MEDIA

GroupM: 26 milioni di utenti digitali identificati esattamente con la [m]PLATFORM

- # # # # # #

platform

GroupM, media holding del gruppo WPP, ha annunciato a fine 2016 il lancio globale di [m]PLATFORM, che oggi arriva anche in Italia. [m]PLATFORM un ecosistema che si fa forte di dati, tecnologie e competenze per affrontare le nuove sfide imposte dal digitale, in un momento in cui la quota investita dai brand in pubblicità online – secondo il report annuale GroupM “Interaction” – continua a crescere e proprio nel 2017 sorpasserà quella offline in altri 5 Paesi (tra cui Francia e Germania) che si aggiungono ai 10 mercati in cui ciò avviene già, tra cui i più importanti del mondo (Canada, Cina e UK). La piattaforma [m]PLATFORM incrementa, quindi, la capacità di GroupM di offrire ai propri clienti una più approfondita conoscenza del consumatore, ottenuta combinando assieme centinaia di fonti di dati, siano esse online o offline, permettendo loro di rintracciare e comunicare con il proprio target su tutti i canali media, in maniera puntuale.
Meno del 10% degli inserzionisti ha una conoscenza completa dei propri consumatori: le aziende infatti dispongono di grandi quantità di dati provenienti da diverse fonti, ma spesso non hanno la possibilità o le competenze per integrarli e giungere ad una corretta lettura.
“Circa il 74% dei consumatori usa 3 o più canali per le proprie interazioni con gli inserzionisti. La chiave del successo è quindi coordinare l’integrazione tra i canali, riuscire a gestire l’ingaggio durante un sempre più articolato Consumer Journey e garantire una corretta esposizione pubblicitaria, misurandone puntualmente i risultati”, dichiara Fides Tosoni, Chief Digital Transformation Officer di GroupM Italy e da oggi anche Executive Chairman di [m]PLATFORM Italy. “Una buona strategia di marketing deve quindi saper integrare il “mondo digitale” e il “mondo fisico”: grazie alle nuove tecnologie che raccolgono e analizzano una mole di dati fino a poco tempo fa inimmaginabile, oggi questo è possibile”.

[m]PLATFORM mette infatti il consumatore al centro partendo proprio da un unico ID, appunto l’mP-ID. La tecnologia nasce dalla messa a fattor comune delle tecnologie che GroupM ha sviluppato nel corso degli anni in ambiti Data, Digital advertising e Analytics, unendo sotto un unico cappello i team di ingegneri e data scientist di Xaxis, Connect e Data&Analytics, con l’obiettivo di creare un’offerta semplificata e accessibile a tutti i clienti del Gruppo.
Solo in Italia, GroupM conta 70 milioni di IDs (sono 1.1 miliardi a livello globale), ovvero i cookie e gli identificativi mobile che rappresentano digitalmente il consumatore e che registrano le interazioni eseguite. Questi identificativi digitali, gli mP-IDs, corrispondono a 26 milioni di persone (circa il 50% della popolazione italiana e più dell’80% degli utenti online): resi anonimi per ragioni di privacy, questi dati definiscono il ritratto corrispondente alla persona: il suo profilo socio demografico; le tipologie di interessi storici, ricorrenti e predittivi; il tipo di device che utilizza; il profilo geo comportamentale dedotto dai luoghi fisici che frequenta e anche il profilo di consumo media o di acquisto. Essendo un ecosistema aperto, è inoltre integrabile con dati di terze parti, come ad esempio editori di siti verticali o siti e-commerce, utilizzati per arricchire la conoscenza sempre più specifica del nostro consumatore.
Questa tecnologia è associata anche con Live Panel, ricerca proprietaria GroupM, che consente di aggiungere informazioni su atteggiamenti di consumo e fruizioni media derivanti dal “mondo fisico”.
Gli mP-IDs sono racchiusi in mCore, la Data Management Platform, che nasce dalle solide e consolidate fondamenta di Turbine di Xaxis.
In questo modo si ha la creazione di un’unica audience per tutti i canali per avere un’affinità massima e riduzione della dispersione, mentre la possibilità di arricchire i dati fornisce una ancora maggiore conoscenza del consumatore. L’impiego di tecnologie di machine learning ottimizza i risultati di business delle pianificazioni, mentre la reportistica sulla totalità del piano consente una corretta attribuzione del budget speso e del ritorno sull’investimento.

[m]PLATFORM rappresenta un nuovo modo di offrire servizi che mira a coprire la molteplicità delle esigenze dei nostri clienti” spiega Giovanna Loi, Managing Director di [m]PLATFORM Italy. “Centralità del consumatore, misurabilità ed efficacia sono le parole chiave che guidano la nostra mission. Analizzare il comportamento e gli interessi delle persone permette non solo di accrescere la qualità dell’esperienza pubblicitaria, ma anche di potenziare l’efficacia delle soluzioni di comunicazione. In un mondo in cui la scarsità del Dato non è più il problema, il vero valore aggiunto sta nella capacità di interpretarlo, misurarlo e renderlo azionabile”.
L’implementazione di [m]PLATFORM comparta un significativo rafforzamento strutturale, con la creazione di una nuova area dedicata ai servizi Data Driven, accanto alla già operativa Xaxis e ai servizi digitali del Gruppo, con un potenziamento del team e delle competenze chiave in tra aree. Innazitutto Data & Insight, il cuore nevralgico dei servizi di analisi consumer centric che vanno dalle Audience Discovery & Building, Analytics, Attribution Modeling, Data Visualization al Marketing Mix Modeling; quindi Service, che garantisce l’expertise dei servizi a valore aggiunto, con la possibilità di scegliere quale attivare e con quale modello di costo, modulare e trasparente, in ambito Programmatic, Search, Social e Ad Operations. Infine Media, che raggruppa le soluzioni innovative offerte da Xaxis, Light Reaction e Plista in ambito Branding, Performance e Native advertising.

“In un Paese, come è l’Italia, che vive di un duopolio media con protagonisti TV e Web, quest’ultimo è sempre più un mezzo imprescindibile all’interno delle strategie dei nostri clienti e ne sono la prova sia l’incremento costante della quota di investito sul digitale (rapportata a quella degli altri mezzi) sia lo sviluppo di soluzioni pubblicitarie, sempre più puntuali, portato avanti dai grandi player offline”, conclude Massimo Beduschi, CEO & Chairman GroupM Italy. “La tecnologia sta cambiando e dettando nuove regole: con [m]PLATFORM disponiamo di un potente approccio innovativo alla gestione dei dati in grado di offrire un importante vantaggio competitivo ai brand consegnando loro un ID univoco di riconoscimento dei consumatori, proprio come fanno Google, Facebook e Amazon, solo che non limitato ai singoli silos . Questa soluzione rappresenta quindi l’evoluzione verso l’agenzia del futuro, vista non è solo come agenzia, ma come insieme dei servizi marketing che offriamo, guidati dai dati e integrati alla tecnologia”,

articoli correlati