Leo Burnett: nuovo management per continuare a essere al vertice del mercato

9 Febbraio 2018

Leo Burnett

Dall'Agenzia

Per Leo Burnett il nuovo anno si apre con importanti novità. Dopo l’uscita dal gruppo di Giorgio Brenna, Romeo Repetto viene nominato Amministratore Delegato della sede italiana del grande network americano e Selmi Barissever e Lorenzo Crespi assumono l’incarico di Direttori Creativi Esecutivi, affiancando Alessandro Antonini.

Romeo Repetto, con più di venticinque anni di esperienza nel settore, passa da BGS a Leo Burnett nel 1998 dove lavora su grandi clienti nazionali ed internazionali come Nintendo, Kellogg’s, Campari e Lindt. Assume poi l’incarico di General Manager della sede di Milano. Nel 2013 viene nominato CEO di Publicis Italia e, dalla fine del 2014, diventa Amministratore Delegato di DLV Bbdo e Proximity Bbdo, ottenendo in poco più di tre anni risultati evidenti all’intera industry in termini di acquisizioni e business.

Lorenzo Crespi inizia a lavorare in pubblicità nel 2002 in DDB Milano. Negli anni successivi ha lavorato per DLV BBDO e Armando Testa. Il percorso di Selmi Barissever, invece, si è sviluppato passando attraverso agenzie come DLV BBDO, Legas Delaney e Amirati Puris Lintas. Dal 2010 entrano in coppia come direttori creativi in Havas Milan, dove hanno un ruolo chiave nel processo di evoluzione dell’agenzia e hanno vinto numerosi premi nazionali e internazionali, come Eurobest, Epica, ADCI, ADCE, Mobius, New York Festival, e 4 Leoni al Festival di Cannes.

“In un mondo che cambia così rapidamente, per continuare a essere al vertice del mercato, è necessario rinnovarsi in termine di organizzazione, di approccio e di tipologia di persone, a maggior ragione nei ruoli chiave. La scelta di Romeo, quale CEO di Leo Burnett, ci è sembrata ideale. Grazie alla sua pluriennale esperienza, Romeo porta con sé competenze specifiche su strategie di comunicazione internazionale, digital, shopper marketing, design, consumer engagement e su tutti gli aspetti di comunicazione integrata, ma allo stesso tempo conosce perfettamente il valore dello Humankind, la filosofia che caratterizza tutto il processo di lavoro dell’agenzia. Selmi e Lorenzo sono due tra i direttori creativi che si sono distinti di più sul mercato italiano in questi ultimi anni e che credono nel valore di una creatività basata su dati e insights, perché per età e per cultura sono naturalmente propensi a questo.
Sono quindi certa che il nuovo team permetterà all’agenzia di rispondere in modo sempre più smart alle esigenze dei clienti”, dichiara Daniela Canegallo, CEO di Publicis Communications (nella foto).