GE lancia la campagna social “Women in Tech”. Obiettivo: colmare il Technology Gender Gap entro il 2020

17 febbraio 2017

GE

Dall'Azienda

General Electric punta ad avvicinare la popolazione femminile al mondo della tecnologia con la campagna social “Women in Tech”. Per il Gruppo digitale-industriale, presente in Italia dal 1921, le vere star sono le donne impegnate in campo tecnico-scientifico, donne che con le loro parole e le loro esperienze possono ispirare chi ha deciso di percorrere la loro stessa strada strada.

Secondo uno studio pubblicato da GE, oggi negli Stati Uniti solo il 14% di tutti gli ingegneri e il 25% di tutti i professionisti IT sono donne. Numeri simili a quelli di GE Italia, dove le dipendenti che lavorano in posizioni tecnico-ingegneristiche (digital technology, ebusiness, engineering technology e information technology) sono 350, ovvero il 14,7% sul totale di 2.389 impiegati negli stessi ruoli. In generale invece il numero complessivo di donne che lavorano in GE Italia è 1.785, il 15.5% sul totale dei dipendenti GE nel Paese, 11.506.

Proprio per cominciare a colmare il Technology Gender Gap, GE ha lanciato la campagna social “Women in Tech”: una serie di video-interviste realizzate tramite Periscope e dedicate alle donne di GE Italia con un background formativo di tipo scientifico/tecnologico (ingegneri, programmatori, matematici, fisici, etc). Le testimonianze verranno pubblicate periodicamente anche con dei post sull’account Twitter @GE_Italia: le donne intervistate affronteranno temi come l’importanza di una formazione scientifica nel mercato odierno e racconteranno le proprie passioni e la crescita professionale all’interno di GE, dal punto di vista tecnico e manageriale. Ascoltando le loro esperienze, le giovani interessate a seguirne le orme nel settore tecnologico-scientifico potranno così indentificare dei modelli a cui ispirarsi.

Un po’ come Mildred Dresselhaus, scienziata statunitense definita la “regina della scienza del carbonio”, professoressa emerita di fisica e ingegneria elettronica al MIT, già insignita della National Medal of Science e del Premio Enrico Fermi. Mildred è la protagonista del video clip con cui GE risponde alla domanda “E se trattassimo le grandi scienziate come delle star?”, immaginando un mondo in cui, ad esempio, le bimbe ricevono bambole raffiguranti la ricercatrice e i genitori chiamano le proprie figlie Millie in suo onore.

Ma la campagna social rappresenta solo un primo passo: l’obiettivo dell’azienda è infatti quello di arrivare a 20.000 donne assunte in ruoli scientifici e tecnologici entro il 2020 e di raggiungere la parità di genere in tutti i programmi tecnici di base, andando così a colmare un Technology Gender Gap ancora troppo vasto.

“Per una società come la nostra il contributo delle donne è sempre più importante: i ruoli professionali nelle fabbriche del futuro fanno sempre meno leva sull’impegno fisico e sempre più affidamento sulle capacità creative e intellettuali”, ha affermato Sandro De Poli, Presidente e AD GE Italia e Israele. “Per completare la trasformazione di GE in un’azienda digitale-industriale le quasi 1800 dipendenti di GE Italia sono fondamentali, ma non sono abbastanza. Perciò contiamo di continuare a incrementare la loro presenza in azienda nei prossimi anni”.