AZIENDE

Criteo alla conquista del mercato con Direct Bidder: già 2mila gli editori premium

- # # #

criteo direct bidder

Criteo, ottimi i risultati per la soluzione Direct Bidder: lanciato sul mercato meno di un anno fa, il servizio è già stato adottato da 2.000 editori premium. La soluzione collega direttamente l’inventory degli editori alla domanda proveniente dall’ampio portfolio di Criteo di oltre 18.000 clienti retail e aziende a livello globale.

L’ampia adozione di Direct Bidder dimostra due chiare tendenze. Innanzitutto, gli editori desiderano un maggiore controllo sul proprio inventory e su chi può accedervi, ma allo stesso tempo aspirano a massimizzarne il valore ed eliminare le spese di terzi. In secondo luogo, gli inserzionisti ottengono grandi benefici sfruttando l’unica piattaforma di acquisto agnostica con integrazioni scalabili dirette all’editore, il che rende Criteo Direct Bidder una delle fonti di programmatic più grandi e preferite per il gruppo. Per favorire l’adozione da parte degli editori e la standardizzazione del settore, il gruppo ha ufficialmente aderito a Prebid.org, un’organizzazione indipendente progettata per garantire e promuovere un’offerta di header bidding chiara, trasparente ed efficiente in tutto il settore. In qualità di membro contribuente, Criteo si impegnerà a rendere tali integrazioni più semplici per gli editori.

“L’adozione di Criteo Direct Bidder da parte di 2.000 editori testimonia la nostra continua innovazione nello sviluppo di soluzioni di inventory per i publisher che supportano la loro monetizzazione a lungo termine e le strategie di crescita dei clienti” ha dichiarato Alberto Torre, Managing Director di Criteo Italia. “Connettendo il prezioso inventory dei nostri partner alla nostra domanda, stiamo creando uno scenario vincente per i nostri clienti e per gli editori che desiderano offrire contenuti interessanti ai lettori. Inoltre, Criteo si è unita alla community di Prebid per creare un’esperienza di header bidding semplificata per gli editori”.

AccuWeather, partner che utilizza Criteo Direct Bidder tramite Prebid, ha visto aumentare la spesa pubblicitaria del 116% anno su anno con un aumento del 57% delle impression acquistate e un aumento del 51% del tasso di successo. “Abbiamo aggiunto Criteo come nostro primo partner di header bidding all’interno di Prebid, basandoci nella scelta sulla comprovata esperienza di Criteo” ha commentato Stephen Mummey, Vice President, Programmatic Sales and Operations di AccuWeather. “I risultati sono stati finora molto positivi e abbiamo già notato un rendimento delle campagne più elevato. I rapidi tempi di risposta di Criteo Direct Bidder ci consentono di evitare la latenza, aumentando significativamente le entrate”.

Oggi le funzionalità di integrazione flessibili e senza soluzione di continuità sono fondamentali per gli editori che si trovano ad affrontare metriche di performance estremamente competitive e richieste di qualità. “Italiaonline ha scelto Prebid.js come header bidder open source in quanto soluzione aperta e neutra, includendo, fra gli altri, Criteo, partner con cui lavoriamo ormai da tempo” ha spiegato Carmine Laltrelli, Responsabile Programmatic Sales di Italiaonline. “Stiamo registrando numeri importanti e ciò di cui siamo orgogliosi è che questa crescita passa attraverso un innalzamento dell’ECPM. Se l’inventario non viene venduto a corpo, cioè a blocchi di milioni di impression indifferenziate, ma ogni impression viene invece valutata e venduta al suo valore, è evidente che il vantaggio in termini economici è e sarà sempre più consistente”.

articoli correlati