AZIENDE

Nestlé celebra i suoi 150 anni: dalla farina lattea alla ricerca nutrizionale

- # # # # #

Nestlé

Il Gruppo Nestlé compie 150 anni e racconta quattro ere della storia del consumo alimentare nel mondo. L’anniversario sarà celebrato anche in Italia con iniziative che mettono al centro i consumatori attraverso i brand del gruppo ed eventi per la promozione della conoscenza della nutrizione sulle nuove generazioni.

L’avvento dell’alimentazione industriale nel mondo ha una data precisa – il 1866 e due protagonisti: un giovane farmacista svizzero e un neonato. Sono giorni di tensione nel piccolo centro di Vevey in Svizzera; un bambino rischia di perdere la vita perché non può essere allattato al seno. Henri Nestlé, giovane farmacista, viene a conoscenza del caso e propone di dare al neonato la farine lactée, un preparato per lattanti da lui inventato che risulta essere l’unico prodotto che il bambino riesce a digerire – consentendogli di fatto di sopravvivere.

Siamo nel 1867. Solo un anno prima, nel 1866, la società Anglo Swiss apre in Svizzera la prima fabbrica di latte condensato, un’altra innovazione salvavita quando il latte inacidiva facilmente durante il trasporto. Due storie destinate a unirsi in una grande avventura imprenditoriale.

Negli anni a seguire, infatti, Henri Nestlé trasformerà la sua intuizione geniale in una fiorente attività che si fonderà nel 1905 con la società Anglo Swiss inventando un modello alimentare industriale del tutto innovativo e di grande importanza sociale, soprattutto per il benessere delle nuove generazioni.

Oggi il consumo di prodotti Nestlé supera il miliardo di porzioni al giorno; il Gruppo opera infatti in più di 197 Paesi e conta circa 340.000 dipendenti in organico – rimanendo fedele ai valori del suo fondatore, al suo celebre logo con il nido e alla storica sede di Vevey, in Svizzera. In Italia Nestlé è presente con 13 stabilimenti produttivi lungo tutta la penisola occupando circa 5500 persone che lavorano ogni giorno per assicurare qualità, sicurezza e gusto ai nostri prodotti.

Ma cosa mangeremo nei prossimi 150 anni? Il futuro apre prospettive entusiasmanti che vedranno sempre più stretta la connessione fra alimentazione, salute, longevità, qualità della vita. Le aziende del food rivestiranno quindi un ruolo cruciale per rendere questi progressi accessibili ad una popolazione che è destinata a crescere e ad evolvere molto velocemente.

In questo scenario, Nestlé è impegnata a supportare la ricerca scientifica applicata alla nutrizione già dal 1987 con la fondazione del Nestlé Research Center che rappresenta il motore dello sviluppo delle attività del Gruppo. Con 34 centri di R&D nel mondo – tra i quali Casa Buitoni in Italia – Nestlé costituisce oggi il più grande network privato al mondo di ricerca applicata alla nutrizione.

Da questa visione nasce nel 2011 Nestlé Health Science S.A, la realtà del Gruppo Nestlé che si colloca in un innovativo ambito, quello fra l’alimentare e il farmaceutico, per rispondere a fabbisogni nutrizionali specifici. La società infatti, sviluppa soluzioni personalizzate e avanzate con l’obiettivo di dare alla terapia nutrizionale un ruolo primario per il benessere delle persone di tutte le età.

La scienza della nutrizione apre infatti prospettive estremamente interessanti, in termine di prevenzione e miglioramento della qualità della vita. Un tema che Nestlé ha voluto approfondire e condividere con il suo pubblico con la mostra FEED your MIND!, il percorso espositivo allestito da Nestlé nel Padiglione Svizzero ad Expo 2015, che racconta i perché del cibo e della sua intima correlazione con l’uomo, la mente e le emozioni ed è stata visitata da oltre 400.000 persone durante l’ultima l’Esposizione Universale di Milano.

In occasione del 150° anniversario, il Gruppo ha scelto di far rivivere la exhibit a Roma, dal prossimo marzo, con un percorso pensato per coinvolgere soprattutto le nuove generazioni sul tema dell’importanza della nutrizione per la vita delle persone.

Per ripercorrere le tappe della storia di Nestlé e dei suoi brand vi invitiamo la leggere l’articolo su mymarketing.net.

articoli correlati

AZIENDE

Reda, 150 anni di indipendenza con una campagna firmata da Proposte

- # # # # #

In occasione del suo 150esimo anniversario Reda afferma la propria indipendenza con una campagna, firmata da Proposte, che sottolinea il carattere distintivo dell’azienda e il suo stile “fuori dal coro”.

Il claim “150 anni fuori dal gregge” infatti rimanda ai valori di Reda, produttore di tessuti alto di gamma, da sempre punto di riferimento per le maison di moda in tutto il mondo, unico e mai omologato alle regole del mercato, lontano dagli schemi e dai condizionamenti del fashion system.
Per questo importante anniversario Proposte ha dato forza al pensiero creativo scegliendo uno scatto realizzato dal fotografo Paolo Pellegrin dell’Agenzia Magnum che ha collaborato con Reda, nel quale prende forma l’anticonformismo già presente nella campagna corporate “Fuori moda dal 1865”, manifesto di indipendenza dello storico brand di tessuti all made in Italy.
Il Tone Of Voice è in linea con la cifra stilistica di Reda che, senza ostentazione, in 150 anni, ha tracciato un percorso significativo: la sua attitudine non mira a inseguire i trend quanto a mantenere salda e fiera un’espressione di moda intramontabile.
L’insight della campagna dà quindi un senso di continuità rispetto a quella precedente grazie allo spirito che Proposte racconta, cioè quello di un brand di tessuti che rappresenta un unicum nel panorama dell’alta sartoria, pregiato e indipendente quanto la sua storia produttiva.
La campagna sviluppata da Proposte prevede una pianificazione destinata alla stampa quotidiana e periodica per il mercato italiano, insieme a quello americano e cinese per cui è stato realizzato anche l’adattamento creativo.

articoli correlati

AZIENDE

Basf festeggia i 150 anni con un nuovo claim e lancia “Creator Space”

- # # # # #

Con l’introduzione, nel proprio logo, del nuovo claim “We create chemistry”, Basf vuole sottolineare l’impegno a collaborare e innovare, insieme ai suoi clienti e partner, per contribuire a un futuro sostenibile. Il nuovo claim nasce e trae ispirazione dai principi e dai valori della strategia corporate “We create chemistry”, annunciata nel 2011. “Da quando abbiamo lanciato questa strategia, Basf si è progressivamente concentrata nel fornire ai clienti prodotti e soluzioni in cui la chimica integra in modo innovativo e insolito i diversi elementi”, spiega Kurt Bock, Presidente del Board di Basf SE. “Per questa ragione è arrivato il momento di andare oltre, di passare da “The Chemical Company” al “We create chemistry”. Il nuovo claim fa riferimento non solo alla scienza chimica, ma anche alle relazioni e alle “alchimie che si instaurano fra le persone, aspetti centrali nei valori e nella comunicazione di Basf”.

Inizialmente, nel corso di quest’anno, il nuovo claim sarà utilizzato solo in alcune iniziative legate al 150esimo anniversario di Basf. A partire, poi, dal 1° gennaio 2015, il logo con il claim “We create chemistry” sarà utilizzato globalmente da tutto il Gruppo. Nessun altro cambiamento verrà invece introdotto negli altri elementi della brand identity, come ad esempio i sei colori aziendali. Sempre in linea con i principi della strategia “We create chemistry for a sustainable future” l’obiettivo di Basf, nel corso del suo anniversario, è quello di per fare confluire persone e idee in un grande processo di co-creazione.

Per dare il via a questo processo di co-creazione, Basf lancia oggi il “Creator Space”, www.creator-space.Basf.com, una piattaforma web interattiva dove clienti, mondo scientifico, semplici cittadini e persone interessate, oltre che tutti gli esperti Basf, possono condividere le loro idee e riflessioni.
Nel corso del 2015, gli spunti nati dalle conversazioni online del Creator Space saranno approfonditi, ampliati e discussi nel corso di “eventi di co-creazione” live o virtuali in tutto il mondo. Basf vuole così celebrare i suoi 150 anni mettendo l’innovazione al centro e dando contributi che durino nel tempo non solo per il proprio business aziendale, ma per l’intera collettività.

Entro il 2050, infatti, oltre nove miliardi di persone popoleranno il nostro pianeta. Sarà solo grazie all’innovazione che sarà possibile soddisfare i bisogni in materia di qualità della vita, energia e nutrizione di una popolazione in continua crescita. Basf ha identificato tre aree nelle quali la chimica gioca un ruolo centrale, tre temi che saranno al centro del programma delle celebrazioni: Urban living; Energia intelligente; e Nutrizione.
Ulteriori dettagli sul programma delle celebrazioni dei 150 anni di Basf saranno annunciati in una prossima conferenza stampa, che si terrà il 4 dicembre.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Curve Creative Studio celebra i 150 anni di Martini nell’Est Europa

- # # # # # # # #

In occasione del 150esimo anniversario di Martini e del lancio del nuovo cocktail “Martini Royale”, Curve Creative Studio ha sviluppato una speciale campagna di comunicazione rivolta al mercato dell’Est Europa.

La palla rossa, ossia l’elemento-chiave estrapolato dal logo, è stata il punto creativo centrale del RedBall project. Per richiamare l’attenzione e massimizzare l’attività promozionale “teaser”, è stata avviata una collaborazione con l’artista americano Kurt Perschke, che da oltre dieci anni riempie il mondo di gigantesche palle rosse gonfiabili, incastrandole sotto i ponti, tra i palazzi e in altri spiragli urbani inaspettati e spettacolari. La risposta positiva del mercato è andata ben oltre i confini est-europei.

Sempre nell’ambito della promozione per il 150esimo anniversario di Martini, la tag line “Luck is an attitudine” è stata coniugata in una nuova campagna di ADV BTL, chiamata “Formula 1.5.0”.

“Tenendo presente che l’anniversario e il lancio del nuovo cocktail rappresentavano i punti-chiave, abbiamo voluto una campagna che dimostrasse come il brand Martini sia sempre rilevante, in ogni occasione. Abbiamo quindi formulato frasi di 3 righe, che allineate una sotto l’altra facessero risaltare le cifre del numero 150”, spiegano dall’agenzia. “Ad esempio: 1 cocktail, 5 amazing ingredients, 0 regrets”.

La campagna ha prodotto ottimi risultati in termini di raggiungimento del target, essendo destinata a diverse attività social. In particolare, è stato chiesto ai consumatori di inventare una propria “formula 1.5.0” e di condividerla sui social network, partecipando così in prima persona alle celebrazioni di un brand iconico come Martini.

articoli correlati

AZIENDE

Bacardi celebra la fine del 150° anniversario con una capsula del tempo da aprire tra 50 anni

- # # #

Bacardi Limited termina l’anno di celebrazione del 150esimo anniversario con la creazione di una capsula del tempo commemorativa per simboleggiare l’unità, la passione e lo spirito originario dell’azienda Bacardi, brand icona nella produzione di rum. La capsula del tempo rappresenta l’immagine dell’azienda nel 2012 e contiene i messaggi degli attuali lavoratori per i futuri dipendenti Bacardi del 2062 – 50 anni da adesso – affinchè, al momento della sua apertura durante il 200esimo anniversario, si possa ricordare  la duratura eredità Bacardi.  La capsula, realizzata su misura nella grandezza di 1,82m x 0,30m, in acciaio inossidabile, rifinita con un tappo in granito e con un piedistallo di cemento, nonchè registrata all’International Time Capsule Society, è stata installata presso la sede internazionale alle Bermuda durante un evento presentato dal Presidente Facundo L. Bacardi e dal Presidente e CEO Ed Shirley dell’azienda familiare Bacardi Limited. A questo evento storico hanno partecipato i dirigenti e i dipendenti Bacardi, i funzionari del governo delle Bermuda e altre figure di spicco. Il piedistallo, abbellito con una targa di bronzo, è stato posizionato davanti alla sede centrale e attira i visitatori come il celebre edificio di Mies van der Rohe, popolare attrazione turistica dell’isola.

I dipendenti Bacardi di tutto il mondo hanno attentamente selezionato gli oggetti maggiormente simbolici di questo storico anno da inserire nella capsula del tempo. Tra i numerosi cimeli che hanno caratterizzato l’anno 2012 ci sono:
– la fotografia della straordinaria assemblea di circa 500 membri della famiglia Bacardi, rappresentanti di otto generazioni, immortalati insieme intorno al logo del pipistrello Bacardi, durante il party di Porto Rico per il 150esimo anniversario;
– la medaglia commemorativa che insignisce il rum Bacardi del titolo di “Rum più premiato nel mondo”, riconoscimento ottenuto grazie ai circa 600 premi per miglior gusto, qualità e innovazione;
– il collage delle comunicazioni, dei packaging, degli oggetti di design e promozionali premiati e commemorativi dei 150 anni del brand e dell’azienda;
– la lettera scritta nei caratteri del cinese arcaico per onorare la tradizione di omaggiare il patrimonio senza tempo, attraverso messaggi personali lasciati dai dipendenti della sede cinese accanto alle loro foto;
– i biglietti scritti a mano con messaggi da parte dei dipendenti tedeschi; – il primissimo spot tv per il rum Bacardi Big Apple in Brasile, uno dei mercati Bacardi in più rapida crescita dell’America Latina;
– il tabellone pubblicitario elettronico sull’anniversario del rum Bacardi affisso nella famosa Times Square a New York.
– un tipico oggetto africano decorato, importante simbolo culturale e sociale gallery/20121227470/aziende/la-capsula-del-tempo-di-bacardiche viene solitamente condiviso tra gli amici in Kenya, uno dei nuovi mercati in cui Bacardi si sta espandendo;
– un quarzo di origine vulcanica che, secondo una credenza uruguaiana, concilia la concentrazione e dona energia positiva – elementi importanti per perseguire nuove idee creative;
– una bottiglia di Bacardi+, cocktail lanciato quest’anno in Asia.

Per far conoscere ciò che è successo oggi a coloro che vivranno nel 2062, l’azienda statunitense ha creato un annuario con diversi elementi sociali, politici e economici del 2012 – inclusi il costo di un gallone di gas, una lista dei brani musicali più scaricati e titoli di notizie nazionali.
Per saperne di più su Bacardi e il suo patrimonio di 150 anni è possibile visitare il sito www.BacardiLimited.com/150 oppure, aspettare il 2062 quando la capsula del tempo alle Bermuda verrà aperta e rivelerà i suoi segreti.

articoli correlati