BRAND STRATEGY

“TheFashionDuel.com”: Greenpeace sfida il mondo della moda con Grey

- # # # # # #

La sfida continua: le griffe dell’alta moda hanno risposto al guanto lanciato loro a Novembre da Greenpeace insieme all’agenzia Grey, che aveva vinto la gara indetta dall’associazione ambientalista, alla quale avevano partecipato anche JWT, Pirella, Art Attack e McCann.

Il guanto della sfida non è altro che un guanto per le pulizie domestiche verde, “icona” scelta dal team di Grey Milano per la sua versatilità, che appunto a Novembre è stato recapitato a 15 case d’alta moda sfidandole a compilare un questionario online di 25 domande sulla realtà dei loro cicli produttivi e sui loro possibili legami con la deforestazione in Amazzonia e Indonesia e l’inquinamento delle risorse idriche in Cina, Messico e altre regioni del Sud del mondo.

Adesso è il momento della resa dei conti: la classifica dei brand green e meno green, stilata sulla base delle risposte ottenute, diventa infatti pubblica sul sito thefashionduel.com, vero cuore dell’intera iniziativa, insieme ad un video web di denuncia con protagonista Valeria Golino, realizzato in collaborazione con la casa di produzione The Family. L’attrice italiana sarà la prima a indossare il guanto di sfida. Nel video, il suo corpo ricoperto dai liquami tossici e dalle ceneri delle foreste si ribellerà a quest’offesa perpetrata nei confronti del Pianeta e con il lancio del guanto inviterà gli utenti ad aderire all’operazione sul sito.

 

“Sono doppiamente orgoglioso di questa iniziativa”, sottolinea Mario Attalla, Ceo di Grey Milano. “Per l’obiettivo etico che persegue e perché ci ha dato modo di dimostrare a noi stessi e al mercato le capacità di Grey di ideare e attuare progetti di comunicazione integrata orientati a produrre risultati concreti che mirano al coinvolgimento attivo di migliaia di persone”.

 

Il coinvolgimento del grande pubblico è sicuramente la fase più importante della campagna perché solo un alto numero di adesioni costringerà le maison più recalcitranti a impegnarsi seriamente per attuare politiche produttive rispettose dell’ambiente.
Per dare modo al grande pubblico di avere un ruolo attivo, l’operazione sarà sostenuta anche da un meccanismo di videoadesione online dove saranno gli utenti stessi a lanciare il guanto di sfida sulle passerelle dell’alta moda e a condividerlo. I media sono già dalla parte dell’ambiente, armati da Grey di guanto e informazioni dal primo febbraio.
Ma non è tutto qui. La settimana della moda è vicina.

articoli correlati

Lascia un commento

Devi essere loggato per poter commentare.