BRAND STRATEGY

Quantcast Choice: un miliardo di scelte dei consumatori abilitate il 26 luglio

- # # # #

quantcast

Quantcast Choice, la CMP (consent management platform) gratuita lanciata da Quantcast prima dell’entrata in vigore del GDPR, il regolamento europeo generale sulla protezione dei dati, avvenuta lo scorso maggio, il 26 luglio ha abilitato la miliardesima scelta di consenso del consumatore. Questo straordinario risultato segue una serie di report del settore che definiscono Quantcast Choice come la più popolare soluzione di consenso per il GDPR tra gli editori in US e in UK.

Secondo le analisi di Quantcast, più di 10.000 domini in tutto il mondo stanno utilizzando Quantcast Choice, generando un tasso di consenso medio tra i consumatori di oltre il 90 per cento. Le scelte del consumatore includono sia le opzioni di accettazione che quelle di rifiuto.
Secondo invece lo studio di Adzerk, la piattaforma di ad serving API-based, Quantcast Choice è la CMP più implementata tra i migliori siti negli Stati Uniti e nel Regno Unito. L’indagine ha esaminato i siti con maggior traffico di entrambi i mercati per identificare gli strumenti adottati per acquisire e trasmettere il consenso del consumatore per l’erogazione di pubblicità pertinente e rilevante, come richiesto dai nuovi regolamenti dell’UE. Quantcast Choice è stata classificata come la più popolare, comparendo su più siti di qualsiasi altra CMP.

“L’impatto del GDPR nel digital advertising è assolutamente profondo e rilevante non solo in Europa, ma in tutto il mondo. Ecco perché questo primo bilancio di Quantcast Choice non può che renderci estremamente orgogliosi e soddisfatti”, dichiara Ilaria Zampori (nella foto), General Manager di Quantcast Italia.

Quantcast Choice è stata la prima CMP disponibile del Transparency & Consent Framework di IAB Europa nella sua data di lancio, il 15 maggio 2018. Completamente gratuita, la piattaforma permette a editori, inserzionisti e altri proprietari di siti web di ottenere e trasmettere il consenso esplicito dei consumatori per poter erogare delle pubblicità rilevanti e dei contenti personalizzanti.

articoli correlati