MEDIA

JCDecaux si aggiudica le pensiline dei bus londinesi per otto anni con 700 milioni

- # # # # # #

JCDecaux, numero uno nel settore della comunicazione esterna al mondo (nonché numero uno nel Regno Unito), si è aggiudicato da Transport for London (TfL) il più importante contratto pubblicitario al mondo per pensiline per i mezzi di trasporto, del valore di 700 milioni di euro per un periodo di 8 anni.

Dopo il recente lancio dello schermo digitale da 120 m2 della Stazione di Waterloo, del dispositivo digitale iconico situato sulla Old Street Roundabout EC1 e delle torri digitali del terminale T5 dell’aeroporto di Heathrow, JCDecaux continua a trasformare il paesaggio della comunicazione esterna di Londra. La digitalizzazione delle pensiline di Londra permetterà di creare un’impronta digitale integrale della capitale che coprirà tutte le posizioni strategiche del percorso dei consumatori.

“La nostra rete di autobus trasporta quotidianamente 6,5 milioni di passeggeri”, ha sottolineato Leon Daniels, Direttore Generale in carica dei Trasporti di superficie di TfL, “e con le circa 5.000 pensiline, situate tutte in luoghi di primissimo ordine nella capitale, gli inserzionisti dispongono di una straordinaria opportunità per raggiungere i nostri utenti”.

“L’economia e la popolazione di Londra sono in piena espansione”, ha confermato Jean-Charles Decaux, Presidente del CdA e Co-Direttore Generale di JCDecaux. “La città, che sta cambiando a un ritmo senza precedenti dopo l’epoca vittoriana, avrà 10 milioni di abitanti entro il 2030, rafforzando così il suo valore come mercato per gli inserzionisti. Questo contratto, in combinazione con le altre concessioni per pensiline detenute da JCDecaux a Londra, permette di creare un’offerta unica di 15.000 impianti da 2 m² retroilluminati, che apre la strada ad una trasformazione digitale senza precedenti”.

JCDecaux succederà a Clear Channel UK, attuale titolare del contratto, a partire dal 1° Gennaio 2016.

articoli correlati

Lascia un commento

Devi essere loggato per poter commentare.