MEDIA

Rai Pubblicità: nel 2016 le Radio Rai cresciute il triplo del mercato

- # # # #

radio rai rai pubblicità

Rai Pubblicità chiude la raccolta 2016 delle Radio Rai con un incremento del 7,5% sul 2015: una crescita di oltre tre volte superiore l’andamento complessivo del comparto radiofonico, fermo a + 2,3%. Ancora meglio sono andate le Iniziative Speciali, su cui Rai Pubblicità investe da anni, che nel 2016 hanno portato un risultato del +17%.
In questo bilancio positivo ha giocato un ruolo fondamentale la nuova organizzazione dell’Area Radio di Rai Pubblicità, voluta da Francesco Barbarani (nella foto), Direttore Area Radio e Web della concessionaria: creazione di un nuovo comparto dedicato alla gestione dei rapporti con i Centri Media, potenziamento dei Progetti Speciali sia sul versante vendite sia nell’area marketing, rafforzamento della struttura con l’introduzione di nuovi ruoli di coordinamento nazionale e di raccordo territoriale, inizialmente al Nord e da gennaio di quest’anno anche al Sud. Un assetto che ha consentito un capillare presidio del territorio e la copertura delle più diverse modalità e forme di comunicazione.

La forza di Radio Rai ha trovato espressione soprattutto negli eventi, su cui Rai Pubblicità ha lavorato con offerte dedicate, progetti tailor made e attività sul territorio. Per citare solo gli eventi più importanti, basta ricordare su Radio1 gli Europei di Calcio e le Olimpiadi, ma anche il Giro d’Italia e il Tour de France, La Formula1 e il MotoGp; su Radio2 i consueti appuntamenti con M’illumino di meno e Caterraduno, Festival di Sanremo e Lucca Summer Festival, oltre all’Earth Day, l’Eroica, la Barcolana, Comics e il Maker Faire; su Radio3 Il Festival della Filosofia di Modena, quello della Letteratura di Mantova e l’immancabile Materadio.
Gli ascolti hanno premiato il lavoro svolto dalle reti per meglio differenziare e mirare la loro offerta. Sono aumentati gli ascoltatori sui target di Canale, registrando su Radio1 un incremento del 12% sul target Trade, del 15% su Radio2 sui 25-54 anni e del 7% su Radio3 sui Dirigenti.

articoli correlati