Rocket Fuel rafforza il proprio native advertising con l’intelligenza artificiale

19 maggio 2017

Programmatic

Dall'azienda

Rocket Fuel annuncia la disponibilità di funzionalità di native advertising per aiutare le agenzie e i brand a potenziare le loro campagne di digital marketing.

“Poichè agenzie e brand sono impegnati ad anticipare le esigenze dei consumatori e fornire esperienze autentiche e rilevanti agli utenti, abbiamo considerato un’opportunità per i nostri clienti sfruttare il native per estendere le loro campagne esistenti”, ha dichiarato Enrico Quaroni, Regional Director Southern Europe and Mena Region di Rocket Fuel (nella foto). “In Rocket Fuel, il native è semplice, scalabile e ancora più efficace nello sfruttare la nostra piattaforma di predictive marketing e le inventory di qualità dei nostri partner”.

La richiesta di native advertising è in rapida crescita: secondo BI Intelligence il 2021 il 74% del totale del fatturato del display negli Stati Uniti sarà nativo, con un aumento di quasi il 25% rispetto al 2015. A questa necessità Rocket Fuel risponde integrando la sua piattaforma di predictive marketing nell’offerta native dei partner per consentire l’accesso alla migliore inventory contestuale su spazi in-feed e widget di recommendation.
Attraverso partnership con fornitori come DoubleClick Ad Exchange, Nativo Open, PubNative, Sharethrough e TripleLift, Rocket Fuel fornisce accesso a inventory native di alta qualità per permettere ai clienti di aumentare l’engagement con la target audience nei momenti di maggiore ricettività.

Attualmente, l’offerta native di Rocket Fuel è disponibile in open beta sulla piattaforma per i clienti che desiderano aggiungere alle proprie campagne contenuti coinvolgenti e contestualmente pertinenti.