BRAND STRATEGY

La maturità 2017 è l’esame più social di sempre: tutti i numeri di ScuolaZoo

- # # # # #

Maturità ScuolaZoo

Quella di quest’anno è la maturità più social di sempre, secondo i numeri social post prima e seconda prova registrati da ScuolaZoo. I 505.686 maturandi di quest’anno dimostrano di essere già nativi digitali e di affidarsi senza alcun dubbio a ScuolaZoo per ricevere informazioni ed essere intrattenuti prima, magari anche durante e sicuramente dopo le prove. Sui social l’engagement era iniziato a inizio anno scolastico, con l’apertura della pagina Facebook Maturità 2017 – Tocca A Me, la pagina social dedicata ai maturandi più grande d’Italia e l’omonimo Gruppo Facebook, anch’esso il più grande d’Italia in cui scambiarsi info e indicazioni su come scrivere la tesina, come ripassare, che ha registrato il doppio delle iscrizioni rispetto al suo corrispettivo dell’anno precedente.

Dall’ultimo giorno di scuola alla prima prova i video firmati ScuolaZoo hanno registrato oltre 7 milioni di views sui quattro profili social della community: la pagina Facebook ScuolaZoo Official, il profilo Instagram e i sopracitati pagina e gruppo “Maturità 2017 – Tocca A Me”. La Notte Prima degli Esami, gli eventi sul territorio proposti da ScuolaZoo alla Darsena di Milano, in centro Firenze e sul lungomare di Portici (NA) hanno coinvolto in totale 1.500 maturandi che hanno sfogato la loro ansia pre esame insieme ad altri loro compagni di sventure. Il video degli eventi ha registrato, in un solo giorno, una reach organica di 3 milioni di persone e 1,1Milioni di views. E il giorno della prima prova e quello precedente il traffico su ScuolaZoo ha registrato una crescita y/y del +50% nel numero di accessi e del +50% nel n° di pagine viste. Il live della giornata ha avuto 50 aggiornamenti con contenuti ad hoc + altri 40 articoli redatti a supporto degli studenti, comprensivi di tutte le tracce svolte.

Sui social si è registrata una reach di 6.375.983 utenti e quasi 1,3 milioni di interazioni sui 28 post dedicati ai maturandi. La seconda prova ha visto il sito ScuolaZoo.com registrare una crescita y/y del +36% nel numero di accessi e del +25% nel numero di pagine viste. Il live della giornata ha avuto 70 aggiornamenti, fra cui il primato di aver dichiarato per primi l’autore e il titolo della traccia per i licei classici (versione di latino di Seneca) alle 8:33 del mattino. Alle ore 8:40 la pubblicazione della prima traccia e alle 9:05 la prima pubblicazione dello svolgimento di una delle tracce, a cui si sono aggiunti gli altri 50 articoli a supporto degli studenti. Sui social si è registrata una reach di 7.269.977 utenti e quasi 1,6 Milioni di interazioni sui 33 post dedicati ai maturandi. In totale, nei tre giorni, sono stati creati 271 contenuti ad hoc, avuti 1,2 milioni di utenti su ScuolaZoo.com, 13.645.960 utenti raggiunti sui social, 7 milioni di views dei video ScuolaZoo, 2,9 milioni di interazioni sui social, oltre 1.000 fra messaggi privati su Facebook, Instagram Direct e Whatsapp.

I contenuti ScuolaZoo e le sue azioni sono state riprese e rilanciate dai più importanti media italiani, con circa 15 uscite televisive e oltre 150 articoli online e offline per un totale di circa 30 milioni di lettori e 8,5 milioni di telespettatori. ScuolaZoo già da mesi aveva incontrato dal vivo i maturandi con eventi dedicati, come quello, a marzo, dedicato ai Cento Giorni. E la Maturità, ad oggi, non è ancora finita. “Mai come quest’anno la Maturità ha avuto un innato spirito Zoo, dalle “TraccIe” agli
errori grammaticali nei testi delle stesse, passando per la scelta di autori che creano per loro natura dell’umorismo” commenta Paolo De Nadai, Fondatore ScuolaZoo. “Mentre il MIUR, volontariamente o no, si sta forse avvicinando così ai ragazzi, ScuolaZoo ha già il loro humor, il loro linguaggio, sa come ingaggiarli, come stargli a fianco nei momenti in cui lo richiedono e lo fa nel modo che li coinvolge sia dal vivo sia sui social. La Maturità ci insegna che per ingaggiare il target esiste una ricetta di successo, fatta da un mix di tempistiche, linguaggi, spirito e soprattutto un’esperienza coltivata sul campo in 10 anni di vita vissuta a fianco degli studenti”.

articoli correlati