AGENZIE

E’ firmata Wellcare la campagna a favore dell’Associazione Bambini Cardiopatici nel Mondo

- # # # # # # #

Fatti non parole. Punta sui numeri di interventi e vite salvate la nuova campagna firmata da Wellcare a favore dell’Associazione Bambini Cardiopatici nel Mondo. “I numeri fanno sempre la differenza” è la headline per catturare l’attenzione, sottolineare l’attività dei volontari e sensibilizzare il pubblico. Molto si è fatto: 2 mila interventi e 6 mila diagnosi. Ma molto resta da fare per ridare il sorriso ai piccoli cardiopatici nelle aree più povere del pianeta. Fino al 15 settembre sono on air la campagna stampa, il filmato e lo spot radio per raccogliere fondi via sms e permettere all’equipe medica italiana di operare in 26 Paesi del terzo mondo: dal Perù all’Egitto, dal Kurdistan al Camerun dove si trovano i centri di cardiochirurgia pediatrica creati dall’organizzazione non profit in vent’anni di attività.

L’agenzia di Marketing & Communication di Giovanni Borroni è da anni al fianco della onlus e dell’equipe di 150 tra medici, chirurghi, infermieri guidati dal professor Alessandro Frigiola, primario di cardiochirurgia all’Ospedale San Donato di Milano. La divisione Adv di Wellcare ha realizzato pro bono gli spot scanditi dalla voce di un altro storico supporter dell’associazione, l’attore Enzo De Caro. Le immagini sono state fornite dai volontari stessi: i bambini sono solo alcuni delle migliaia che in questi anni sono guariti. “Con un sms al 45506 puoi salvare un piccolo cuore. Il mio.” è il pay off che sottolinea come ogni sms è destinato direttamente alle missioni operatorie salva vita che partono ogni mese.

Il nuovo film 30” è on air sulle emittenti tv Mediaset e La7, mentre lo spot radio è trasmesso sulle principali reti radiofoniche nazionali.

Per sostenere il progetto basta donare 2 euro inviando un sms al numero 45506 da tutti i cellulari personali Tim, Vodafone, Wind, 3 Postemobili, CoopVoce e Noverca oppure chiamando lo stesso numero da rete fissa Telecom Italia, Infostrada, Fastweb, TeleTu e TWT.

articoli correlati

Lascia un commento

Devi essere loggato per poter commentare.