cumulato gennaio-febbraio a –6,3% rispetto allo stesso periodo del 2013 (fonte: Nielsen – FCP – Assointernet).

“È un risultato decisamente importante”, conferma Simone Sicuro, AD di Antevenio Italia (nella foto), “che conferma la bontà del progetto Antevenio oltre che la qualità del nostro team. Siamo fiduciosi di proseguire su questa strada e di chiudere il 2014 con il segno positivo, anche in previsione di molte interessanti novità che abbiamo in cantiere e ci apprestiamo a lanciare sul mercato, come una piattaforma di gestione delle campagne di email marketing dedicata alle PMI, che consentirà di rafforzarci ulteriormente nel mercato delle piccole e medie imprese”.

articoli correlati

AZIENDE

Teradata Connect 2014: appuntamento il 3 e 4 giugno con marketing e mobile

- # # # # # #

Saranno oltre 1200 tra CMO, senior e digital marketer i partecipanti a Connect 2014, conferenza paneuropea di Teradata, azienda specializzata nelle soluzioni per l’analisi dei dati, nelle applicazioni di marketing e nei servizi di consulenza alle aziende. Un appuntamento giunto alla sua nona edizione, che prendere il via il 3 e 4 giugno a Londra nella spettacolare cornice dello Stamford Bridge, sede del noto Chelsea Football Club. Due giorni per scoprire le ultime tendenze e best-practice sul mobile e social-marketing, sull’automazione di marketing e sulla gestione di campagne omni-canale. Responsabili marketing e personalità innovative provenienti da alcuni dei più famosi brand, tra cui Nokia, E.ON e Lloyds Banking Group, oltre che esponenti digital di un certo rilievo di Google, Facebook e Teradata Marketing Applications saranno, invece, i protagonisti dell’evento.

Il 3 e il 4 giugno, Teradata Connect 2014 riunirà alcuni tra i personaggi più innovativi del settore e i brand più famosi in tutto il mondo. Casi applicativi e storie di successo saranno la prova di come i marketer sono in grado di potenziare la propria strategia di marketing data-driven integrando canali e risorse adatte a convolgere i clienti in maniera sempre più stretta e profonda. Volker Wiewer, Vice President International for Marketing Applications di Teradata dichiara: “Connect 2014 sarà l’occasione per più di 1200 esperti di marketing di comprendere come il marketing data-driven in modalità cloud può rendere il business più efficiente e più remunerativo. Non vediamo l’ora di farci emozionare e ispirare da aziende leader mondiali e innovative come Facebook e Google oltre che di conoscere il segreto del successo di E.ON, Lloyds e Nokia. Sono convinto che i nostri ospiti lasceranno la conferenza carichi di entusiasmo e di spunti strategici per affrontare le sfide future”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Cannes Lions 2014: resi noti i primi nove Presidenti di giuria

- # # # # #

L’organizzazione della 61^ edizione del Cannes Lions International Festival of Creativity hanno svelato oggi i nomi di nove presidenti di giuria. “Nella nostra qualità di maggior evento mondiale di celebrazione della creatività in comunicazione in tutte le sue declinazioni”, ha commentato Philip Thomas, CEO di Lions Festivals, “siamo lieti di dare il benvenuto a questi straordinari professionisti, che guideranno le giurie a mettere in piano l’innovazione trasversalmente all’intera industry”. Qui di seguito l’elenco dei Presidenti, con una breve citazione che sintetizza il loro approccio operativo al ruolo.

 

Creative Effectiveness Lions

David Sable, Global Chief Executive Officer, Y&R

“In quest’epoca che va strutturandosi interno al “dato”, va prendendo piede l’opinione che la pubblicità non sia rendicontabile. Nulla di più lontano dal vero”

Cyber Lions

Susan Bonds, co-founder and CEO, 42 Entertainment, USA

“Mentre i Cyber Lions entrano nel 2014, è stimolante vedere come nuove categorie emergano per abbracciare la realtà dei nuovi ruoli che il digitale assume nella quotidianità, nell’elaborazione creativa e nell’innovazione”

Film Lions

Amir Kassaei, Chief Creative Officer, DDB Worldwide

“È un grande onore e una pesante responsabilità presiedere la giuria di una delle categorie più importanti di Cannes. Mi attendo di esaminare molte gradi realizzazione, che fisseranno l’asticella qualitativa del comparto per il prossimo futuro”.

Innovation Lions

Tom Bedecarré, Chairman, AKQA and President, WPP Ventures

“Per infondere eccellenza creativa nella comunicazione c’èsempre più bisogno di implementare nuove tecnologie. Apps, tools, hardware, software piattaforme concorrono a dare nuovi volti alla creatvità in ambito tecnologico”.

Media Lions

Matt Seiler, Global CEO, IPG Mediabrands

“Diventa sempre più arduo trovare il tempo per far tutto, circondati dagli eccitanti avvenimenti del Festival, ma non vedo l’ora di sprofondarmi in mezzo ad alcuni dei migliori piani media al mondo”.

Outdoor Lions

José Miguel Sokoloff, President, Lowe Global Creative Council & Co Chairman and CCO Lowe SSP3 Colombia

“L’outdoor è oggi probabilmente il comparto dove vedono la luce molte delle migliori idee creative. Sto già pregustando il piacere di scoprile, analizzarle e premiarle”.

Promo & Activation Lions

Susan Credle, Chief Creative Officer, Leo Burnett, USA

“Guardando ai vincitori di questa sezione dell’anno scorso, vedo che hanno guadagnato Leoni anche nel Film, Outdoor e Titanium. A conferma che le grandi idee “media neutral” sono le più moderne e le più coinvolgenti”.

Radio Lions

Tony Hertz, Proprietor and Creative Director, Tony Hertz: Radio & Brand Sound, Filippine

“Per un professionista che ha lavorato sui radiocomunicati per tanti anni come il sottoscritto, è una vera sfida premiare pubblicità non solo fresche, creative e impattanti, ma che sono anche impeccabilmente concepite e realizzate per questo media unico nel suo genere”.

Titanium & Integrated Lions

Prasoon Joshi, Chairman, CEO and Chief Creative Officer, India & South Asia, McCann Worldgroup

“I Titanium Lions raggruppano nella loro giuria una selezione di alcuni dei personaggio più celebri ed eclettici del nostro mondo, capaci di fissare nuovi benchmark nella vision della comunicazione”.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Un anno in compagnia del Gruppo Poste Italiane. Firma McCann.

- # # # #

Un racconto lungo 12 mesi. Poste Italiane presenta l’edizione 2014 del calendario del Gruppo realizzato con il supporto creativo dell’agenzia McCann. Una narrazione fatta soprattutto di persone, attenzione alle esigenze dei cittadini, offerta di servizi tradizionali e insieme all’avanguardia, un mondo vitale che ruota attorno al microcosmo dell’Ufficio Postale.

Il protagonista è il visionario Mario che trasforma gli Uffici Postali in altrettanti luoghi avventurosi, pieni di personaggi e situazioni che assumono connotati epico-mitologici, svelati in rima come una Divina Commedia in miniatura.  A firmare gli scenari fiabeschi di questo viaggio è l’artista Matteo Giuntini.

Il Calendario è stato ideato dall’art director, Alan Dindo, e dalla copywriter Valeria Raimondi, sotto la direzione creativa di Alessandro Sciortino e sarà distribuito negli Uffici Postali di tutta Italia con una tiratura di 500 mila copie. Hanno lavorato al progetto Moony Cusano – Account Director, Giorgia Damiani – Account Supervisor e Ilaria Rocca –
Senior Account.
La stampa è stata realizzata da Postel, Società del Gruppo Poste Italiane.

 

 

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Ritorna Gazzenda, l’agenda realizzata da Zampediverse e La Gazzetta dello Sport

- # # # # #

Si scrive Gazzenda si pronuncia novità, freschezza, trendsetter, talentscout. Ma anche ironia. Piacere. Divertimento. Passatempo. Sorrisi. Filosofia. La Gazzenda è tra le big della libreria, ormai da più di dieci anni. L’agenda-diario nata nella redazione della Gazzetta dello Sport e dalla poliedrica agenzia Zampediverse oggi ha una personalità e un carattere che hanno conquistato il cuore dei ragazzi cui è dedicata.

Gazzenda torna in libreria e cartolibreria per il suo 14esimo anno e ha tanti personaggi nuovi che si mescolano a quelli storici e sostituiscono quelli diventati ormai troppo grandi (finiti in TV o raccolti in libri tutti loro), una sorta di x-factor
delle agende per gli autori e i disegnatori.

Tra gli autori più famosi e storici, Ferro e Biggio de I SOLITI IDIOTI, Daw con il suo “LOVE” e “IL PAPERO DEL GIAPPONE”, Rx, Toninelli e molti altri.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Uma Thurman è la protagonista del Calendario Campari 2014 Worldwide Celebrations

- # # # # # # #

È Uma Thurman la star del Calendario Campari 2014, dietro l’obiettivo dell’affermato fotografo di moda Koto Bolofo. La bellissima attrice è la protagonista dell’edizione 2014 del Calendario, intitolata “Worldwide Celebrations”. 14 scatti dedicati ai festival delle culture del mondo. Con questo nuovo ed intrigante fil rouge, reinterpretando ogni celebrazione con passione, stile e carisma, Campari vuole interpretare e condividere le culture di ogni angolo della terra.

Koto Bolofo è il fotografo chiamato a realizzare il celebre Calendario Campari, ormai giunto alla sua quindicesima edizione. Nato in Sudafrica, cresciuto in Gran Bretagna e al momento residente in Francia, Bolofo è un vero e proprio cittadino del mondo, capace in questo senso di incarnare il tema del Calendario ancora più in profondità. Bolofo è rinomato per l’intensità dei suoi ritratti, l’originalità dei suoi servizi di moda e i numerosi cortometraggi. I suoi scatti sono stati pubblicati su diverse pubblicazioni di alto profilo, tra cui Vogue, Vanity Fair e GQ, e ha realizzato campagne pubblicitarie per marchi di lusso come Louis Vuitton e Dior.

Bob Kunze-Concewitz, CEO del Gruppo Campari, spiega : “Il Calendario Campari è pronto a continuare quest’anno sulla stessa impareggiabile scia, con l’obiettivo di dare luce ad un immaginario sempre più fresco e stimolante. Ancora una volta si tratta di superare i propri limiti per spronare l’immaginazione attraverso un viaggio all’insegna della scoperta che esplorerà una celebrazione del mondo per ogni mese: il tema scelto quest’anno non avrebbe potuto essere più appropriato. Con questo obiettivo, non vediamo l’ora che arrivi il momento di presentare, tra qualche mese, il Calendario 2014”.

articoli correlati

NUMBER

Zenith Optimedia: global adv spending in crescita. Nel 2015 +5,6%

- # # # # # # # #

Rese note oggi le previsioni di ZenithOptimedia circa gli investimenti mondiali in comunicazione. Con una modesta revisione al ribasso, l’ufficio studi del centro media stima che il 2013 chiuderà presentando una crescita a livello globale del 3,9%, toccando i 430 miliardi di dollari di spending. Rimangono invece inalterate le attese relative al biennio seguente, che vedono una crescita del 5% nel 2014 e del 5,6% nel 2015. Motore della crescita sono internet, che presenterà un incremento del 14,4% alla fine di quest’anno (contro l’1,6% dei media classici), e i Paesi emergenti, che nello stesso periodo metteranno a segno un incremento dell’8,2%, rispetto all’1,8% dei mercati “maturi”.

All’interno di internet, il segmento a più rapida sviluppo sarà il display, in media +20% l’anno, spinto dai video online e dal social media advertising, entrambi con dinamiche sopra il 30%. Notevoli anche le performance del paid search, con una tasso medio annuo di sviluppo del 13% nel triennio.
A conferma dell’articolazione delle dinamiche su base geografica, si nota che – benché gli Usa diano sempre il maggior contributo singolo alla crescita (28% dell’incremento previsto di 76 miliardi di dollari nel triennio), sono i mercati emergenti, nel loro complesso, a fare la parte del leone, con una quota del 63% sul totale dello spending addizionale. La situazione si riflette anche nella classica degli Stati, che – se da un lato conferma per il 2015 le attuali prime quattro posizioni a USA, Giappone, Cina e Germania, vede il Brasile salire al quinto posto, scavalcando la Gran Bretagna, e la Russia entrare al settimo, mentre il Canada esce dai Top Ten.
Quanto all’Europa, che nel suo complesso è attesa da perfomance modeste, il Report di ZenithOptimedia la considera divisa in due parti: Northern & Central Europe e Peripherical Europe (di cui fanno parte Italia, Irlanda, Grecia, Spagna e Portogallo. La prima area dovrebbe rimanere sostanzialmente stabile quest’anno (+0,2%) e crescere del 2% annuo circa nel prossimo biennio. La seconda invece sarà ancora in area negativa (-6,6%) nel 2013, per stabilizzarsi l’anno seguente e mostrare segni di recupero (+3%) solo nel 2015.

articoli correlati