MEDIA

Triboo Media annuncia la nascita di Leadoo

- # # # # #

Triboo Media - Luca Aprile

Triboo Media, uno dei principali digital publishing network indipendenti sul mercato pubblicitario italiano, annuncia la nascita di Leadoo, una nuova società del Gruppo interamente dedicata al performance marketing.

Leadoo potrà contare su un team di lavoro dedicato dalle forti competenze, guidato dalla pluriennale esperienza nel settore finanziario e di online marketing di Luca Aprile, nel ruolo di Direttore Generale della realtà appena nata. La società sarà operativamente focalizzata sulla gestione e qualificazione di lead nella vendita di pubblicità a performance, strumento ormai fondamentale per qualsiasi azienda che intenda fare leva sull’adv online per supportare le vendite dei propri prodotti e servizi.

“Secondo i dati appena rilasciati dallo IAB Forum di Milano e dal Politecnico di Milano, gli investimenti in pubblicità digitale in Italia nel 2015 sono cresciuti del 10% rispetto all’anno precedente e l’offerta pubblicitaria a performance è in un momento di grande espansione”, ha dichiarato Luca Aprile. “Leadoo nasce proprio dall’esigenza di aggregare e potenziare le properties verticali del mondo di Triboo Media legate ai tre settori merceologici che pesano maggiormente in termini di volumi e fatturato nel mondo del performance marketing: finance, insurance e automotive”.

Nello specifico, Leadoo gestirà la realizzazione di landing page, il restyling di siti verticali di gruppo e campagne verticali di media buying per portare traffico qualitativamente elevato e generare lead qualificati. Inoltre, la nuova società porterà in dote una tecnologia proprietaria in grado di intercettare le modalità di comportamento del cliente online e di restituire un contatto qualificato e realmente interessato al prodotto del cliente attraverso una preselezione, generando un dato pulito e utile, al netto dei c.d. fake.

La neonata società verrà affiancata dalla concessionaria Leonardo ADV, controllata di Triboo Media, che aiuterà la neonata del Gruppo nello sviluppo commerciale del prodotto grazie alla consolidata esperienza della sua unit performance guidata da Erik Rosa.

“Grazie alla nascita di Leadoo, saremo in grado di dare nuova linfa vitale alla nostra offerta pubblicitaria a performance”, ha dichiarato Erik Rosa, Responsabile Performance e Programmatic Buying di Leonardo ADV. “Siamo convinti di avere un’offerta senza precedenti in Italia in questo campo, grazie alla perfetta sinergia tra la componente tecnologica, l’audience verticale del nostro network editoriale e l’enorme volume degli utenti gestiti, che ci consentono di fornire agli investitori informazioni in grado di garantire un solido incremento di lead qualitativi e delle attività performance che fin dal 2009 sono parte dell’offerta caratterizzante del nostro network”.

“Il 2015 è stato un anno particolarmente positivo per Triboo Media e la presentazione di una nuova azienda come Leadoo è il modo perfetto per suggellare definitivamente i successi che abbiamo ottenuto nel corso degli ultimi 12 mesi”, ha dichiarato Giulio Corno, Presidente e Amministratore Delegato di Triboo Media. “Il Gruppo si è sempre distinto per l’innovazione e per la capacità di anticipare i cambiamenti di mercato, attraverso uno sviluppo costante del proprio business sia per linee interne che esterne: i risultati dei primi 9 mesi dell’anno in corso lo hanno dimostrato. La società ha registrato nei primi nove mesi del 2015 ricavi netti consolidati pari a 21,5 milioni di euro (in crescita del 9% rispetto ai 19,6 milioni di euro dei primi nove mesi del 2014) e un risultato netto consolidato pari a 1,9 milioni di euro (in crescita del 39% rispetto ai 1,4 milioni di euro dei primi 9 mesi del 2014). Credo ci siano le basi concrete per continuare anche nei prossimi mesi il nostro percorso di sviluppo e dare seguito al nostro posizionamento distintivo nel mercato dell’editoria e della pubblicità digitale”.

La newco è posseduta al 51% da Leonardo ADV, concessionaria pubblicitaria partecipata per il 100% da Triboo Media S.p.A., e per il 49% dal management.

articoli correlati