BRAND STRATEGY

Plan.Net Italia firma per Humana un esperimento narrativo basato sulle Instagram Stories

- # # # #

Plan.Net - Humana

Plan.Net Italia, agenzia digital parte del Gruppo Serviceplan, soprende con un’operazione unica nel suo genere, firmando per Humana, azienda leader nello sviluppo di prodotti per l’infanzia, una campagna social tutta all’insegna dell’interazione tra il brand e i suoi follower.

Un vero e proprio esperimento innovativo con una creatività disruptive che è riuscita a veicolare in modo totalmente nuovo un prodotto “quasi medico”.

Tramite le Stories di Instagram si è chiesto alle mamme, ai papà e ai loro piccoli di inventare una favola insieme a Humana Italia. Grazie al tool “Sondaggio” ogni partecipante ha potuto decidere alcuni elementi della narrazzione, contribuendo alla definizione stessa del racconto.

Al termine della prima fase, sono state realizzate le tavole illustrate che raccontano la trama scelta dai follower; tavole che si sono trasformate in un e-book digitale che arricchisce l’Humana Club, una speciale sezione del sito web ricca di vantaggi, intrattenimento e guide utili che possono accompagnare i genitori nei primi anni di vita del bambino.

L’uso delle Stories si inserisce in una più ampia azione di content strategy, che le vede come un formato in trend e in continua crescita (nel 2019 saranno più i contenuti pubblicati sulle Stories che sul Newsfeed): sono performanti e coerenti sia in termini di narrazione sia in termini di engagement e consentono di attirare e mantenere l’attenzione degli utenti, oggi sempre più difficile da catturare. Tutta la narrazione, compreso l’e-book, è in formato 9:16, quello delle Stories, appunto.

Questa operazione creativa va così a rafforzare il legame e l’interazione tra Humana Italia e la sua follower base che ha dimostrato di apprezzare l’esperimento narrativo, come dimostra la repentina crescita del numero di Seguaci e il picco di Reach ottenuta già durante il sondaggio. Aspettando, a breve, anche il secondo capitolo.

articoli correlati

AGENZIE

McCann Worldgroup Italia si aggiudica l’advertising di Mutti

- # # #

McCann - Mutti

Dopo una prima collaborazione in ambito principalmente digital su Salse e Sughi, Mutti, azienda parmense leader nella lavorazione del pomodoro da oltre quattro generazioni, sceglie di affidare la firma creativa della sua comunicazione su tutta la Marca a McCann Worldgroup Italia.

Nello specifico, l’incarico prevede la gestione di tutte le attività above the line e la realizzazione della nuova brand campaign dello storico marchio italiano.

L’azienda Mutti rappresenta un’eccellenza italiana nel food, conosciuta in tutto il mondo per la produzione del cosiddetto “oro rosso”, concentrato, passata e polpa di pomodoro sono tra le soluzioni più apprezzate a livello internazionale. Negli ultimi anni l’azienda sta lavorando all’ampliamento della gamma di prodotti cercando di non snaturare la pregiata materia prima, l’ambiente Mutti è dinamico, stimolante e ricco di novità, aspetti che non mancheranno nella nuova campagna di brand.

Daniele Cobianchi, CEO McCann Worldgroup Italy, commenta: “Siamo orgogliosi di essere stati scelti da un’altra grande eccellenza enogastronomica italiana e siamo sicuri che la nostra partnership sarà di grande successo”.

Nella foto: Daniele Cobianchi insieme a Maria Rosa Musto, Chief Operating Officer McCann Italy.

articoli correlati

NUMBER

Comscore: trend online e pattern comportamentali del settore food nei paesi EU5

- # # # #

comscore - food

Comscore ha lanciato il nuovo report “Il Settore del Food in Italia” 2018. Il Report esamina i trend online e i pattern comportamentali che influenzano il settore del Food utilizzando dati multi-platform di Francia, Germania, Italia, Spagna e Regno Unito (EU5).

Tra le nazioni EU5, 130 milioni di persone hanno visitato un sito sul Food nel mese di Settembre 2018, pari al 57% della total digital population. L’81% degli stessi ha visitato un sito di Food lifestyle che fornisce reviews su ristoranti, ricette, consigli di cucina e piani alimentari. Il 55% ha visitato un sito di Food Retail su cui si possono acquistare e farsi recapitare cibi e bevande.

“Il cibo è al centro della vita delle persone, e il retail è solo una piccola parte del tutto. D’altra parte, i siti di Food Lifestyle che forniscono informazioni e guide per i consumatori, costituiscono un punto fondamentale dell’esperienza culinaria digitale del consumatore”, afferma Guido Fambach, Senior Vice President, EMEA per Comscore. “Questo report mette a paragone i profili delle audience e i comportamenti di diverse categorie del Food, fornendo, di conseguenza, important spunti ai professionisti del settore del Food su come raggiungere i consumatori.”

Tra gli insight analizzati nel report:

• Le preferenze di contenuto degli utenti dei siti di Food Lifestyle sono diverse da quelle dei siti di Food Retail. Ad esempio, l’audience di Food Lifestyle ha una più alta concentrazione su siti di e-cards e cosmetici, mentre l’audience di Food Retail ha una più alta concentrazione su altri retailers generalisti.
• Più della metà dell’intera Food audience tende a essere donna, over 35. Si nota che mentre ci sono delle differenze tra le nazioni, le differenze tendono a essere più pronunciate all’interno delle nazioni tra le audience di Food Lifetyle e Food Retail.

Scarica qui una copia del Report “Il Settore del Food in Europa” 2018.

articoli correlati

AGENZIE

Molino Spadoni affida a Soluzione Group lo sviluppo della social media strategy

- # # #

Molino Spadoni - Soluzione Group

Molino Spadoni, storico marchio da sempre presente nelle cucine italiane con le sue farine per pasta, preparati per pane, miscele per torte e pizze, farine speciali, biologiche, macinate a pietra e integrali, ha deciso di definire una nuova strategia digitale, scegliendo di affidarsi al team Social Branding di Soluzione Group, selezionata per il forte know-how nel settore Food. La social media strategy ideata dall’agenzia sarà focalizzata su tre importanti obiettivi: sostenere la spinta commerciale delle novità di prodotto, come i panificati gelo e la pasta senza glutine, creando una community online e sfruttando la forza del brand Molino Spadoni per posizionare le nuove referenze, e infine monitorare le performance fornendo dati utili al marketing per l’implementazione di strategie efficaci sul lungo periodo.

L’incarico prevede, per il primo anno di attività, la creazione di una community Facebook e Instagram in grado di interagire in maniera efficace con il pubblico di consumatori, immergendoli attraverso contenuti creati ad hoc riferiti al mondo Molino Spadoni, pronto a offrire infinite possibilità a chi ha a cuore la cucina come arte della preparazione.

La scelta di puntare in maniera incisiva su social network così popolari rappresenta per l’azienda un’opportunità per avvicinarsi a differenti tipologie di target, dai semplici appassionati ai professionisti della ristorazione. Altri obiettivi saranno poi quelli di spingere i nuovi prodotti dedicati verso un pubblico più attento e orientato alla sana alimentazione sostenendo l’ingresso delle referenze new-entry in GDO attraverso campagne adv geolocalizzate, vicino ai punti vendita selezionati.

Molino Spadoni va così ad arricchire la “dispensa” di brand Food che già hanno scelto Soluzione Group, tra cui spiccano importanti marchi come Melinda, Trentingrana, DimmidiSì, Auricchio, Everton, Surgital, Fungo Italiano Certificato, Consorzio Funghi di Treviso, Medusa, e la recentissima Pfanner.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Nuova digital strategy per il pomodoro De Rica, online il nuovo sito web

- # # # # #

De Rica

De Rica, dallo scorso anno parte del Consorzio Casalasco del Pomodoro, è online con il nuovo sito web dedicato a consumatori e professionisti del settore per migliorare la user experience e generare, attraverso tradizione e storicità, una fruizione maggiormente emozionale legata al percepito del marchio.

L’interfaccia si presenta nel suo insieme pulita, intuitiva e con elementi sia classici sia moderni per elevare, così, il concetto di un rinnovamento del brand. Il layout è inoltre stato concepito in moduli, per poter ospitare ulteriori linee di prodotti oltre a quelle del pomodoro, che la nuova proprietà ha in progetto di lanciare in un futuro prossimo, senza appesantire o intaccarne la fruibilità.

Il restyling ha coinvolto in maniera più ampia anche i canali social dettando una nuova digital strategy, al momento concentrata interamente sul territorio nazionale e che si rivolge soprattutto al consumer italiano, con alta fidelizzazione al marchio, attento all’origine e alla bontà dei prodotti.

La strategia coinvolge i canali Facebook, Instagram e Twitter ed è orientata a stimolare l’utente attraverso un viaggio nelle tradizioni, usanze e peculiarità delle diverse regioni dello stivale seguendo il concept “Il gusto di essere autentici“.

Venti food blogger per venti regioni d’Italia. Ognuna di esse diviene ambasciatrice di De Rica contribuendo con una ricetta tipica della proprio regione e una consulenza relativa a usi, costumi e modi di dire locali.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

OraSì in TV e affissione: pianifica Expansion Group

- # # #

Expansion

Torna sul palcoscenico televisivo la linea vegetale OraSì del Gruppo Unigrà. L’agenzia Expansion ha curato la pianificazione della campagna TV nazionale; previsto anche un flight di outdoor a Napoli.

La bontà della Bevanda di Riso OraSì torna sul palcoscenico televisivo assieme al racconto della filiera corta OraSì, vero point of difference del brand emiliano-romagnolo rispetto ai competitors: dal 4 novembre è protagonista in TV per 3 settimane sulle reti Mediaset.

Inoltre dal 12 novembre il brand OraSì avrà visibilità anche a Napoli con una campagna outdoor di 2 settimane con poster 6×3 e maxi formato, per garantire un’eccellente copertura della città.

Entrambe le pianificazioni sono state curate dalla Media Unit di Expansion Group.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Lorenzo Marini Group firma il ritorno in tv di Fileni Bio

- # # # #

Fileni - Lorenzo Marini

A due anni dal lancio della prima campagna, torna in radio e tv lo spot di Fileni BIO. Da domenica 23 settembre a domenica 14 ottobre saranno numerosissimi i passaggi sulle principali reti nazionali, negli orari di maggiore ascolto.

Nel nuovo spot, l’azienda marchigiana accende i riflettori sulla propria esperienza nel mondo del biologico, raccontando la sua passione per la qualità e per il rispetto della tradizione.

20 anni di esperienza nel nuovo spot

Da oltre 20 anni, con grande lungimiranza, Fileni ha intrapreso la strada del biologico, proponendo ai consumatori prodotti di alta qualità che rispettano l’ambiente e il benessere animale. Le numerose certificazioni, tra cui la recente e prestigiosa ISO:14001 per la gestione ambientale, testimoniano un impegno concreto a favore della ricerca dell’eccellenza.

Questa filosofia ha garantito a Fileni la leadership nel mercato del bio. Una leadership che ora viene rimarcata in uno spot tutto nuovo – firmato anche questa volta da Lorenzo Marini Group – che risponde alla domanda: “Che cosa c’è dietro a Fileni BIO?”.

In 30 secondi viaggiamo così alla scoperta della filosofia di un’azienda che guarda all’eccellenza senza compromessi: Fileni si prende lo spazio per raccontare i motivi di una storia e di una scelta lungimirante, fatta di amore per la natura e rispetto per l’ambiente. Numerose sono le inquadrature delle colline marchigiane e del centro Italia, paesaggi e terreni biologici in cui si inseriscono gli allevamenti Fileni. Tutto questo per ricordare ai consumatori che il pollo Fileni BIO “è naturale, è buono”.

Nuovo pack per la linea Fileni BIO

In concomitanza con il nuovo spot arriva anche un packaging tutto nuovo per la linea biologica: addio, dunque, al polistirolo in favore di una vaschetta in plastica più resistente e pratica che può essere smaltita nella raccolta della plastica. Anche l’etichetta è stata abbandonata per lasciare spazio a un elegante film stampato dove lo storytelling di filiera e il racconto dei plus di prodotto trova ancora più spazio.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Orogel e Serviceplan riportano on air la “Meraviglia di ogni giorno”

- # # # #

Orogel - Serviceplan

“In Italia la meraviglia è ovunque.” Anche in comunicazione, con la campagna che Serviceplan Italia ha ideato per il brand Orogel. Un nuovo flight che vede protagonisti anche i prodotti della linea Benessere, insieme in un’unica grande campagna di marca.

Il famoso brand di prodotti surgelati uniforma così la sua strategia comunicativa sotto il concetto di Meraviglia e l’insight rimane fortemente espressivo: in Italia si è ovunque circondati di meraviglia e bellezza e Orogel ci invita a intraprendere un viaggio di riscoperta tra le meraviglie italiane, proprio a partire dalla terra e da ciò che ci offre.

Sono ben 12 film per altrettanti prodotti, due famiglie protagoniste, quattro giorni di shooting per realizzare le nuove scene di food e di famiglia a tavola con la co-regia di Fabio Jansen per la parte live-action e di Luca Robecchi per la parte di food, che ha anche curato l’intera fotografia.

La post produzione è affidata a Neverest, a cui il cliente aveva già affidato le campagne TV realizzate nel 2017. 
La campagna ha visto anche la collaborazione del Gruppo Pubblisole.

Il primo film di questa nuova edizione, on air a partire da fine Settembre, parla di un prodotto innovativo: “Virtù di brodo”, brodo surgelato in gocce, che, lanciato nel 2017, si è imposto sul mercato per la sua unicità: solo verdure scelte, una ricetta semplice e sincera senza sale aggiunto.

Sulle note di “Meraviglioso” di Domenico Modugno, il messaggio centrale veicolato dallo spot è uno dei temi cari a Orogel: la forte vocazione a produrre solo ed esclusivamente in Italia, paese caratterizzato dalla meraviglia di un patrimonio storico e naturalistico che spesso viene dato troppo per scontato dalla consuetudine.

Oliver Palmer, Direttore Creativo Esecutivo di Serviceplan Italia sottolinea: “Questo è il prossimo capitolo della meravigliosa storia di Orogel. Quella che abbiamo creato insieme è una piattaforma in grado di durare nel tempo e raccontare il brand e i suoi valori in modi sempre rilevanti e nuovi”.

CREDITS (relativi edizione insert 2018)

Agenzia: Serviceplan Italia
Direttore Creativo Esecutivo: Oliver Palmer
Direzione Creativa: Salvatore Giuliana e Giuliana Guizzi
Art Director: Rea Jabara
Copywriter: Massimo Mazzucca
Account Manager: Alice Ferrante
Producer Agenzia: Michela Giordana
Casa di produzione: Black Mamba
Post produzione: Neverest
Regia: Fabio Jansen, Luca Robecchi
Direttore della fotografia: Luca Robecchi

articoli correlati

MEDIA

#Shareable, content creator unit di Condé Nast, celebra il Bacio Perugina Rosa

- # # # # # #

Bacio Perugina

Sulle note della colonna sonora “I miei baci”, un piacevole sound vintage anni ’60 di Cyril Giraux e Meike Clarelli, posa e si muove con grazia la giovane e sinuosa modella Diletta Gomez nel video realizzato da #Shareable, content creator unit di Condé Nast, che celebra il Bacio Rosa.

È un inno al romanticismo, realizzato con la sapiente regia di Marco Cella, per celebrare la nascita di Baci® Rosa, la Limited Edition di Baci® Perugina® ricavata dalle fave di cacao Ruby. Questa novità viene raccontata anche in uno storytelling su Vogue.it che pubblica l’anteprima del video.

Definita da Models.com come “uno dei nuovi volti più belli del globo”, la giovane Diletta Gomez – capelli castani e due grandi occhi blu – è una ragazza di una bellezza semplice, fresca e naturale. Il video la ritrae in un mondo total pink che, dall’outfit ai fiori e alle pareti, ne esalta particolarmente i lineamenti delicati e la sua femminilità e sensualità, che si sposa perfettamente con la veste glamour di Baci® Rosa.

Questo “cioccolato di quarta generazione”, dopo quello fondente, al latte e bianco, costituisce l’esito di una rivoluzione nel mondo del cioccolato che ha richiesto un decennio di ricerche per la sua lavorazione. Il cioccolato di copertura rosa è infatti frutto di uno speciale processo produttivo studiato da Barry Callebaut, che esclude l’uso di coloranti e regala un inaspettato gusto fruttato e un aroma delicato.

Allo stesso modo nel video l’outfit di Diletta Gomez riprende nello stile quel millennial pink (ne aabbiamo parlato su mymarketing.net) che ha sfilato da protagonista sulle passerelle dei più grandi stilisti.

Con la collaborazione tra Nestlé e Condè Nast, attraverso la unit #Shareable, Baci® Rosa rende ancora più saldo quel connubio tra fashion e food, stile e ricercatezza di gusto, che caratterizza sin dalle origini il celebre cioccolatino messaggero d’amore.

articoli correlati

NUMBER

Oracle: gli utenti di app per ristoranti e hotel le usano almeno una volta a settimana

- # # # #

food

La ricerca Get Appy: Do Consumers Use Restaurant & Hotel Branded Apps di Oracle rivela che oltre la metà dei consumatori in tutto il mondo (il 57%) ha utilizzato o utilizza attualmente applicazioni mobile per interagire con aziende del settore hospitality. Lo studio – che è stato condotto su un campione di 15.000 consumatori in Europa, America Latina, Asia-Pacifico e Nord America – ha evidenziato che il 23% ha installato sul proprio dispositivo mobile almeno una app di un ristorante o di un hotel e che ben il 70% la utilizza almeno una volta a settimana.

L’utilizzo crescente di queste app crea per le aziende del settore nuove opportunità per personalizzare il servizio, le promozioni, l’offerta, mettendo in luce l’importanza delle moderne tecnologie per offrire ai clienti un’esperienza migliore e più soddisfacente.

“I consumatori sono disponibili ad interagire con i brand tramite applicazioni mobile se gli operatori sono in grado di offrire loro un reale valore aggiunto, che faccia davvero la differenza” spiega Chris Adams, vice president strategy, Oracle Food and Beverage. “Gli operatori nel settore food & beverage che sfruttano le opportunità offerte dalle tecnologie mobile ottengono un significativo vantaggio competitivo, grazie alla possibilità di ottenere nuove informazioni sulle preferenze e i trend emergenti in fatto di servizi e gusti”.

Dalla ricerca emergono numerosi dati interessanti

· Il 23% dei consumatori ha scaricato l’app di un ristorante o di un hotel: i due terzi di questi hanno più di tre app di questo genere sul proprio dispositivo

· I paesi della regione Asia – Pacifico sono in testa alla classifica: l’82% utilizza almeno una volta a settimana una app di questo tipo, rispetto al 54% dei consumatori dell’area nordamericana

· A livello globale, un consumatore su cinque ha scaricato una app per un servizio di consegna a domicilio del cibo e il 23% ha sul suo smartphone una app per prenotare hotel o ristoranti

· Quasi un terzo dei consumatori a livello mondiale (il 28%) ha ordinato e pagato cibo e bevande tramite una app sul proprio dispositivo almeno una volta; anche in questo caso, il maggiore utilizzo di questo tipo di servizio si rileva fra i consumatori dei paesi dell’Asia – Pacifico (37%).

“In passato lo sviluppo di app nel settore food & beverage era proibitivo in termini di costi e lavoro necessario per la maggior parte delle aziende sul mercato” commenta Adams. “Oggi, con un moderno sistema POS basato su cloud gli operatori possono più facilmente ampliare i loro investimenti in questo ambito e assumere il controllo della relazione con i propri clienti, favorendo al contempo la loro fidelizzazione nel lungo termine offrendo incentivi personalizzati, tramite un’esperienza mobile integrata”.

 

articoli correlati

AGENZIE

LoRo si aggiuduca l’incarico per la comunicazione del Gruppo De Cecco

- # # #

De Cecco - LoRo

Dopo una consultazione che ha visto in gara diverse agenzie, LoRo, la sigla milanese guidata da Lorenzo Zordan e Roberto Scotti (insieme nella foto) ha ottenuto l’incarico per la comunicazione pubblicitaria del Gruppo De Cecco.

“Occuparsi di pasta, almeno una volta nella vita professionale, è sempre stato un nostro desiderio”, commentano dall’agenzia. Quando poi si tratta di un marchio come De Cecco, terzo produttore di pasta al mondo, e primo nel settore della pasta di qualità, la soddisfazione e l’orgoglio sono ancora maggiori. L’incarico in realtà non riguarda solo la pasta, ma tutti i prodotti, anche se ovviamente sulla pasta – fatta ancor oggi secondo il “metodo De Cecco”, immutato da più di un secolo – sarà fondata la nuova strategia e concentrata la parte più consistente dell’investimento.

Dall’inizio dell’anno è la quarta acquisizione per LoRo, dopo le gare vinte per Lievitosohn e Fluibron di Chiesi e Polase Plus di Pfizer.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Giallozafferano interagisce con la community anche su Google Home

- # # # #

giallozafferano

Giallozafferano da oggi “parlerà” alla propria community anche su Google Home, lo smart speaker ad attivazione vocale da poco lanciato in Italia da Google. Il brand del Gruppo Mondadori diventa così accessibile tramite l’Assistente Google su tutti i device con esso compatibili: smartphone e tablet Android e iOS, smart speaker Google Home e Google Mini.

Attraverso Google Home è possibile interagire con l’aiuto cuoco digitale di Giallozafferano, che sarà in grado di instaurare con l’utente una conversazione naturale, gradevole e “friendly”: basta chiamarlo con il semplice comando vocale “Ok Google, fammi parlare con Giallozafferano” per avere l’aiuto necessario ai fornelli.

Il segreto è racchiuso nell’innovativa funzionalità Step by Step, che accompagna a voce chi cucina in ogni singola fase della preparazione – basta dire “indietro”, “ripeti” o “avanti” – consentendo anche ai cuochi meno esperti di creare la ricetta perfetta senza commettere errori. Attraverso lo Step by Step si può, infatti, seguire passo dopo passo le ricette, interrompendo se necessario e ricominciando a cucinare dal momento esatto in cui è stata interrotta la realizzazione del piatto. Il tutto sempre attraverso il comando “Ok Google, chiedi a Giallozafferano di ricominciare a cucinare”. Una feature particolarmente utile nel caso di pietanze che richiedono una lunga preparazione.

Con la nuova Action on Google di Giallozafferano sarà possibile scegliere una ricetta tra le 4.500 disponibili con un semplice “Ok Google, domanda a Giallozafferano la ricetta del tiramisù”, oppure ripassare la lista degli ingredienti con il comando “Ok Google, dimmi gli ingredienti”.

Il nuovo servizio offre tante funzionalità anche agli utenti che accedono a Giallozafferano da smartphone e tablet, con un utilizzo ancor più facile e immediato grazie al supporto di fotografie in alta qualità, che renderanno ogni passaggio ai fornelli ancora più intuitivo e semplice da realizzare.

Con questo nuovo progetto prosegue la brand strategy di Giallozafferano che, forte del successo del sito da cui sono nati un mensile che in poco più di un anno ha raggiunto una media di oltre 120.000 copie diffuse (fonte Ads, marzo 2018), una serie di libri e una trasmissione televisiva su Canale 5, può ora contare su un’offerta multicanale sempre più articolata.

articoli correlati

BRAND STRATEGY

Italiaonline rilancia Buonissimo, il portale food. Al via la partnership con Riso Gallo

- # # #

buonissimo

Dopo la sua acquisizione perfezionata lo scorso autunno, Italiaonline rinnova Buonissimo, sito storico dedicato al cibo e nella top 5 dei portali food italiani, con più di un milione di utenti mensili per un totale di circa 6 milioni di pagine viste, secondo le rilevazioni di Audiweb.

Design elegante e moderno, per valorizzare l’ampia offerta di contenuti, in particolare il Ricettario, le Videoricette e il Magazine. E poi tante rubriche e approfondimenti sul mangiar sano, le nuove tendenze, le tecniche di preparazione e cottura dei piatti, i suggerimenti per conoscere i vini e abbinarli correttamente, e in più reportage sui principali eventi del mondo food.

Nel nuovo Buonissimo sempre più spazio sarà dedicato ai grandi brand del cibo. La prima partnership, online nelle prossime settimane ed elemento all’interno di un più ampio progetto di storytelling, è quella con Riso Gallo, per il lancio di Riso Gallo Aroma con un progetto di content marketing che si estenderà anche su altri portali verticali e blogger in target. Il progetto fa parte delle iniziative custom a cura della concessionaria di pubblicità digitale iOL Advertising.

“Con il nuovo Buonissimo vogliamo rafforzare ulteriormente la nostra strategia di posizionamento su un settore, il food, e un target, donna e responsabile di acquisto, che da sempre nel nostro Paese attirano una quota significativa di investimenti pubblicitari”, sottolinea Domenico Pascuzzi, direttore National Marketing della business unit Large Account di Italiaonline. “Gli ingredienti del restyling sono una veste grafica moderna e accattivante, una nuova serie di rubriche che vanno ad arricchire lo storico ricettario di Buonissimo ottimamente posizionato sui motori di ricerca e infine, sul fronte dell’offerta adv, l’introduzione di due nuovi formati pubblicitari in linea con le guidelines della Coalition for Better Ads: la crispy skin e il billboard deluxe. Due formati interattivi e cross-device, che garantiscono elevati tassi di engagement e offrono molte possibilità in termini di sviluppo creativo”.

articoli correlati

MEDIA

Discovery Media incontra i centri media per discutere i trend della tv. Nasce DLab

- # # #

DLab - Discovery Media

Discovery Media presenta DLab, una serie di incontri che coinvolgono i centri media, dedicati ad alcuni temi che rappresentano i trend televisivi del momento. Parte oggi il primo appuntamento del ciclo dedicato al food, a seguire verranno organizzati incontri dedicati allo sport e ad altri temi cruciali per la dieta mediale italiana e non.

Anche i talent di Discovery hanno deciso di sposare l’iniziativa e saranno presenti agli incontri per dare il proprio punto di vista sui temi a cui prestano il volto nei programmi del gruppo. Ospite dell’incontro di oggi: Damiano Carrara, star di Bake Off Italia.

DLab sarà un vero e proprio laboratorio di idee, con lavori di gruppo e dicussioni aperte, che parte dalla condivisione di dati di ricerche internazionali sul consumo televisivo di alcuni contenuti, con l’obiettivo di condividere conoscenze e collaborare a quattro mani con i centri media per la comprensione e la definizione dei trend televisivi dei nostri giorni. Il punto di vista di Discovery Italia, un editore televisivo che per la sua storia e la sua vocazione rappresenta un vero e proprio esperto autorevole dei temi affrontati, si unisce a quello di coloro che tutti i giorni sentono il polso del mercato, collaborando con i vari brand, con un’unica parola d’ordine: collaborazione, per costruire insieme l’offerta del futuro.

“Siamo molto fieri di lanciare DLab”, ha dichiarato Claudio Costa, Sales Agencies Senior Director Discovery Media “un progetto che si inserisce nella nostra continua ricerca di modalità sempre nuove di dialogo con i nostri interlocutori chiave. DLab per noi rappresenta una svolta in questa direzione, un nuovo modo di raccontarci e fare formazione che nasce con l’obiettivo di coinvolgere attivamente coloro che tutti i giorni si misurano con il mercato, permettendo dunque di avere una visione più ampia e approfondita della costruzione dell’offerta editoriale targata Discovery e di comprenderne strategia e profondità di analisi. In quest’ottica, anche la partecipazione dei talent del gruppo ai lavori costituisce sicuramente un ulteriore valore aggiunto”.

Durante gli incontri dedicati al food, verranno presentati anche alcuni dati emersi dallo Studio internazionale “Food Lovers in Sud Europa” condotto da Strive Insight a dicembre 2017 in Italia, Francia e Spagna (la ricerca è condotta attraverso focus online, interviste individuali e survey online intervistando in ogni Paese 1.000 persone tra 18 e 70 anni). Dati che, per esempio, mettono in luce come quella per il food sia una vera e propria “mania” tra i viewer italiani:

– Il 76% degli italiani dichiara di seguire in tv programmi food e lifestyle
– 17 milioni (30%) gli italiani che ogni mese guardano almeno 2 ore di contenuti a tema food (fonte Auditel; periodo Q1 2018)
– Il food non è un contenuto “di genere”: il 40% dell’ascolto tv generato da maschi

Appuntamento al 23 maggio con il secondo incontro dedicato al food. Ospite d’eccezione: Benedetta Parodi.

articoli correlati

MEDIA

Nasce il nuovo bimestrale Pambianco Magazine Wine&Food

- # # # #

pambianco magazine wine food

Martedì 17 aprile, in occasione della 52° edizione di Vinitaly, Pambianco Strategia di Impresa ha presentato presso il double deck di Tannico il primo numero della rivista “Pambianco Magazine Wine&Food”. Un evento che ha visto coinvolti in qualità di sponsor tecnici importanti brand del settore come Levoni, Cantine Ferrari e l’acqua Plose e che ha richiamato un pubblico numeroso ed attento a cogliere il valore di questa nuova proposta editoriale del gruppo Pambianco.

Oggi, con gli oltre 41 miliardi di export realizzati lo scorso anno nel mondo agroalimentare, l’Italia inizia a giocare un ruolo da protagonista a livello internazionale. La centralità del settore è rafforzata peraltro dal fenomeno mediatico degli chef e dei programmi televisivi che ruotano attorno al food, dal boom delle startup settoriali legate a internet (si pensi all’e-commerce, ma anche a tutto il food delivery) e dagli investimenti finanziari mirati ai format di ristorazione. Insomma, non si tratta solo di un comparto che ha consolidato il proprio peso sulla bilancia commerciale, ma anche di un fenomeno culturale e sociale che sposta le dinamiche del mercato. Alla luce di queste considerazioni Pambianco, in veste di editore specializzato, dopo aver avviato il proprio percorso prima nella moda e più recentemente nel design e nel beauty, è oggi approdato nel wine & food anche con un magazine, dopo tre anni di informazione online.

David Pambianco, CEO di Pambianco Strategie di Impresa, ha commentato: “Questa rivista sarà anzitutto nuova per il mondo del vino e del food in quanto focalizzata sugli operatori e sul loro business. Pambianco Magazine Wine&Food si propone come uno strumento per mettere in contatto i diversi attori della filiera, offrendo loro uno strumento di informazione, di approfondimento e di analisi sui mercati per intercettare nuove opportunità di business. Il magazine si rivolge a produttori e brand di vino, ai brand del food, all’horeca di livello più alto e anche a quei new comers che, con l’esperienza maturata in altri settori, stanno cambiando il panorama della ristorazione ideando nuove formule replicabili ed esportabili. È in questo contesto che Pambianco Wine&Food vuol dare il suo contributo, con la consapevolezza di doversi guadagnare sul campo la promozione da new comer a benchmark di riferimento”.

Il gruppo editoriale Pambianco prosegue dunque nell’attuazione della propria strategia finalizzata ad offrire dei magazine settoriali che, per il loro approccio fortemente identificativo, diventino un punto di riferimento per gli imprenditori, i manager, i retailer e gli opinion leader dei vari settori di riferimento dell’eccellenza italiana.

articoli correlati