BRAND STRATEGY

L’Internet Festival 2017 indaga il sentiment del web nella sua 7° edizione, dal 5 all’8 ottobre

- # # # #

Internet Festival

E’ #sentiment la parola chiave della settima edizione di Internet Festival, l’evento che fa il punto sulla digitalizzazione della società contemporanea attraverso il racconto della Rete e dei suoi protagonisti. Dal 5 all’8 ottobre eventi, installazioni, preview e approfondimenti tornano a popolare la città di Pisa, attraverso decine di appuntamenti diffusi su tutto il territorio e numerosi ospiti internazionali. Al centro del programma di IF2017 le community digitali, con i loro modelli di relazione, gli interessi e le dinamiche di “un #sentiment digitale capace di dare vita a istanze sociali, far crescere movimenti culturali, rendere collettive le opinioni politiche e le sperimentazioni economiche”, affermano gli organizzatori del festival pisano. Ma anche le problematiche più attuali, a partire da fake news e post verità, sino alle controverse proposte di democrazia digitale.

Fake news, post verità e democrazia
A questi argomenti sarà dedicata una sezione specifica, Bufale, post verità e democrazia con gli interventi, tra gli altri, di alcuni tra i più noti “cacciatori di bufale” in rete come Paolo Attivissimo e Graham Brookie, i sociologi Davide Bennato e Alessandro Dal Lago, esperti di comunicazione e processi culturali come Annamaria Testa, Dino Amenduni, Massimiliano Panarari. Nell’ambito della sezione Odi@amoattesi i contributi di Luciano Spinelli, Stella Pulpo, Eleonora Olivieri, Maurizio Tesconi, Anna Akbari, Matt Stokes e Rosy Battaglia. L’esplorazione delle emozioni sarà declinata anche sotto forma di “Follia della Rete”, attraverso l’attualizzazione di Ariosto e la digitalizzazione del patrimonio letterario legato all’Orlando Furioso a cura di Lina Bolzoni, ma anche attraverso una sessione dedicata alla Digital Happyness, il lato buono del web.

Dalla privacy all’antiterrorismo
Al centro di #IF2017 anche la Cybersecurity, sia dal punto di vista del controllo di Stato, dell’Intelligence e delle operazioni di antiterrorismo, che dal punto di vista della sicurezza informatica, dei sistemi di autodifesa delle aziende, degli hacker indipendenti. Gli incontri, coordinati dalla giornalista Carola Frediani, avranno tra i protagonisti alcuni tra i maggiori esperti a livello internazionale: Alessandro Piva (Ingegneria delle Telecomunicazioni), Claudia Biancotti (Senior Economist Banca d’Italia), Matteo Flora (analista ed esperto di web reputation), Lucie Krahulcova (esperta di cybersecurity), Andrea Rigoni (“padre” del progetto di identità digitale della fondazione Poste Italiane), Nunzia Ciardi (direttrice della Polizia Postale), Fabio Massa (Investigazioni Scientifiche e Digitali) e gli hacker etici Claudio Guarnieri e Vincenzo Iozzo con un importante contributo di Emergency, che presenterà la campagna contro la guerra WARS/WAS: Potremo mai sostituire WAR con WAS?, protagonista anche di un’installazione ad alto impatto sotto la Loggia dei Banchi di Pisa.

I big data e l’impresa 4.0
Riflettori puntati, poi, sull’influenza dei Big Datanell’approccio al mercato di milioni di aziende nel mondo e sulla trasformazione manifatturiera determinata dalla produzione 4.0. Tra i relatori Vesselin Popov del Cambridge Judge Business School dove conduce progetti tra big data e psicometria applicata al business e alle community. Altri interventi di Luigi Serio, Anna Giunta,Matteo Vignoli.

articoli correlati