BRAND STRATEGY

Digitalization: 1.000 presenti a Milano al primo Summit italiano per i professionisti del web

- # # # # #

digitalization ballarani

Digitalization, il primo Summit italiano dei professionisti del web, si è concluso al Mariott Hotel di Milano e ha registrato un grande successo, contando mille presenze. “Moltissimi i giovani. Sono venuti da tutta Italia, dalla Puglia e Basilicata alla Lombardia e Piemonte. L’età media è stata tra i 28 e i 30 anni, sebbene vi fossero anche imprenditori di lunga esperienza. Sono stati tutti molto partecipi e curiosi. L’obiettivo di ognuno è stato quello di costruire un business 4.0”, ha dichiarato Gianluigi Ballarani, ideatore dell’evento e Ceo di Hotlead, agenzia internazionale di digital marketing. Sul palco si sono alternati professionisti di successo, operanti in vari settori del web, che hanno spiegato come creare startup digitali, ma anche come far sviluppare un business attraverso Internet. L’evento è stato organizzato da Gianluigi Ballarani e da Francesco Facchinetti, che ha fondato la più importante agenzia di Talenti nativi digitali, chiamata NeWcO Management: “La rete consente, con minimi investimenti, di realizzare un progetto valido. Ma di qualsiasi cosa si tratti, è importante creare l’empatia giusta con gli utenti”.

Oltre a questi ultimi, hanno parlato altri relatori, portando anche le loro storie, inclusi i momenti difficili da cui hanno saputo riemergere, come Francesco Sole, Youtuber, con oltre mezzo miliardo di visualizzazioni, che annovera 400 mila iscritti al suo canale Youtube ed è co-conduttore di Tu Si Que Vales. Sole ha spiegato come realizzare un libro di successo attraverso il web anche quando l’impresa sembrava molto difficile.

Sebastian Gazzarrini, diventato, in breve tempo, una WebStar e, poi, inviato de Le Iene, che conta 630.000 follower su Facebook, ha dato i rudimenti utili per creare e diffondere video efficaci attraverso i social. Alfio Bardolla, fondatore dell’omonimo Traing Group S.p.A., che si occupa di formazione finanziaria personale, con un patrimonio personale di 40 milioni di dollari, ha illustrato le modalità corrette per far crescere un’impresa, usando la rete.

È stata poi la volta di Valerio Pezzano, Ceo del network di affiliazione Executive, che gestisce più di 1000 affiliati in tutto il mondo, che ha molto incuriosito il pubblico. Ha fatto comprendere il funzionamento dell’affiliazione e ha illustrato i mezzi tecnici che permettono di moltiplicare le vendite sul web. Daniele Ratti, Fondatore e Ceo di Fatture in Cloud, piattaforma di fatturazione leader italiana nel cloud, oltre che ad essere ideatore di app di successo, ha rappresentato la creatività, la profonda conoscenza informatica e imprenditoriale che sono presenti nei prodotti da lui realizzati. Infine, Paolo Bonetti, startupper di successo, che ha presentato Delfy. Si tratta di un software estremamente innovativo che sta rivoluzionando il mondo delle analisi strategiche per le aziende. Delfy, infatti, coniuga l’acquisizione e l’elaborazione dei dati presenti sui media tradizionali e a quelli reperibili su Internet, consentendo di ricavare le informazioni utili dell’elemento che si intende analizzare.

Partendo dalla loro esperienza sul campo, gli speaker hanno trattato diversi argomenti che, insieme, hanno consentito ai presenti di acquisire i primi strumenti necessari per muoversi fattivamente nel web. I temi trattati sono stati l’influencer marketing, in cosa consiste e le modalità di lavoro utili a perseguire determinati obiettivi e il social media marketing, come funziona uno dei sistemi più efficaci al mondo di acquisizione clienti. E’ stato affrontato l’affiliate marketing , il moltiplicatore delle vendite che si trova dietro i grandi guadagni dei ragazzi poco più che teen-ager, le caratteristiche comuni che contraddistinguono le startup digitali di successo e le strategie utili che si possono adottare nell’e-commerce.

“Digitalization ha raccolto molti consensi perché le persone si stanno accorgendo che, in Italia, il web è ancora un terreno poco battuto. Nella rete esistono delle opportunità che, nel mondo offline, non esistono perché è un mercato saturo. Molti stanno capendo che non vi è crescita senza innovazione” ha sottolineato Ballarani.

articoli correlati