BRAND STRATEGY

World Communication Forum 2016: di rilievo la partecipazione italiana

- # # # # # #

world communication forum

Al World Communication Forum, di Davos quest’anno si parlerà anche molto in Italiano tra i tanti esperti di comunicazione che si riuniranno per tre giorni (8, 9 e 10 Marzo) per condividere trends, strategie, pareri “illuminati” e nuovi strumenti.
Al World Communication Forum (nella foto l’edizione 2015) si affronteranno alcuni dei temi chiave del mercato globale della comunicazione, quali il Country Branding (con la presenza di molti comunicatori di Ministeri degli Affari Esteri); la Comunicazione delle Organizzazioni internazionali (dall’ONU all’Unione Europea); l’industria del Turismo Globale nell’era della Comunicazione; e infine la Comunicazione Digitale e la gestione delle crisi reputazionali sui Social Media. Senza dimenticare la Formazione in Comunicazione per educare le nuove generazioni
Da segnare in agenda per la prima giornata il key-note “Battle for Talent” di Paul Holme, fondatore e CEO di Holmes Report e SABRE Awards.

La delegazione italiana che quest’anno prenderà parte per la prima volta al Forum sarà rappresentata da PR HUB, la piattaforme di AssoCom dedicata alla PR, che promuove una interessante tavola rotonda sul ruolo delle Associazioni delle Agenzie sui mercati nazionali o regionali. Al Panel prenderanno parte Andrea Cornelli, CEO di Ketchum e coordinatore di PR HUB; Maxim Behar, Chairman di H+K Strategies di Praga e Presidente di ICCO; Stanislav Naumov, President di RPRA (Russia) e Yogesh Joshi, Presidente di ABCI e co-Chairman del WCF Committee (India) .

Sono previsti sul palco del WCF anche altri autorevoli relatori italiani come Gianni Catalfamo:
Fondatore di cc:catalfamo che presenterà i suoi ultimi libri sulle Global PR e sul mercato della
comunicazione: “For Friends, Not for Brands” e “The Digital Self”. Lorenzo Brufani, CEO di
Competence, presenterà invece alcuni casi concreti e strategie di gestione di Social Media Crisis.

L’ edizione 2016 vedrà anche la partecipazione del guru Sean Gardner, Co-founder delle serie
“Twitter Powerhouses” su Huffington Post USA, che parlerà di Media Influence e Responsabilità.

articoli correlati