È il tifo che porta alla vittoria? Mastercard svela i risultati di una ricerca sul “12° uomo”

13 giugno 2018

cristiano ronaldo, mastercard

Il famoso effetto “12° uomo” è reale, e spesso porta i propri beniamini alla vittoria. A certificarlo è Mastercard, che ha svelato, insieme a un gruppo di psicologi, quanto sia reale e tangibile il beneficio che il tifo porta ai giocatori; poter ascoltare e guardare con i propri occhi il pubblico sugli spalti che incita con canti, striscioni, sventolando le bandiere e le sciarpe della propria squadra, ha una grande influenza a livello psicologico sui giocatori in campo, aiutandoli e stimolandoli, fino ad aumentare dell’8% la loro prestazione. Per questo motivo l’effetto del tifo è paragonabile a un altro giocatore che scende in campo insieme agli altri.

Lo studio del gruppo in oggetto è il primo di questo genere in tutta Europa ed evidenzia anche i diversi modi di celebrare e quanto questi possano essere una carta vincente per la vittoria. Il team di psicologi dietro questa ricerca ha anche scoperto che ad una vittoria o ad una sconfitta sono associate celebrazioni diverse da parte dei giocatori. Rientrano nella categoria delle squadre vincenti al primo posto i giocatori che festeggiano con il famoso “aereoplanino”, correndo per il campo a braccia aperte (82%), seguiti dai giocatori che festeggiano alzando il pugno (79%) e da quelli che si battono il petto (77%).

Inoltre, secondo la ricerca, le squadre che festeggiano abbracciandosi, scambiandosi il “cinque” o con una qualunque interazione fisica, hanno il 50% di possibilità in più di vincere. Mentre quelli che non festeggiano sono destinati il più delle volte a perdere (49%). Il punto di forza di Cristiano Ronaldo, il giocatore che ha collezionato il maggior numero di goal in Uefa Champions League, è proprio il suo modo di festeggiare, con la famosa posa, che spesso ha portato la sua squadra a vincere. Gli esperti suggeriscono che il miglior modo di celebrare, inizia allargando il torace, occupando più spazio possibile in campo, alzando la testa e tenendo i piedi ben distanziati, alla stessa larghezza delle spalle.

I tifosi che dagli spalti sorridono ai giocatori in campo influiscono sulle prestazioni della squadra durante la partita. Come dimostra la ricerca, infatti, vedere il sorriso di un’altra persona aiuta gli atleti a dare il massimo, sino al 12% in più rispetto all’effetto che può avere un espressione di rabbia o delusione. Bradley Busch, psicologo sportivo che ha contributo allo studio, e uno dei maggiori esperti del settore, svela il vademecum del tifoso Priceless in 5 mosse:

Fierezza e volume alto – supportare la propria squadra con canti e urla può davvero stimolarla a dare il meglio (sino al 7% in più) e a superare l’affaticamento.

Cantare, sempre – più si canta e meglio è: le canzoni aiutano a mantenere l’atmosfera di festa, anche, e soprattutto, per i giocatori in campo.

Mettere in mostra il proprio sostegno – striscioni, bandiere, magliette, qualunque segnale visivo che sia facilmente visibile dai giocatori li aiuta ad aumentare fino all’8% la loro prestazione.

Sorridere – speranza, orgoglio e felicità sono le migliori chiavi motivazionali e basta un sorriso per includerle tutte. Questo aiuta i giocatori a giocare meglio e ad aumentare la prestazione del 12%.

Indossare i colori della propria squadra – I tifosi delle due finaliste della UEFA Champions League 2018 dovrebbero indossare i colori della propria squadra: il rosso e il bianco (per ragioni diverse) sono associati alle migliori performance in campo.

Jeannette Liendo, SVP Marketing Europe Mastercard ha commentato: “Nella vita quotidiana siamo tutti sempre più distaccati gli uni dagli altri ed è affascinante vedere, invece, come interagire a livello fisico con i propri compagni di squadra mentre si festeggia sia la chiave del successo sul campo. Siamo orgogliosi di essere da più di 20 anni partner ufficiale della UEFA Champions League. Ci aspettiamo di assistere a qualcosa di davvero speciale dai tifosi che hanno aderito a #StartSomethingPriceless in vista della finalissima di Kiev il 26 maggio”. Fino al giorno della finale di Champions, Mastercard incoraggia i tifosi europei a condividere sui social i loro modi di celebrare goal e vittorie della propria squadra, con l’hashtag #StartSomethingPriceless.